Nasce una nuova generazione di compositi sostenibili e con proprietà ignifughe

Una volta ultimati, i compositi a sandwich saranno una valida alternativa a quelli a nido d’ape Nomex, i quali – spiega il Dr. Xuebao Lin, ricercatore responsabile dello studio – sono costituiti da diversi materiali incollati con un forte adesivo ed è molto difficile separarli. Tali strutture composite sono, quindi, quasi impossibili da riciclare o riutilizzare e dopo la loro vita di servizio diventano rifiuti, che vengono bruciati o sepolti.

 

Parola d’ordine: sostenibilità

I ricercatori del gruppo del Dr. Lin hanno dimostrato, invece, che i materiali ai quali stanno lavorando non solo sono completamente riciclabili, ma anche che il loro processo di recupero può essere estremamente semplice ed economico.

Lo studio sulla creazione di materiali ecocompatibili è solo uno dei contributi che IMDEA Material sta dando al raggiungimento degli obiettivi stabiliti nel Piano d’azione per l’economia circolare della Commissione europea e nel Green New Deal.

 

Ecologia, ma non solo

Oltre ad avere un bassissimo impatto ambientale, i nuovi compositi a sandwich offriranno all’industria una serie di vantaggi in termini di performance e sicurezza.

Il Dr. Lin, infatti, ha fatto parte del gruppo di ricerca sui polimeri e sui ritardanti di fiamma dell’Istituto guidato dal Prof. Dr. De-Yi Wang, portando avanti una serie di progetti relativi al miglioramento della resistenza al fuoco dei materiali.

Forte di questa esperienza, oggi è in grado di elaborare compositi che non siano solamente sostenibili, ma vantino anche qualità funzionali come la leggerezza, la flessibilità e un’alta resistenza alla propagazione del fuoco.

 


Leggi anche

È stato pubblicato in data 25 settembre sulla rivista Polymers, uno studio sperimentale dei ricercatori Liqiang Jia, Bo Wang e T. Tafsirojjaman, che affronta la tematica dell’ancoraggio legato di fili precompressi di polimero rinforzato con fibra di carbonio (CFRP). La ricerca è stata condotta osservando gli effetti di varie lunghezze di ancoraggio e materiale legante sulle prestazioni dell’ancoraggio….

Leggi tutto…

Creare una nuova classe di oligomeri fosforo/imidazolo per resine epossidiche monocomponenti, che possano risolvere il problema dell’infiammabilità e della scarsa durata di conservazione delle resine stesse è l’obiettivo di uno studio dell’Università del Queensland meridionale (Australia). Il team di ricercatori, guidato dal dott. Siqi Huo, ha ricevuto un finanziamento di 421.000 dollari attraverso il programma ARC Discovery Early Career Researcher Award (DECRA). …

Leggi tutto…

Prodotta tra il 1965 e il 1969 come modello entry level, la 912c originale non aveva le caratteristiche per essere considerata un’auto da corsa ad alte prestazioni. Montava, infatti, un motore 1.6 quattro cilindri da 90 CV che le consentiva un’accelerazione 0-100 km/h in 13,5 secondi. Oggi, però, questa vettura è stata rivista con una meccanica completamente diversa. …

Leggi tutto…

Un gruppo di ricerca della Washington University di St. Louis sta studiando come realizzare materiali in fibra di carbonio più leggeri e resistenti e plastiche con un minore impatto ambientale, utilizzando la lignina, un composto essenziale per la maggior parte delle piante, ma considerato un prodotto di scarto dall’industria. Il progetto è sostenuto anche dell’Ufficio per l’efficienza energetica e le energie rinnovabili e le tecnologie della bioenergia del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti….

Leggi tutto…

Un team di ricercatori dell’Università del Texas ad Arlington (UTA), guidati da Paul Davidson, assistente professore del Dipartimento di ingegneria meccanica e aerospaziale (MAE), sta mettendo a punto uno strumento predittivo che utilizzerà l’apprendimento automatico e strumenti computazionali, per determinare la vita, la durata e la sicurezza dei compositi utilizzati nella produzione di aeromobili….

Leggi tutto…