La prima strada al mondo in grafene sarà a Roma


Il primo obiettivo del progetto è validare su strada i risultati (almeno +250% di resistenza a fatica), già ottenuti in laboratorio, inerenti l’utilizzo di additivi al grafene per gli asfalti, che permetterebbero di aumentare la vita delle strade. Dopo le prove di laboratorio, l’innovativo prodotto, brevetto della società di Suisio, è stato utilizzato per il rifacimento degli ultimi due strati della pavimentazione stradale di un chilometro nella Strada Provinciale Ardeatina, nei pressi di Roma. La sperimentazione è stata inserita all’interno di un Accordo Quadro che prevede il ripristino, solo superficiale, di un tratto altamente dissestato della pavimentazione esistente.
Grazie agli additivi rigeneranti, la sperimentazione prevede anche di riutilizzare il 40% di asfalto fresato riciclato (materiale da demolizione della vecchia pavimentazione); le strade costruite con i supermodificanti saranno riciclabili all’infinito: si potranno infatti riutilizzare fino al 100% del loro asfalto fresato per realizzare la nuova pavimentazione, evitando lo smaltimento in discarica del materiale.
I risultati del supermodificante al grafene in laboratorio si confermano eccezionali: la vita della strada aumenta notevolmente, grazie all’incremento della resilienza dell’asfalto e, quindi, la capacità dell’asfalto di resistere agli alti stress di traffico, termici e climatici. Nelle successive fasi di prova, il tratto stradale verrà costantemente monitorato con la collaborazione di Nicola Fiore, tecnico Laboratorio Materiali Stradali e Docente di Tecnica e sicurezza dei cantieri de La Sapienza di Roma. Il monitoraggio prevede controlli sia in fase di posa in opera dell’asfalto, con la raccolta e analisi di campioni delle miscele, sia nei mesi successivi attraverso carotaggi e prove dinamiche.


Leggi anche

Dal 9 al 13 ottobre, in occasione della trentunesima edizione di BI-MU, CAM2 presenta la gamma completa delle proprie soluzioni di misura e scansione 3D per macchine utensili a deformazione e asportazione, robot, automazione, tecnologie ausiliarie…

Leggi tutto…

Il corso è rivolto a laureandi e laureati magistrali in ingegneria ed è rivolto a tutti coloro che vogliono approfondire le loro conoscenze su un tema molto sentito in questo momento. Il corso verterà su Cinque temi principali: i materiali, la meccanica dei compositi, la progettazione di strutture in composito, le tecnologie di produzione e i controlli di prodotto e di processo. La data di inizio è il 19 ottobre 2018

Leggi tutto…

Composite UK, l’associazione dell’industria britannica dei materiali compositi, controcorrente rispetto alla Brexit, ha deciso di entrare a far parte della federazione europea EuCIA (European Composites Industry Association), aggiungendo così i suoi 350 membri a quelli già presenti attraverso le associazioni nazionali, per l’Italia Assocompositi, e ai raggruppamenti di industrie del settore

Leggi tutto…

Le tanto attese Norme Tecniche delle Costruzioni includono il calcestruzzo fibrorinforzato (FRC) tra i materiali per la realizzazione di elementi strutturali. Dopo più di 50 anni di ricerche e sperimentazioni, il FRC ha trovato spazio in importanti documenti normativi internazionali tra i quali la normativa tedesca e l’Eurocodice 2 nella nuova edizione in preparazione

Leggi tutto…

AIMPLAS, il Centro Tecnologico Plastico di València in Spagna, aderisce al progetto ECOXY – coordinato dall’organizzazione internazionale di ricerca applicata CIDETEC. L’obiettivo di ECOXY è lo sviluppo di compositi rinforzati, in particolare nuove resine epossidiche, per i settori dell’edilizia e automobilistico con il vantaggio di essere riparabili, rielaborabili e riciclabile….

Leggi tutto…