Retina artificiale organica

In arrivo la retina artificale organica: non le servono microtelecamere né batterie

18 marzo 2013 – Una retina artificiale organica, che non ha bisogno di essere alimentata da batterie. Il prototipo, italiano, è stato realizzato utilizzando materiali biocompatibili. Questa retina funziona come una microcella solare ed è stata messa a punto da un gruppo di ricerca coordinato da Fabio Benfenati dell’Istituto Italiano di tecnologia a Genova. Descritta sulla rivista Nature Photonics, è stata testata in laboratorio ma già si sta lavorando alla sperimentazione animale e se tutto va bene, osserva Benfenati, nel giro di tre-quattro
anni si potrebbero avere i primi studi pilota sull’uomo.

Nato dalla collaborazione con Guglielmo Lanzani e il suo gruppo del Centro per le
nanoscienze e tecnologie a Milano, il lavoro dimostra la possibilità di realizzare protesi visive con materiali biocompatibili organici, piuttosto che con semiconduttori inorganici come il silicio usato finora per le protesi visive. Con la nuova tecnica si potrebbere venire incontro ai problemi dei pazienti colpiti da retinite pigmentosa o degenerazione maculare, che causano problemi alla vista, fino alla cecità.

Cruciale per il lavoro è stato il tipo di materiale organico usato, un polimero
semiconduttore utilizzato comunemente nelle celle solari organiche, chiamato P3HT, che ha una struttura a base di carbonio. Una struttura, rileva Benfenati, molto somigliante a quella che nella retina è sensibile alla luce. Nell’esperimento i
ricercatori hanno sistemato una retina di ratto con fotorecettori danneggiati (coni e
bastoncelli) su un substrato di vetro rivestito con un metallo conduttore trasparente, l’ossido di indio-stagno, e il polimero organico. Lo strato di polimero, colpito dalla luce, ha funzionato come un fotorecettore artificiale, stimolando i neuroni della retina.

Anche se tali retine non sono ancora abbastanza sensibili per operare su tutta la gamma di condizioni di luce naturale, i ricercatori ritengono che vi sia un ampio margine per ottimizzare questa tecnica e sono già al lavoro per cominciare ad impiantare la retina artificiale nei ratti.

Le retine artificiali realizzate finora, basate sul silicio, spiega Benfenati, hanno
molti inconvenienti: «necessitano di microtelecamere che acquisiscono le immagini e poi le informazioni devono essere elaborate da un computer ed inviate alla retina artificiale. Inoltre devono essere alimentate da batterie. La retina artificiale che abbiamo realizzato ha il vantaggio di essere autonoma, non necessita di batterie o altri sistemi che la alimentino, ha la capacità di stimolare i neuroni e non produce calore, a differenza delle altre protesi retiniche».

Fonte: Il Sole 24 Ore


Leggi anche

Il network di comunicazione di Compositi indice la sua prima call for papers per dare ancora più rilievo alla qualità e ancora più voce alle realtà meritevoli. È il tuo momento, sii protagonista del settore. Il materiale inviato dovrà attenersi all’applicazione di materiali compositi. Condividi con noi il tuo abstract entro il 30 aprile, scrivendoci a: redazione@tecneditedizioni.it…

Leggi tutto…

Con la Legge di Bilancio 2021 viene confermato il Bonus pubblicità anche per i prossimi due anni. Attraverso il credito di imposta si potrà recuperare il 50% di quanto investito in campagne pubblicitarie su quotidiani e riviste, anche online.
Prenota entro il 31 marzo la tua pianificazione per usufruire del credito d’imposta….

Leggi tutto…

Bavarian-based supercar manufacturer launched a convertible version based on the Ferrari 812 GTS. The bodywork components are made of carbon, forged sports wheels entirely in black, a powerful performance update and a series of internal changes give the two-door Spider an amazing and masculine look….

Leggi tutto…

The market was hit by the pandemic last year, but the outlook remains positive in the medium term. Here the report of the study “JEC Observer: Current trends in the global composites industry 2020-2025”, which already predicts a rebound this year….

Leggi tutto…

The Lotus Evija hypercar has been awarded at the prestigious International Design Awards (IDA), winning the “Product Design of the Year” category. The Evija is the first Lotus road car to feature a single-piece carbon fiber chassis….

Leggi tutto…