Il padiglione ultraleggero di fibre composite costruito con ingegneria robotica

“In biologia la maggior parte delle strutture portanti sono fatte di fibre composite,” spiega il team del dipartimento di Computational Design and Construction (ICD) dell’Università di Stoccarda, che si occupa del design del padiglione. “Queste si costituiscono da fibre, come per esempio la cellulosa, la chitina e il collagene, e da un materiale composito che le supporta e mantiene la loro posizione. La perfomance straordinaria e la risorsa insuperata dell’efficienza della struttura biologica è dovuta allo stelo di questi sistemi fibrosi. La loro organizzazione, direzionalità e densità è ben connessa e localmente variata per assicurare che il materiale sia posto esclusivamente dov’è necessario.”

Il Padiglione BUGA in fibra ha applicato nell’architettura questo principio biologico di peso che si adatta e il sistema altamente differenziato di fibre composite. Le fibre di vetro o di carbone rinforzate dalla plastica usate per la costruzione di questo edifico, sono appropriate per questo tipo di approccio perché mettono in comunicazione le loro caratteristiche fondamentali con i compositi naturali. La ICD e la ITKE hanno lavorato su questa ricerca interdisciplinare dei principi biologici e delle ultime tecnologie computazionali. Solo pochi anni fa, questo padiglione sarebbe stato impossibile da progettare e da realizzare.

Il padiglione è fatto da più di 150.000 metri di vetro e fibre di carbone. Un nuovo approccio per la additive manufacturing, sviluppata dall’università di Stoccarda, è stato implementato producendo i componenti della struttura con un coreless filament winding robotico. I filamenti fibrosi sono collocati liberamente in mezzo a due impalcature robotiche rotanti, e la componente della forma predefinita emerge soltanto dall’interazione dei filamenti, eliminando dunque la necessità di qualsiasi forma o centro. È stato prodotto un reticolo di fibre di vetro traslucido, e le fibre di carbone nero sono state posizionate solo dove sono necessarie a livello strutturale, in questo modo il risultato è che si congiunge funzionalità e forma.

Il padiglione copre un’area di circa 400 metri quadri e raggiunge un’ampiezza maggiore di 23 metri. È avvolta da una membrana ETFE completamente trasparente, meccanicamente sovraccaricata in precedenza. La struttura portante è fatta interamente di 60 fibre composite costruite su misura, ed è approssimativamente cinque vote più leggera di una comune struttura in acciaio.

La ricerca sulle fibre composite che permettono di costruire sistemi e strutture, continuerà al nuovo Cluster of Excellence “Integrative Computational Design and Construction for Architecture” presso l’Università di Stoccarda.

 


Leggi anche

I compositi realizzati con materiali inorganici autoassemblanti sono apprezzati per la loro forza unica e per le proprietà termiche, ottiche e magnetiche. Tuttavia, l’autoassemblaggio può essere difficile da controllare e le strutture formate fortemente disordinate, con conseguenti difetti durante la produzione su larga scala. Un gruppo di ricercatori dell’Università dell’Illinois e dell’Università del Michigan ha sviluppato una tecnica di modellazione che garantisce maggiore ordine e dà luogo a nuove strutture 3-D in una classe speciale di materiali, chiamati eutettici, per formare nuovi materiali ad alte prestazioni…

Leggi tutto…

Il progetto MAT4RAIL ha sviluppato nuove formulazioni di resine ibride che consentiranno di sostituire le componenti metalliche dell’infrastruttura e dei vagoni ferroviari con materiali compositi più leggeri. Le parti interne intelligenti delle vetture sono state inoltre progettate per aumentare la capienza e offrire un maggiore comfort per i passeggeri…

Leggi tutto…

Un gruppo di ricercatori del Georgia Institute of Technology e The Ohio State University ha sviluppato un nuovo materiale polimerico, che cambia forma a contatto con i campi magnetici. Questo nuovo materiale potrebbe trovare applicazione in molti settori diversi…

Leggi tutto…

Prorogato di altri 12 mesi il periodo transitorio che ammette l’impiego di materiali compositi FRCM per il consolidamento di costruzioni esistenti, al termine del quale potranno essere impiegati solo materiali qualificati in possesso di Certificato di Valutazione Tecnica rilasciato dal Servizio tecnico centrale del Consiglio superiore dei Lavori pubblici…

Leggi tutto…

Un team di ricercatori del KTH Royal Institute of Technology ha sviluppato un nuovo materiale composito costituito dalla combinazione di nano fibrille di cellulosa di legno (CNF) e MXene, un materiale conduttore bidimensionale…

Leggi tutto…