Grafene e alghe marine: nasce un nuovo composto dai molteplici usi


Il grafene grazie alla sua proprietà di resistenza che lo rendono particolarmente versatile e applicabile in ogni campo e utilizzo, tanto che in team di ricercatori della Brown University hanno pensato di unirlo alle alghe marine. Il risultato è stato più soddisfacente di quanto previsto, ma come sono arrivati fino a questo punto?
Nei campi della biomedicina, viene utilizzato spesso un composto, un idrogel per essere precisi, prodotto da un materiale che si trova in grandi quantità nelle alghe marine, ovvero l’alginato. L’effettiva utilità di questo materiale scende a zero per un problema di resistenza del materiale stesso; nella forma attuale risulta essere molto fragile e gli usi a lungo termine ipottizabili. Alla Brown University hanno unito l’alginato e l’ossido di grafene usando la tecnologia di stampa 3D.
Il nuovo materiale composito realizzato, formato dai nanomateriali (l’ossido di grafene), è in grado di modificare la propria consistenza in base a determinati stimoli e queste modifiche possono anche avvenire in tempo reale attraverso degli stimoli indotti. L’utilizzo del grafene con il composto prodotto dalle alghe marine ha trasmesso al nuovo materiale compositi parte delle sue proprietà, non solo la resistenza, ma anche quella di essere repellente agli oli.
I legami ionici presenti all’interno del composito finale risultano essere abbastanza resistenti da contenere il prodotto, ma anche cambiare forma o consistenza nel momento del bisogno. Il nuovo materiale è ancora in fase sperimentale, ma i primi utilizzi potrebbero risultare molti lontani dal campo biomedico. Si parla già di un particolare strato che potrebbe rivestire gli scafi delle navi così da renderle oleorepellenti.


Leggi anche

Sviluppato il primo materiale termoelettrico al mondo a partire da materiali polimerici modificati con l’aggiunta di nanotubi. Permetteranno di ricaricare i dispositivi mobili senza energia aggiuntiva, se non quella proveniente dal calore umano…

Leggi tutto…

All’interno del progetto di ricerca europeo “ComMUnion”, il Fraunhofer Institute for Production Technology (IPT) e il Fraunhofer Institute for Laser Technology (ILT) con sede ad Aachen, in Germania, stanno lavorando in collaborazione con 14 partners provenienti dal mondo dell’industria, della ricerca e dell’accademia, per sviluppare processi industriali e soluzioni per la fabbricazione di materiali leggeri ibridi, combinando metalli e compositi a matrici polimerica, con l’obiettivo di impiegarli nel settore automotive e aerospaziale….

Leggi tutto…

I ricercatori del gruppo della Dott.ssa Stefania Grecea della University of Amsterdam’s Research Priority Sustainable Chemistry hanno presentato un design ispirato alle strutture porose delle foglie del pioppo nero per migliorare le caratteristiche assorbenti dei materiali MOFs. Obiettivo: rendere più efficiente il processo di separazione selettiva di acqua e alcol nel bioetanolo in modo da poterlo impiegare come combustibile ecologico. Ma si prevedono possibili applicazioni dei nuovi compositi MOF anche in altri settori industriali…

Leggi tutto…

3M traduce la scienza in soluzioni capaci di migliorare concretamente la vita di tutti i giorni. Dalla base di 51 piattaforme tecnologiche, 3M presenta soluzioni innovative in aree di eccellenza; solo qualche esempio: salute, automotive, sicurezza, industria, architettura, aereospace, grafica, energia, industria e consumo….

Leggi tutto…

Testare l’idoneità di nuovi tessuti da usare nel calcestruzzo tessile diventerà più semplice, grazie allo studio di Martin Scheurer, dottorando dell’Institut für Textiltechnik (ITA) della RWTH Aachen University, che il mese scorso ha vinto l’Hanns Voith Foundation Prize 2019 nella categoria New Materials. Con il metodo di Scheurer una buona valutazione iniziale di idoneità potrà essere effettuata con tre diversi test contro gli oltre cinquanta attuali, con ovvie riduzioni di tempi e di costi per le aziende….

Leggi tutto…