National Graphene Association diventa partner del Centro di ingegneria e innovazione di Graphene (GEIC) dell’università di Manchester


The National Graphene Association (NGA), the main organization and body in the US advocating and promoting the commercialization of graphene, has joined the Graphene Engineering and Innovation Centre (GEIC) at the University of Manchester as a new affiliate partner.
Graphene, dubbed the wonder material of the 21st century, was discovered in 2004 by Andre Geim and Konstantin Novoselov at the University of Manchester. The University of Manchester is home to an innovation ecosystem that includes National Graphene Institute (NGI) and GEIC.
The purpose of the £60m GEIC is to foster the commercialization of graphene by providing cutting edge international research and technology facility. Affiliate partners will participate in a proactive effort to assist in expanding the graphene community and increase the value in future graphene products and innovations.
This U.S.-U.K. partnership signifies an important step for global commercialization of graphene. Executive Director of NGA, Zina Jarrahi Cinker said: “Graphene is a global material. This valuable partnership provides a path for graphene stakeholders in the two countries to connect with resources, services and business opportunities that will expedite the commercialisation of graphene globally.”
“The Affiliate Membership programme is a key network which will allow our Tier 1 and Tier 2 partners to access the further systems and know-how they need to facilitate their projects and benefit from working with graphene.”
“We provide world-leading graphene, materials expertise and state-of-the-art equipment and our affiliate network can help provide IP advice, specialist recruitment, business support and other resources to add value and accelerate the time to market,” said James Baker, CEO of Graphene Manchester.
NGA will be joined in this partnership with, Michael Page, Mewburn Ellis LLP, Potter Clarkson, and TransitionPlus. GEIC will open officially in December 2018.


Leggi anche

Scarti di latte dall’industria casearia e latte scaduto dalla grande G.D.O sono i nuovi ingredienti per produrre mattoni isolanti. L’innovazione dell’azienda che fonda le sue radici in Sardegna propone la soluzione alla dispersione termica degli edifici. Una novità per il mercato della bio-edilizia che dà il benvenuto a mattoni in bio composito di fibra di latte. …

Leggi tutto…

Un materiale che non manca mai su una pista, il filamento CF-PA12, e che ora supera di gran lunga il suo tradizionale impiego. Arricchito con la fibra di carbonio è stato adoperato nella stampa 3D. La gara ufficiale di Formula Student è stato lo scenario perfetto per sperimentare il neonato collettore di aspirazione stampato dalla società polacca Omni3D….

Leggi tutto…

Il fenomeno di carbonatazione del calcestruzzo e della successiva ossidazione delle barre di armatura è la causa principale del degrado e dell’abbandono delle opere in calcestruzzo armato. ANAS sta provvedendo a salvaguardare il patrimonio già esistente e a prolungare il periodo di efficienza dei ponti e dei viadotti….

Leggi tutto…

POLIECO GROUP è leader in Europa nella produzione e commercializzazione di tubi corrugati a doppia parete in polietilene ad alta densità. Alla produzione di cavidotti corrugati in polietilene per reti elettriche e telefoniche, prima azienda in Italia nel 1992, si è affiancata la produzione di tubi corrugati per reti fognarie non in pressione a partire dal 1996….

Leggi tutto…

Apodius GmbH, azienda del gruppo Hexagon Manufacturing Intelligence (MI), produce sistemi di misura per l’assicurazione qualità nella produzione di componenti compositi rinforzati con fibre. Con l’acquisizione di Apodius GmbH, Hexagon MI estende le proprie competenze al campo dei materiali compositi in carbonio (CFK)….

Leggi tutto…