Grafene e alghe marine: nasce un nuovo composto dai molteplici usi


Il grafene grazie alla sua proprietà di resistenza che lo rendono particolarmente versatile e applicabile in ogni campo e utilizzo, tanto che in team di ricercatori della Brown University hanno pensato di unirlo alle alghe marine. Il risultato è stato più soddisfacente di quanto previsto, ma come sono arrivati fino a questo punto?
Nei campi della biomedicina, viene utilizzato spesso un composto, un idrogel per essere precisi, prodotto da un materiale che si trova in grandi quantità nelle alghe marine, ovvero l’alginato. L’effettiva utilità di questo materiale scende a zero per un problema di resistenza del materiale stesso; nella forma attuale risulta essere molto fragile e gli usi a lungo termine ipottizabili. Alla Brown University hanno unito l’alginato e l’ossido di grafene usando la tecnologia di stampa 3D.
Il nuovo materiale composito realizzato, formato dai nanomateriali (l’ossido di grafene), è in grado di modificare la propria consistenza in base a determinati stimoli e queste modifiche possono anche avvenire in tempo reale attraverso degli stimoli indotti. L’utilizzo del grafene con il composto prodotto dalle alghe marine ha trasmesso al nuovo materiale compositi parte delle sue proprietà, non solo la resistenza, ma anche quella di essere repellente agli oli.
I legami ionici presenti all’interno del composito finale risultano essere abbastanza resistenti da contenere il prodotto, ma anche cambiare forma o consistenza nel momento del bisogno. Il nuovo materiale è ancora in fase sperimentale, ma i primi utilizzi potrebbero risultare molti lontani dal campo biomedico. Si parla già di un particolare strato che potrebbe rivestire gli scafi delle navi così da renderle oleorepellenti.


Leggi anche

Empa aerogel

I ricercatori di Empa, centro di ricerca interdisciplinare svizzero per la scienza e la tecnologia dei materiali, sono riusciti ad applicare gli aerogel alla microelettronica: hanno infatti sviluppato aerogel basati su nanofibre di cellulosa che non hanno rivali in termini di peso e che possono schermare efficacemente i campi elettromagnetici prodotti da motori elettrici e dispositivi elettronici…

Leggi tutto…

La Graduate School of Engineering della Tohoku University, la Graduate School of Information Sciences e NEC Corporation stanno lavorando insieme a un sistema integrato in grado di accelerare lo sviluppo della plastica rinforzata con fibra di carbonio (CFRP) per strutture aeronautiche…

Leggi tutto…

AZL Aachen SMC processing

In arrivo due progetti che dovrebbero migliorare la conoscenza delle caratteristiche dei materiali compositi SMC (Sheet Moulding Compound) e sviluppare una nuova metodologie di simulazione di processo e mappatura con simulazione della struttura per ridurre i costi di produzione dei componenti leggeri…

Leggi tutto…

ASICS METASPRINT

Gli scienziati dell’ASICS Institute of Sport Science di Kobe hanno sviluppato una nuova tecnologia CFRTP (Carbon Fiber Reinced Thermoplastics). In stretta collaborazione con un team di partner intersettoriali, hanno scoperto un nuovo utilizzo dei materiali compositi per far avanzare lo sviluppo di scarpe da pista per velocisti…

Leggi tutto…

Fraunhofer IPT Augmented reality system for manufacturing FRP

La fabbricazione di prodotti in plastica rinforzata con fibre (FRP) spesso comporta ancora una serie di fasi di lavoro manuale, come la preformatura. Per supportare questo processo, il Fraunhofer Institute for Production Technology IPT di Aquisgrana, in Germania, ha sviluppato un software intuitivo per occhiali per realtà aumentata disponibili in commercio: il sistema specifica la corretta deposizione dei semilavorati sotto forma di rappresentazione virtuale sullo stampo e può quindi migliorare in modo significativo la qualità e le prestazioni dei processi di produzione di FRP…

Leggi tutto…