L’Università del Queensland meridionale lavora ad una nuova classe di resine epossidiche

La resina epossidica è un materiale dotato di un’elevata resistenza meccanica, un’ottima resistenza chimica e un buon isolamento elettrico. Grazie a queste caratteristiche, è ampiamente utilizzata nei settori edile, automobilistico, elettronico e aerospaziale.

Le resine epossidiche si dividono in monocomponenti e bicomponenti. Le prime nascono da una pre-miscela con un agente indurente latente, che ha la funzione di ridurre i problemi di pesatura, miscelazione e antischiuma.

 

Le caratteristiche dei sistemi monocomponenti

Questo tipo di resine epossidiche, secondo il dottor Siqi Huo, ricercatore specializzato in ritardanti di fiamma a base di fosforo e compositi polimerici ignifughi, sono preferibili per la produzione di massa e le applicazioni dell’industria high-tech. Il loro utilizzo garantisce, infatti, un risparmio economico, un minor impatto ambientale, una riduzione dei tempi di lavorazione e una maggiore efficienza produttiva. Rispetto alle loro “sorelle” bicomponenti, tuttavia, presentano una minore resistenza alle fiamme e sono più facilmente deperibili.

 

Il ruolo degli indurenti latenti

Gli imidazoli sono attualmente uno degli indurenti latenti più promettenti, ma possono agire a temperatura ambiente solo per un breve periodo, portando ad una scarsa stabilità di conservazione e una breve durata.

Inoltre, gli agenti polimerizzanti latenti imidazolo contenenti fosforo hanno una resistenza al fuoco insoddisfacente. Risolvere queste criticità è lo scopo del progetto di ricerca dell’Università del Queensland meridionale, che svilupperà oligomeri ecocompatibili e ritardanti di fiamma per sostituire le attuali resine epossidiche infiammabili comunemente utilizzate. Ciò porterà ad una riduzione dei rischi di incendio e ad una maggiore tutela dell’ambiente.

 


Leggi anche

Refitech Composite Solutions innova i propri processi produttivi, installando una macchina CNC a cinque assi per la finitura di componenti compositi, che si aggiunge ai sistemi già operativi a tre assi. La nuova strumentazione consentirà di eseguire la lavorazione di forme 3D ancora più complesse in modo completamente automatico, ad alta velocità, garantendo una qualità elevata e una riproducibilità perfetta, in vista dei volumi di serie….

Leggi tutto…

Tim Young, Head of Sustainability del National Composites Centre, ha illustrato a “The Engineer” i risultati di una ricerca realizzata dall’istituto che fornisce una panoramica delle possibilità di introdurre soluzioni basate sulla chimica nella supply chain dei compositi nel Regno Unito, al fine di garantire la sostenibilità nel settore….

Leggi tutto…

Il National Composites Center (NCC) sta promuovendo un progetto industriale congiunto (JIP) che affronterà la sfida del benchmarking delle prestazioni di permeabilità dei tubi compositi termoplastici (TCP) per la distribuzione dell’idrogeno. L’obiettivo verrà raggiunto attraverso la produzione di campioni di tubi standardizzati, che costituiranno un database di misurazione della capacità del rivestimento e del materiale di rinforzo….

Leggi tutto…

L’azienda belga Umbrosa sviluppa ombrelli e ombrelloni per esterni che, essendo utilizzati anche in ambienti costieri o boschivi, devono essere in grado di sopportare l’esposizione prolungata al vento forte, all’acqua salata, alle piogge e ai raggi solari. Per migliorare le prestazioni meccaniche dei propri prodotti, Umbrosa ha scelto di affidarsi ad Exel Composites che ha progettato nervature in compositi per ombrelli….

Leggi tutto…

The Italian automaker Pagani makes some of the world’s most exclusive hypercars. The chassis consists entirely of carbon-fiber parts. For cutting, Pagani has been relying on equipment from Swiss cutting-system manufacturer Zünd for more than 20 years. In 2015, Pagani installed its first cutting system Zünd G3 L-2500. The 2018 was the year of the second G3 L-2500….

Leggi tutto…