I vantaggi dei compositi nel settore della strumentazione edilizia

Il progetto, che fa parte dell’iniziativa governativa TRIO Program, finanziata dal Ministero dell’Industria e del Commercio della Repubblica Ceca, è frutto di una partnership accademica e commerciale tra CompoTech PLUS e il Centro di Ricerca della Facoltà di Ingegneria Meccanica dell’Università della Boemia Occidentale di Pilsen. Mira a favorire una maggiore innovazione a livello nazionale nell’utilizzo di tecnologie chiave come la fotonica, la nanotecnologia e la biotecnologia per la produzione di materiali avanzati.

 

Ondřej Uher, direttore R&S di CompoTech, spiega come il lavoro sia stato suddiviso tra le due squadre:

Il team di ingegneria CompoTech è responsabile della gestione del progetto, dello sviluppo e della produzione di tutti i campioni di prova funzionali e dei componenti in composito di carbonio epossidico per alberi e gru telescopiche. I tecnici di RTI, invece, sono concentrati sulla creazione di modelli CAD e analisi cinematiche, impostando le proprietà e le prestazioni d’uso specifiche rispetto agli standard della gru. Al momento stanno portando avanti una serie di test per verificare tutti i parametri di progettazione dei componenti chiave, inclusa la prova di fatica dinamica della gru telescopica”.

 

Nuove tecnologie sempre più performanti

Il design della gru composita è stato progettato a partire dalle dimensioni e dai parametri prestazionali di una gru telescopica mobile in acciaio esistente. È stato utilizzato un diverso metodo di produzione dei componenti epossidici in carbonio per l’albero e il braccio. L’albero ha due parti interconnesse:

  • una sezione di base quadrata inferiore
  • una sezione conica dell’albero superiore.

Il braccio telescopico è costituito da tre sezioni di profilo ottagonale interconnesse che si incastrano tra loro. Per realizzare le sezioni cave in carbonio epossidico e il braccio telescopico ottagonale della gru è stata impiegata la tecnologia di posizionamento automatizzata della fibra di carbonio assiale di proprietà di Compotech.

I giunti ad alta resistenza e i punti di fissaggio sul montante e sulla sezione del braccio esterno sono stati creati ricorrendo alla tecnica a ciclo integrato in fibra continua di CompoTech (ILT). La combinazione di queste tecnologie produce componenti epossidici rinforzati con fibra di carbonio con un modulo E di 327 GPa, che è del 69% più rigido dell’acciaio inossidabile (193 GPa) e del 56% più rigido dell’acciaio per utensili (210 GPa).   

 

Leggerezza e bassi costi: i vantaggi sul mercato

La gru in composito di carbonio è molto competitiva dal momento che:

  1. può essere prodotta utilizzando un processo automatizzato
  2. elimina la necessità di saldatura o trattamento termico.

A seconda dell’applicazione, è possibile utilizzare un sistema di rivestimento composito al posto di un sistema di verniciatura multistrato che spesso richiede diverse applicazioni nel tempo. Oltre ad offrire un notevole risparmio di peso rispetto all’acciaio, il sistema composito riduce anche i costi di manutenzione durante l’intero ciclo di vita, non essendo soggetto a corrosione. Il braccio in composito di carbonio è particolarmente indicato per le gru telescopiche mobili montate su veicoli commerciali e militari o su imbarcazioni da lavoro e piattaforme offshore. 

 


Leggi anche

I materiali tessili avanzati sono utilizzati ampiamente nel settore dell’ingegneria civile, sia per applicazioni geotecniche, allo scopo di evitare frane e cedimenti di argini, sia per il rinforzo delle strutture di edifici storici e la protezione dai terremoti. Inserendo in questo tipo di materiali dei sensori, è possibile conferire agli stessi nuove funzionalità, come il monitoraggio dello stato di salute delle strutture e la possibilità di prevenire danni imminenti…

Leggi tutto…

Nel 2013 il Dubai World Trade Center si è rivolto a Polieco Group per la realizzazione del Conference and Exhibition Centre, il centro degli eventi di Expo 2020 a Dubai, un progetto moderno nel quale non era contemplabile l’utilizzo della classica copertura in ghisa o metallo, che sarebbe andata in contrasto con lo stile dell’opera. Grazie alle caratteristiche distintive del materiale composito utilizzato, il chiusino KIO si è rivelato invece un prodotto maneggevole e sicuro e quindi la scelta migliore per questo tipo di progetto….

Leggi tutto…

La combinazione di nido d’ape e polipropilene permette di alleggerire i materiali, aumentandone le proprietà meccaniche. Nidaplast offre core material che consentono la realizzazione di pannelli sandwich strutturali e leggeri, con i quali è possibile realizzare facciate armoniche, senza appesantire le strutture degli edifici. Applicando strati ridotti di fibra di vetro, alluminio o marmo, infatti, è possibile modificare con estrema facilità l’estetica di un palazzo, garantendo al contempo una buona resistenza alle intemperie….

Leggi tutto…

Il progetto di ristrutturazione e di miglioramento sismico del Collegio Universitario ADISU di Perugia prevedeva la conservazione dell’attuale destinazione d’uso, migliorando il servizio offerto agli utenti. L’obiettivo è stato quello di eliminare le carenze strutturali, cercando di ottenere un miglioramento del comportamento strutturale in termini di risposta all’azione sismica. È stata condotta una modellazione con analisi dinamica lineare, risultando un miglioramento globale degli edifici interessati. Quindi si è deciso di rafforzare prima le travi e i pilastri esistenti in c.a. con FRP in carbonio, quindi i nodi con piastre in acciaio. Gli elementi in c.a. ammalorati sono stati riparati mediante asportazione del cls deteriorato, trattamento dei ferri e successiva ricostruzione del cls….

Leggi tutto…