Kayak norvegesi in compositi più forti e leggeri

Riconosciuta per la costruzione di kayak di alta qualità dal 2013, la norvegese Norse Kayaks ha una flotta di 12 diverse imbarcazioni sportive. Per il suo nuovo prototipo di kayak potenziato con grafene ha scelto un masterbatch meccanico realizzato su misura da Haydale.

 

Vantaggi della tecnologia

I norvegesi utilizzano tecniche di stampaggio a infusione sottovuoto per garantire una finitura impeccabile e la distribuzione uniforme dei materiali. In questo modo i kayak raggiungono un superba qualità costruttiva a un prezzo competitivo rispetto ai Modelli compositi comparabili. Impiegando il nuovo materiale potenziato con grafene, è possibile ridurre il peso del kayak, passando da 23 kg a 16 kg, e migliorarne sia la resistenza all’impatto che lo smorzamento delle vibrazioni, rendendo più piacevole l’esperienza di utilizzo.

 

Un connubio vincente

Commentando il nuovo kayak, Kjetil Sandvik, fondatore di Norse, ha dichiarato: “L’uso del grafene ha superato le nostre aspettative e siamo sicuri che stabilirà un nuovo standard di ciò che è possibile fare con un kayak da mare. In 20 anni di esperienza nel settore, non avevamo mai visto questo tipo di resistenza su kayak così leggeri“.

Keith Broadbent, CEO di Haydale, ha aggiunto: “È stata una sfida per l’industria dei compositi utilizzare efficacemente i nanomateriali nel processo di infusione della resina. Avendo lavorato a stretto contatto con Norse su una soluzione di grafene su misura, siamo lieti dei miglioramenti che siamo riusciti ad apportare al loro prodotto”.

 

Verso il futuro

I vantaggi di questa tecnologia di produzione di materiali con risparmio di peso non si limitano al campo dello sport e del tempo. I tecnici Haydale ritengono che ci sia il potenziale per replicare questa soluzione anche nei settori automobilistico e aerospaziale, che prevedono che l’infusione sottovuoto sia parte del processo di produzione.

 


Leggi anche

Analizzando le proprietà dei nuovi ritardanti di fiamma per materiali compositi, i ricercatori del laboratorio Advanced Fibers dell’Empa, centro svizzero per lo studio dei materiali avanzati, sotto la guida di Sabyasachi Gaan, hanno elaborato una tecnica che permette di rendere recuperabili le resine epossidiche, il cui limite di riutilizzo è intrinseco alla natura di materiali termoindurenti, ossia polimeri altamente reticolati che, una volta induriti, non possono essere sottoposti nuovamente a fusione senza carbonizzarsi….

Leggi tutto…

Refitech Composite Solutions innova i propri processi produttivi, installando una macchina CNC a cinque assi per la finitura di componenti compositi, che si aggiunge ai sistemi già operativi a tre assi. La nuova strumentazione consentirà di eseguire la lavorazione di forme 3D ancora più complesse in modo completamente automatico, ad alta velocità, garantendo una qualità elevata e una riproducibilità perfetta, in vista dei volumi di serie….

Leggi tutto…

Tim Young, Head of Sustainability del National Composites Centre, ha illustrato a “The Engineer” i risultati di una ricerca realizzata dall’istituto che fornisce una panoramica delle possibilità di introdurre soluzioni basate sulla chimica nella supply chain dei compositi nel Regno Unito, al fine di garantire la sostenibilità nel settore….

Leggi tutto…

Il National Composites Center (NCC) sta promuovendo un progetto industriale congiunto (JIP) che affronterà la sfida del benchmarking delle prestazioni di permeabilità dei tubi compositi termoplastici (TCP) per la distribuzione dell’idrogeno. L’obiettivo verrà raggiunto attraverso la produzione di campioni di tubi standardizzati, che costituiranno un database di misurazione della capacità del rivestimento e del materiale di rinforzo….

Leggi tutto…

L’azienda belga Umbrosa sviluppa ombrelli e ombrelloni per esterni che, essendo utilizzati anche in ambienti costieri o boschivi, devono essere in grado di sopportare l’esposizione prolungata al vento forte, all’acqua salata, alle piogge e ai raggi solari. Per migliorare le prestazioni meccaniche dei propri prodotti, Umbrosa ha scelto di affidarsi ad Exel Composites che ha progettato nervature in compositi per ombrelli….

Leggi tutto…