Grafene e alghe marine: nasce un nuovo composto dai molteplici usi


Il grafene grazie alla sua proprietà di resistenza che lo rendono particolarmente versatile e applicabile in ogni campo e utilizzo, tanto che in team di ricercatori della Brown University hanno pensato di unirlo alle alghe marine. Il risultato è stato più soddisfacente di quanto previsto, ma come sono arrivati fino a questo punto?
Nei campi della biomedicina, viene utilizzato spesso un composto, un idrogel per essere precisi, prodotto da un materiale che si trova in grandi quantità nelle alghe marine, ovvero l’alginato. L’effettiva utilità di questo materiale scende a zero per un problema di resistenza del materiale stesso; nella forma attuale risulta essere molto fragile e gli usi a lungo termine ipottizabili. Alla Brown University hanno unito l’alginato e l’ossido di grafene usando la tecnologia di stampa 3D.
Il nuovo materiale composito realizzato, formato dai nanomateriali (l’ossido di grafene), è in grado di modificare la propria consistenza in base a determinati stimoli e queste modifiche possono anche avvenire in tempo reale attraverso degli stimoli indotti. L’utilizzo del grafene con il composto prodotto dalle alghe marine ha trasmesso al nuovo materiale compositi parte delle sue proprietà, non solo la resistenza, ma anche quella di essere repellente agli oli.
I legami ionici presenti all’interno del composito finale risultano essere abbastanza resistenti da contenere il prodotto, ma anche cambiare forma o consistenza nel momento del bisogno. Il nuovo materiale è ancora in fase sperimentale, ma i primi utilizzi potrebbero risultare molti lontani dal campo biomedico. Si parla già di un particolare strato che potrebbe rivestire gli scafi delle navi così da renderle oleorepellenti.


Leggi anche

Lavesan Srl è una realtà imprenditoriale solida ed in continua espansione che ha raggiunto l’obiettivo di proporsi alla clientela come una soluzione unica e completa per il mondo dei compositi. L’azienda offre un’ampia varietà di prodotti studiati e realizzati seguendo le necessità produttive del cliente: resine; gelcoat; adesivi poliesteri e tessuti in fibra di vetro….

Leggi tutto…

Apodius GmbH, azienda del gruppo Hexagon Manufacturing Intelligence (MI), produce sistemi di misura per l’assicurazione qualità nella produzione di componenti compositi rinforzati con fibre. Con l’acquisizione di Apodius GmbH, Hexagon MI estende le proprie competenze al campo dei materiali compositi in carbonio (CFK)….

Leggi tutto…

Il primo robot progettato a basso costo, al pari di una televisione di ultima generazione. Il robot è stato realizzato da un team di 32 ricercatori e designer dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova. Al massimo entro 18 mesi auspicano la produzione in serie, presto entrerà nelle nostre case….

Leggi tutto…

“Horizon 202”, il nuovo programma realizzato per agevolare e finanziare progetti di ricerca e di crescita nel settore manifatturiero. L’Unione Europea ha messo a disposizione 11,5 milioni di euro per il progetto “Manunet III: ERA NET on advanced manufacturing technologies”, in attesa del secondo bando previsto per il14 gennaio 2019…

Leggi tutto…

Un nuovo design, il robot milliDelta, ideato e realizzato da un team di Harvard negli Stati Uniti. Si supera la sfida di miniaturizzazione, integrando la tecnica di microfabbricazione ispirata agli origami con materiali compositi ad alte prestazioni. È così che il milliDelta può operare con precisione ad alta velocità, forza e micrometro, rendendo possibile una serie di operazioni di micromanipolazione nella produzione e nella medicina….

Leggi tutto…