Grafene e alghe marine: nasce un nuovo composto dai molteplici usi


Il grafene grazie alla sua proprietà di resistenza che lo rendono particolarmente versatile e applicabile in ogni campo e utilizzo, tanto che in team di ricercatori della Brown University hanno pensato di unirlo alle alghe marine. Il risultato è stato più soddisfacente di quanto previsto, ma come sono arrivati fino a questo punto?
Nei campi della biomedicina, viene utilizzato spesso un composto, un idrogel per essere precisi, prodotto da un materiale che si trova in grandi quantità nelle alghe marine, ovvero l’alginato. L’effettiva utilità di questo materiale scende a zero per un problema di resistenza del materiale stesso; nella forma attuale risulta essere molto fragile e gli usi a lungo termine ipottizabili. Alla Brown University hanno unito l’alginato e l’ossido di grafene usando la tecnologia di stampa 3D.
Il nuovo materiale composito realizzato, formato dai nanomateriali (l’ossido di grafene), è in grado di modificare la propria consistenza in base a determinati stimoli e queste modifiche possono anche avvenire in tempo reale attraverso degli stimoli indotti. L’utilizzo del grafene con il composto prodotto dalle alghe marine ha trasmesso al nuovo materiale compositi parte delle sue proprietà, non solo la resistenza, ma anche quella di essere repellente agli oli.
I legami ionici presenti all’interno del composito finale risultano essere abbastanza resistenti da contenere il prodotto, ma anche cambiare forma o consistenza nel momento del bisogno. Il nuovo materiale è ancora in fase sperimentale, ma i primi utilizzi potrebbero risultare molti lontani dal campo biomedico. Si parla già di un particolare strato che potrebbe rivestire gli scafi delle navi così da renderle oleorepellenti.


Leggi anche

Nella competizione dei materiali leggeri da costruzione e di design, i compositi sono tra i vincitori. Infatti, attualmente, l’impulso maggiore proviene dall’industria dei compositi, in particolare dai progressi tecnologici nell’intero processo di produzione. Dal 6 all’8 novembre questo sarà l’obiettivo dell’evento COMPOSITES EUROPE che si svolgerà a Stoccarda….

Leggi tutto…

TexComp-13, la conferenza internazionale biennale interamente dedicata ai materiali compositi rinforzati con tessuti, è stata recentemente ospitata, per la prima volta in Italia, presso il Politecnico di Milano con il patrocinio di Assocompositi. La modellazione computazionale, la caratterizzazione meccanica e la valutazione non distruttiva dei materiali compositi rinforzati con tessuti hanno avuto un ruolo rilevante nel corso delle conferenze che si sono svolte dal17 al 19 settembre scorso. Ora è possibile consultare gli atti…

Leggi tutto…

Il grafene è una delle promesse tecnologiche degli ultimi anni che potrebbe consentire ai chip delle prossime generazioni di sfondare i limiti fisici dei chip al silicio, in uso fin dagli albori della tecnologia dei semiconduttori. Si potrebbero così raggiungere frequenze di clock dell’ordine dei TeraHertz

Leggi tutto…

L’evento, organizzato da MSC Software, si terrà al Museo Nicolis di Villafranca di Verona, il 4 Ottobre. La giornata, dedicata interamente ai materiali e ai processi innovativi, vedrà l’incontro e il confronto tra ingegneri, analisti ed esperti di simulazione. L’obbiettivo di MSC Software è promuovere l’utilizzo di tecnologie di progettazione software avanzate e di servizi di simulazione per i processi produttivi…

Leggi tutto…

Una prima generazione di dispositivi micro-invasivi prototipali compatibili con la risonanza magnetica è stata sviluppata nel corso del progetto europeo Openmind. Si tratta di dispositivi medici prodotti con una tecnologia flessibile, che permette l’utilizzo di compositi nella realizzazione di dispositivi su misura. Questi dispositivi apriranno prospettive del tutto nuove nella pratica chirurgica

Leggi tutto…