Il progetto pilota europeo di Rath per fibre in ossido-ceramica Cmc

Il gruppo austriaco Rath si appresta ad aprire uno stabilimento a Mönchengladbach, in Germania, dove sviluppare una fibra in ossido-ceramica di alta fascia, componente chiave per la produzione dei compositi in ceramica Cmc. La nuova fibra viene in parte già elaborata e prodotta da Rath, una versione pilota al centro di un progetto europeo per competere con gli attori globali del settore.

Il mercato delle fibre rinforzate Cmc è dominato dai produttori americani. L’obiettivo del gruppo Rath, con oltre 125 anni di esperienza nella produzione di materiali ad alta temperatura, è creare una filiera europea per la produzione dei compositi Cmc in ossido-ceramiche. Materiali che avvicineranno l’industria manifatturiera ai target della decarbonizzazione, favorendo la transizione energetica.

Maggiore resistenza alle rotture e alle temperature dei Cmc

Questo tipo di compositi sono costituiti da fibre incorporate in una matrice in ceramica. Sia le fibre sia la matrice possono essere costituite da qualsiasi materiale ceramico. In particolare, l’ossido-ceramica mista consiste in miscele mirati di diversi tipi di materiali ceramici di base, messi a punto per migliorare e ottimizzare determinate proprietà: tra le miscele ci sono per esempio l’ossido di zirconio rinforzato con ossido di alluminio (ATZ) e l’ossido di alluminio rinforzato con ossido di zirconio (ZTA). 

Christopher Kluthe, responsabile fibre in ceramica Rath Group

“Ogniqualvolta il design leggero incontra alte temperature abbiamo bisogno di materiali Cmc. E alla base delle ceramiche composite in fibra c’è l’ampia disponibilità sul mercato delle fibre ossido-ceramiche, queste tecnologie daranno il loro contributo alla transizione energetica”.

Rispetto alla ceramica tradizionale i compositi Cmc in ossido-ceramica presentano il vantaggio di:

  • una resistenza fortemente allargata alla frattura 
  • valori di resistenza maggiori alla flessione e alla compressione
  • un’estrema resistenza allo shock termico 
  • una capacità di carico dinamico migliorata

 

La collaborazione tra industria e istituti di ricerca

Il Land della Renania settentrionale, dove si trova Mönchengladbach, ospita un distretto minerario e industriale tra i più grandi e tecnologicamente avanzati d’Europa. La compenetrazione tra il mondo delle imprese e gli istituti di ricerca, tradizionalmente fitta nella regione, può rendere il cuore industriale della Germania un laboratorio europeo per la fabbricazione di compositi in ceramica Cmc.

A maggio scorso, nella nuova sede di Rath a Mönchengladbach esponenti della politica tedesca si sono incontrati con rappresentanti dell’industria e ricercatori accademici del settore del calibro di Denny Schüppel, managing director per i compositi in ceramiche di Composites United e tra i maggiori specialisti del comparto, per discutere l’applicazione della fibra europea in ossido-ceramica nella transizione green.

Partner di grossi centri di ricerca interdisciplinari europei come il Centro aerospaziale tedesco (DLR), che ha vari istituti di ricerca, e il Jülich Research Center sarebbero già attivi nel progetto. L’obiettivo è quello anche di favorire la transizione energetica nell’industria pesante.

 

Peter Mechnich, capo dipartimento Istituto DLR per la Ricerca di materiali

“La stretta collaborazione tra industria, piccola e media impresa e ricerca porta questa regione a sviluppare nuove soluzioni anche sui compositi Cmc. Le catene di approvvigionamento regionali affidabili aprono la strada a tecnologie e prodotti innovativi nel settore. La transizione energetica ha bisogno di Cmc, in particolare per la generazione di idrogeno verde, ancora accompagnata da elevate perdite di energia. Puntiamo a colmare questo gap”

 


Leggi anche

Grazie alla provata e lunga esperienza nel taglio digitale per il settore dei materiali compositi, ATOM ha sviluppato sistemi ideali per la loro lavorazione in grado di soddisfare i più elevati standard di sicurezza e ridotto impatto ambientale….

Leggi tutto…

Il progetto FireMat mira a superare i principali limiti tecnici dei compositi a matrice polimerica (PMC), vale a dire resistenza al fuoco e la non riciclabilità. Il progetto, coordinato da ENEA – Laboratorio tecnologie dei materiali Faenza (ENEA-TEMAF), ha coinvolto 4 partner no-profit (ISTEC-CNR, CertiMaC, Consorzio MUSP e Romagna Tech), tutti appartenenti alla rete regionale “Rete Alta Tecnologia”, e 4 aziende locali (Bucci Composites SpA, Curti Costruzioni Meccaniche SpA, Aliva Srl e Tampieri Energie Srl)….

Leggi tutto…

Il gruppo giapponese Toyoda Gosei Co., Ltd. ha sviluppato un nuovo materiale composito con matrice termoplastica e rinforzo in nanofibre di cellulosa (CNF) per applicazioni automotive con l’obiettivo di ridurre la CO2 durante il ciclo di vita dei componenti automobilistici, dall’approvvigionamento e produzione delle materie prime al riciclaggio e allo smaltimento. CNF è cinque volte più resistente dell’acciaio e ha un quinto del peso dell’acciaio. …

Leggi tutto…

I sistemi compositi continui e il sistema di pultrusione in poliuretano riducono le dimensioni della traversa fornendo allo stesso tempo resistenza, rigidità e stabilità per resistere a carichi elevati. Il primo pick-up della serie F completamente elettrico della Ford Motor Company debutterà questa primavera con una sezione strutturale pultrusa in poliuretano. Con i sistemi di Continuous Composites Systems™(CCS) di L&L Products e il sistema di pultrusione poliuretanica Elastocoat® 74850 di BASF non è stata necessaria l’ampia riprogettazione della traversa….

Leggi tutto…

Hypetex e Philip Morris International (PMI), proprietaria del marchio di dispositivi per il riscaldamento del tabacco IQOS, hanno recentemente collaborato per sviluppare un programma per creare cover colorate in composito di carbonio per i dispositivi di riscaldamento del tabacco IQOS. Hypetex, produttore e fornitore britannico di materiali avanzati ha coordinato tutti gli aspetti, dall’ideazione iniziale alla soluzione finale, compreso un processo di produzione completamente ottimizzato….

Leggi tutto…