La nuova tecnologia di verniciatura Ferrari è adatta per i materiali compositi

Ferrari è la prima Casa automobilistica ad introdurre questa tecnologia nel proprio processo produttivo. Peculiarità delle resine “Low Cure Clear Coats” è la presenza di un nuovo agente indurente che è in grado di migliorare le prestazioni di resistenza chimica e meccanica garantendo una maggiore durata della lucidatura. Questa tecnica permette la verniciatura di componenti in fibra di carbonio e in materiali compositi contestualmente al trattamento dell’intero corpo vettura: ne guadagna l’omogeneità delle tinte fra le varie parti della carrozzeria.

Inoltre, da un punto di vista dell’impermeabilità della vernice, la nuova formula studiata da Ferrari migliora ulteriormente la capacità di reticolazione, diminuendo – attraverso un aumento della idrofobicità chimica – la permeabilità all’acqua. Analizzando più in dettaglio la nuova vernice – a due componenti – comprende un trasparente cotto, appunto a bassa temperatura: con questo elemento, l’essiccazione della tinta carrozzeria avviene a 100° anziché a 150, in modo da fornire un attivo contributo alla riduzione delle spese per l’energia, ed a tutto vantaggio della ecosostenibilità. Dati alla mano, sono almeno 61 le possibilità di nuance, date dall’abbinamento fra la vernice-base metallica ed un trasparente colorato (lucido ed opaco) che possono essere fornite da Ferrari.


Leggi anche

Con grandi progressi tecnologici lungo la catena, l’industria dei compositi riesce ad automatizzare e ridurre i tempi dei processi di produzione. Questi sviluppi sono stati di grande rilevanza per COMPOSITES EUROPE 2018 che si è svolto per la tredicesima volta dal 6 all’8 Novembre. Le prospettive per l’intera industria dei Compositi sono decisamente buone e con enormi potenziali….

Leggi tutto…

Il polo McLaren di Sheffield, centro di eccellenza della casa automobilistica inglese per la ricerca e produzione di componenti in materiali compositi rinforzati con fibra di carbonio, ha in serbo grandi progetti per il 2019. Costato oltre 50 milioni di sterline, è il secondo impianto produttivo di McLaren Automotive…

Leggi tutto…

Koenigsegg ha prodotto la prima auto al mondo in puro carbonio, non trattato. Quello che il costruttore chiama Koenigsegg Carbon Naked (KCN). Ad indossarlo è una Regera, la cui carrozzeria in fibra di carbonio non è stata trattata con nessun altro elemento. Nessuno smalto, nessuna vernice o rivestimento lasciando scoperta la superficie di carbonio grezzo…

Leggi tutto…

Williams Advanced Engineering (WAE) e il suo Team, a stagione conclusa, impiegano le proprie competenze per sviluppare nuove tecnologie sfruttando l’esperienza consolidata nella lavorazione dei materiali compositi. In particolare, WAE ha progettato e realizzato “Bodypod”, una struttura in fibra di carbonio adatta per i trasporti d’emergenza infantile…

Leggi tutto…

Stampato a pezzi, viene poi finito e assemblato a mano: questa tecnologia permette di realizzare forme impensabili prima d’ora. I processi di stampa in 3d garantiscono, alla ruota, principale componente della mobilità, inedite possibilità di sviluppo per gli anni a venire. Ne è un esempio il futuristico cerchio messo a punto da HRE, specialista californiano del settore…

Leggi tutto…