La tecnologia F1 di Williams per la sicurezza dei neonati


Il reparto materiali compositi di WAE costruisce circa 5 vetture all’anno per una stagione di Formula 1 che dura circa otto mesi. Un impegno importante lungo quarant’anni che ha portato a sedici titoli (9 costruttori e 7 piloti) grazie a un personale altamente qualificato. A stagione finita il Team, fruttando il know-how acquisito, si dedica alla realizzazione di nuovi progetti pensati la sicurezza in altri ambiti come il progetto legato allo sviluppo di cicli per atleti paralimpici o l’ideazione di “Babypod 20” progettato e realizzato per il mercato dei trasporti d’emergenza infantile.
Si tratta di una struttura leggera in fibra di carbonio adatta per trasportare in sicurezza i neonati sulle ambulanze. In precedenza, ciò richiedeva l’uso di incubatori pesanti e ingombranti, dispositivi che richiedevano non solo una fornitura di energia elettrica, ma anche veicoli dedicati. Il Babypod 20 fornisce l’ambiente di cui un bambino ha bisogno a un prezzo significativamente ridotto di un incubatore di trasporto standard. Leggero e maneggevole, Babypod 20 può essere fissato a qualsiasi barella di trasporto, su un carrello o in un’ambulanza, in auto o addirittura in elicottero.
I dispositivi di trasporto hi-tech in fibra di carbonio, in grado di resistere a un arresto di 20 G-force, sono stati già adattati all’interno di ambulanze predisposte per le terapie intensive, utilizzate al Great Ormond Street Hospital di Londra.


Leggi anche

Riduce da ore a minuti i tempi di preparazione degli attrezzi nello stampaggio di materiali compositi nell’industria aerospaziale e risulta particolarmente efficace per componenti in prepreg epossidico di fibra di carbonio realizzati sottovuoto e con stampaggio in autoclave….

Leggi tutto…

Polestar ha condotto il primo di una serie di crash test interni nell’ambito dello sviluppo dell’elettrica Polestar 1. Si tratta della prima volta che il Gruppo Volvo, attraverso il suo nuovo brand dedicato alla gamma a zero emissioni, valuta la resistenza della struttura in fibra di carbonio rinforzato da polimeri in una situazione che ricrea le condizioni di un incidente reale…

Leggi tutto…

Auto elettriche senza batterie, alimentate dall’energia immagazzinata nei telai in fibra di carbonio. Questo lo scenario possibile, frutto di uno studio condotto alla Chalmers University of Technology di Goteborg, in Svezia che ha dimostrato come le fibre di carbonio siano in grado di funzionare come gli elettrodi delle batterie tradizionali…

Leggi tutto…

E’ stata la frenata uno dei punti di forza del Team Ferrari che ha portato Sebastian Vettel al raggiungimento del secondo posto nel GP del Messico. In quest’occasione è stata utilizzata, in esclusiva per la Rossa, una nuova generazione di disco freno Brembo …

Leggi tutto…

Così come altre maggiori industrie globali, i sistemi di trasporto di massa “lottano” per migliorare l’efficienza e ridurre i costi di gestione. Per i progettisti di carrozze ferroviarie merci e passeggeri questo ha significato approcciare nuovi materiali e tecniche di produzione. Ne è un esempio l’uso massiccio di materiali FRP per produrre strutture di basso peso e alta resistenza. bigHead con la sua vasta esperienza nei fissaggi lavora a fianco dei progettisti dei clienti per trovare soluzioni ad hoc….

Leggi tutto…