Lanxess incrementa la gamma di compositi Tepex flowcore

La gamma di compositi rinforzati Tepex flowcore di Lanxess per lo stampaggio a compressione di componenti strutturali leggeri ed estremamente resistenti alle sollecitazioni è stata ampliata e ottimizzata. Sono state proposte nuove formulazioni come alternativa alle resine termoindurenti per lo stampaggio in fogli (SMC – sheet molding compounds). Le nuove formulazioni offrono prestazioni meccaniche simili ai compound termoindurenti per SMC, ma sono:

  1. molto più duttili
  2. in quanto termoplastici, molto più facili da riciclare degli SMC e da lavorare perché vengono modellati solo per via termica

Sabrina Anders, project manager Tepex flowcore di Lanxess Performance Materials ha dichiarato

“Puntiamo principalmente ai grandi pannelli per sottoscocca e vani di carico dei veicoli, come pure ai grandi involucri e coperchi delle batterie. Tepex flowcore ha già dimostrato il suo valore nella produzione di componenti auto in serie, come ad esempio di un paraurti per una berlina di medie dimensioni prodotta da una casa automobilistica giapponese”.

I nuovi semilavorati Tepex flowcore sono disponibili con matrice a base di:

  • polipropilene (PP)
  • poliammide 6 (PA6)
  • poliammide 12 (PA12)
  • poliuretano termoplastico
  • policarbonato ignifugo

La matrice è rinforzata con fibre lunghe piuttosto che con le fibre continue che si trovano in Tepex dynalite. Le fibre sono lunghe fino a 50 millimetri e sono distribuite su tutta la matrice come fibre tagliate di lunghezza costante. Tepex flowcore è disponibile con rinforzo in fibra di vetro o carbonio.

Trasformati correttamente, i componenti realizzati con questi materiali leggeri possono mostrare quasi la stessa rigidità dei loro equivalenti della gamma Tepex dynalite e hanno una resistenza meccanica molto più elevata rispetto ai materiali stampati a iniezione, che di solito sono rinforzati con fibre corte. A seconda del metodo di lavorazione e del design dei componenti, le fibre possono essere disposte in una direzione preferita o in modo completamente casuale.

I componenti possono essere progettati in modo tale da mostrare proprietà meccaniche quasi isotropiche; in altre parole, quasi identiche in tutte le direzioni”, afferma Anders.

Inoltre, Tepex flowcore risulta essere più versatile in termini di processabilità. Per esempio, possono essere stampati a compressione con attrezzature standard per termoplastici rinforzati con fibre di vetro, oppure con presse SMC. “Hanno caratteristiche di flusso così buone che le aree delicate dei componenti strutturali con nervature possono essere riprodotte con grande precisione, realizzando pareti molto sottili“, aggiunge Anders.

Tepex flowcore e Tepex dynalite possono anche essere utilizzati insieme nei processi di stampaggio a compressione, grazie alla buona adesione tra loro determinata dalla loro identica matrice polimerica. 

Ciò consente di utilizzare Tepex dynalite per rinforzare aree di componenti specifiche sottoposte a sollecitazioni particolarmente pesanti e, allo stesso tempo, per integrare caratteristiche come guide e supporti in modo più economico con Tepex flowcore. Un altro vantaggio è che il produttore ottiene tutti questi semilavorati compositi da una unica fonte invece di dover combinare materiali di diversi produttori”, conclude Anders.

I nuovi compositi – come i Tepex dynalite – sono anche adatti al processo di stampaggio ibrido. Questo significa che tramite un unico processo di stampaggio a iniezione possono essere modellati e dotati di caratteristiche specifiche. Nel caso della produzione del paraurti per una berlina giapponese il componente strutturale è stato realizzato con Tepex flowcore e Tepex dynalite, sovrastampati e funzionalizzati con un compound di poliammide 6 della gamma Durethan. 

 


Leggi anche

The structural acrylic adhesives ARALDITE®2080 and ARALDITE®2081 from Huntsman have been developed to ensure high strength and lower flammability than traditional methyl methacrylate-based products. For most applications, they require minimal surface preparation and ensure good adhesion performance on different substrates (plastic, composites and metal) along with rapid curing at room temperature….

Leggi tutto…

Un gruppo di ricercatori dell’Università del Queensland del Sud, sotto la guida del dottor Wahid Ferdous, sta studiando come sostituire le traverse ferroviarie in legno per i ponti con un nuovo materiale costituito da fibre composite e materiali di scarto. Il governo dello stato del Queensland e il produttore di traverse in cemento Austrak hanno finanziato il progetto attraverso una borsa di ricerca per l’industria….

Leggi tutto…

Analizzando le proprietà dei nuovi ritardanti di fiamma per materiali compositi, i ricercatori del laboratorio Advanced Fibers dell’Empa, centro svizzero per lo studio dei materiali avanzati, sotto la guida di Sabyasachi Gaan, hanno elaborato una tecnica che permette di rendere recuperabili le resine epossidiche, il cui limite di riutilizzo è intrinseco alla natura di materiali termoindurenti, ossia polimeri altamente reticolati che, una volta induriti, non possono essere sottoposti nuovamente a fusione senza carbonizzarsi….

Leggi tutto…

Refitech Composite Solutions innova i propri processi produttivi, installando una macchina CNC a cinque assi per la finitura di componenti compositi, che si aggiunge ai sistemi già operativi a tre assi. La nuova strumentazione consentirà di eseguire la lavorazione di forme 3D ancora più complesse in modo completamente automatico, ad alta velocità, garantendo una qualità elevata e una riproducibilità perfetta, in vista dei volumi di serie….

Leggi tutto…

Tim Young, Head of Sustainability del National Composites Centre, ha illustrato a “The Engineer” i risultati di una ricerca realizzata dall’istituto che fornisce una panoramica delle possibilità di introdurre soluzioni basate sulla chimica nella supply chain dei compositi nel Regno Unito, al fine di garantire la sostenibilità nel settore….

Leggi tutto…