Innovazione USA: grazie ai materiali compositi si può migliorare l’efficienza solare


I ricercatori americani hanno sviluppato un materiale composito, con un nuovo processo produttivo, in grado di migliorare le perfomance delle attuali centrali solari a concentrazione, impianti che utilizzano specchi o lenti per concentrare la luce del sole e mettere in funzione motori termici.
La ricerca – frutto del co-autore Kenneth Sandhage, Professore Ingegneria dei materiali alla Purdue in collaborazione con il Georgia Institute of Technology, l’Università del Wisconsin-Madison e l’Oak Ridge National Laboratory – parte dal principio base che negli impianti di solare termodinamico vengono utilizzati specchi o lenti per concentrare i raggi luminosi su una piccola area; il calore generato viene trasferito a un sale fuso che a sua volta lo cede a un fluido di lavoro – diossido di carbonio supercritico -, che si espande e fa girare una turbina per generare elettricità.
Per rendere il sistema più efficiente ed economico, il motore a turbina dovrebbe lavorare con temperature di ingresso più elevate. Il problema è che gli scambiatori di calore, che trasferiscono l’energia termica dal sale fuso caldo al fluido di lavoro, sono attualmente realizzati in acciaio inossidabile o leghe a base di nichel: elementi che diventano troppo morbidi a temperature più elevate di quelle impiegate oggi.
La soluzione è un nuovo materiale composito ceramico-metallico in grado di gestire alte temperature e pressione. La ricerca degli scienziati si affida al carburo di zirconio e al tungsteno. Questo nuovo mix potrebbe essere adattato per sopportare con successo l’anidride carbonica supercritica ad alta temperatura e ad alta pressione, necessaria per generare elettricità in modo più efficiente rispetto agli scambiatori di calore tradizionali. Un’analisi economica dei ricercatori di Georgia Tech e Purdue ha anche dimostrato che la produzione su scala di questi scambiatori di calore potrebbe essere condotta a costi comparabili o inferiori rispetto a quelli in acciaio inossidabile o in lega di nichel.


Leggi anche

Il leader mondiale dei trasporti sfrutterà la stampante 3D F900 per accelerare la produzione dei treni, riducendo al contempo le esigenze di stoccaggio di pezzi di ricambio…

Leggi tutto…

Pale e turbine da rottamare costituiscono un’operazione costosa sia economicamente che nell’impatto ambientale. Ora esiste una soluzione alternativa: invece di staccare la spina è possibile allungare la vita alle turbine, cambiando solo le pale. Il progetto di rigenerazione senza ruspe è firmato da eTa Blades una ex start up di Fano, nelle Marche….

Leggi tutto…

NextGenCup Challenge è il progetto messo a punto dalle più note catene mondiali di food and beverage, Starbucks e McDonald’s, che invita grandi e piccoli imprenditori a creare i bicchieri del futuro, con cannuccia e coperchio completamente riciclabili e compostabili. Riciclo, compostaggio, riuso e riduzione dell’utilizzo di materie prime sono i cardini sui quali si fonda NextGen Consortium and Challenge…

Leggi tutto…

In a new study, researchers from the University of Oxford describe environmentally friendly, recyclable films that can replace the metallic layer in food packaging, while offering a similar level of protection for food….

Leggi tutto…

Michelin e General Motors hanno presentato a Movin’On il summit per la mobilità sostenibile, una nuova generazione di pneumatici airless per auto, il prototipo MICHELIN Uptis (“Unique Puncture-proof Tire System) a prova di foratura….

Leggi tutto…