L’Europa punta sul grafene, l’Italia guida la ricerca

 È il Graphene Flagship Project, il progetto di ricerca della Commissione europea che vede il nostro Paese in prima linea con la partecipazione di ben 23 partner, tra istituti di ricerca e imprese.

È il materiale del futuro. Ottimo conduttore di energia e calore, leggero e sottile (circa mezzo miliardesimo di metro), trasparente ma molto denso e resistente (1000 volte più dell’acciaio): le proprietà del grafene continuano ad affascinare gli scienziati di tutto il mondo. A puntare sulle potenzialità di questo innovativo materiale è l’Unione Europea che, per rilanciare l’innovazione e lo sviluppo tecnologico del Continente, ha avviato il Graphene Flagship Project, un progetto di ricerca finalizzato ad approfondire la conoscenza delle caratteristiche e del comportamento del materiale e, soprattutto, a trasferire tali conoscenze dall’ambito accademico a quello industriale. Un progetto
ambizioso, che gode di un finanziamento da parte della Commissione Europea di 1 miliardo di euro per una durata di 10 anni, per rendere l’Europa, già molto competitiva a livello di scienza del grafene, altrettanto competitiva per ciò che riguarda gli sviluppi industriali. Anche perché tutto europeo è il merito della scoperta. Era il 2004 quando il giovane ricercatore Konstantin Novoselov e il suo professore Andre Geim dell’Università di Manchester sono riusciti a separare gli strati della grafite fino ad ottenerne uno dello spessore di appena un atomo, appunto il grafene. Scoperta che è valsa loro il Nobel per la fisica nel 2010.
Il grafene è infatti costituito da uno strato monoatomico di atomi di carbonio disposti in esagoni regolari, una struttura che lo rende l’unico materiale a due sole dimensioni al mondo e che è alla base delle sue straordinarie proprietà elettroniche, ottiche termiche e meccaniche.
Le possibili applicazioni del grafene possono essere distinte tra quelle a breve, medio e lungo termine. Quelle a breve termine riguarderanno i settori dei compositi, dove il grafene può essere utilizzato come rinforzo per aumentare le proprietà meccaniche di componenti speciali, sia per utilizzi dove è richiesto di facilitare la dispersione di energia termica o di ostacolarla, i trattamenti superficiali anticorrosione e gli inchiostri conduttivi. Altre applicazioni, ad esempio nel settore dell’elettronica digitale, dei display e dei sensori, invece, richiedono ancora la soluzione di problemi legati al costo e alla performance rispetto alle tecnologie esistenti, mentre altri utilizzi, ad esempio nella spintronica o nel sequenziamento del DNA, sono per ora solo belle idee scientifiche.
Il partenariato del Graphene Flagship Project comprende oggi oltre 140 organizzazioni di 23 Paesi. Tra questi l’Italia gioca un ruolo di primo piano, contando ben 23 partner, tra centri di ricerca e imprese, che la situano al primo posto insieme alla Germania tra gli Stati membri più rappresentati, seguita da Spagna (18), Regno Unito (17) e Francia (13).
I membri italiani del megaconsorzio sono: CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), Fondazione Bruno Kessler, Politecnico di Milano, Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), Politecnico di Torino, ST Microelectronics, Università di Trieste, Università di Padova, Breton, Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Italcementi, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, Selex ES, Università di Pisa, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Università di Salerno, Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni, Libre, Grinp, Dyesol Italia, Centro Ricerche Fiat S.c.p.A, Nanesa e Delta-Tech.


Leggi anche

Ilium Composites, produttore globale di rinforzi compositi strutturali in fibra di vetro, ha sviluppato un prodotto innovativo per garantire una migliore finitura estetica. Si tratta di Amplify surface veil che trova applicazione soprattutto nel settore marittimo e automobilistico. Preferito rispetto alle alternative in metallo, non ha rivali in termini di rapporto qualità/prezzo e di resistenza chimica…

Leggi tutto…

The use of polymer matrix composite materials presents the following challenge to the designer: “How can I structurally bond them with other composites, metals or polymers?”. advances in structural adhesives have enabled designers to create products meeting structural integrity requirements without the use of mechanical fasteners, rivets, or welding. Could the structural adhesive – which has considerable advantages – be the best option to assemble the next generation of composites? Let’s find out together in this project that won our first call for papers!…

Leggi tutto…

The letter of intent signed by the two companies – Solvay and Trillium Renewable Chemicals – will enable the supply chain for bio-based acrylonitrile (bio-ACN). The goal of this partnership is to produce carbon fiber for use in various applications such as aerospace, automotive, energy and consumer goods….

Leggi tutto…

Specialinsert® is constantly looking for innovative solutions that can improve production processes and meet the needs of the customer. For this reason, the new Master-Plate® RS range was born. Master-Plate® is a very simple fixing system that through appropriate adhesives allows the fixing on any type of receiving material. Read the article published in June issue of the magazine….

Leggi tutto…

According to data from the German Environment Agency, private households currently are responsible for about a quarter of Germany’s energy consumption in total. A good half of this energy is obtained from natural gas and crude oil. Fraunhofer Institute for Applied Polymer Research IAP team is busy looking at how to store this valuable gas. To this end, they are producing new types of hydrogen tanks made of fiber-reinforced composites…

Leggi tutto…