National Graphene Association diventa partner del Centro di ingegneria e innovazione di Graphene (GEIC) dell’università di Manchester


The National Graphene Association (NGA), the main organization and body in the US advocating and promoting the commercialization of graphene, has joined the Graphene Engineering and Innovation Centre (GEIC) at the University of Manchester as a new affiliate partner.
Graphene, dubbed the wonder material of the 21st century, was discovered in 2004 by Andre Geim and Konstantin Novoselov at the University of Manchester. The University of Manchester is home to an innovation ecosystem that includes National Graphene Institute (NGI) and GEIC.
The purpose of the £60m GEIC is to foster the commercialization of graphene by providing cutting edge international research and technology facility. Affiliate partners will participate in a proactive effort to assist in expanding the graphene community and increase the value in future graphene products and innovations.
This U.S.-U.K. partnership signifies an important step for global commercialization of graphene. Executive Director of NGA, Zina Jarrahi Cinker said: “Graphene is a global material. This valuable partnership provides a path for graphene stakeholders in the two countries to connect with resources, services and business opportunities that will expedite the commercialisation of graphene globally.”
“The Affiliate Membership programme is a key network which will allow our Tier 1 and Tier 2 partners to access the further systems and know-how they need to facilitate their projects and benefit from working with graphene.”
“We provide world-leading graphene, materials expertise and state-of-the-art equipment and our affiliate network can help provide IP advice, specialist recruitment, business support and other resources to add value and accelerate the time to market,” said James Baker, CEO of Graphene Manchester.
NGA will be joined in this partnership with, Michael Page, Mewburn Ellis LLP, Potter Clarkson, and TransitionPlus. GEIC will open officially in December 2018.


Leggi anche

Venerdì 30 novembre dalle ore 14:00, presso il Politecnico di Milano, Assocompositi organizza un incontro di presentazione aperto a tutti gli operatori del settore del documento tecnico CNR DT 215/2018 sulle ”Istruzioni per la Progettazione, l’Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l’utilizzo di Compositi Fibrorinforzati a matrice inorganica”, sottoposto ad inchiesta pubblica fino al 31 gennaio 2019…

Leggi tutto…

La Carbon Series è la Ford con più carbonio a vista mai prodotta: la trama del materiale composito è visibile in diverse parti dell’auto, comprese le nuove strisce che attraversano la parte superiore della carrozzeria per tutta la sua lunghezza. Il nuovo allestimento combina materiali ultraleggeri con nuove componenti per ridurre il peso della vettura di 18 kg….

Leggi tutto…

Una ricerca del Massachusetts Institute of Technology (MIT) e dell’Università di Hong Kong ha messo a punto una pellicola che riflette fino al 70% della luce solare che entra dalle finestre. Si può applicare su qualsiasi infisso esistente e abbassa del 10% i costi energetici dell’edificio…

Leggi tutto…

Riduce da ore a minuti i tempi di preparazione degli attrezzi nello stampaggio di materiali compositi nell’industria aerospaziale e risulta particolarmente efficace per componenti in prepreg epossidico di fibra di carbonio realizzati sottovuoto e con stampaggio in autoclave….

Leggi tutto…

Riuscire ad aumentare l’efficienza del solare termodinamico cambiando i materiali impiegati come scambiatori di calore. Questo l’obiettivo della ricerca condotta da alcuni ingegneri della Purdue University in collaborazione con altri atenei statunitensi. Il team di ricercatori ha creato lastre composite in metallo-ceramica in grado di sovraperformare gli attuali scambiatori di calore nel solare a concentrazione…

Leggi tutto…