Nautica, passerelle ultraleggere e pieghevoli grazie ai compositi


Le passerelle di ultima generazione sono realizzate in composito di carbonio, sono leggere e facili da stivare. Novità interessante anche per il peso 8 kg per la versione fissa da 2,2 metri e 8,5 kg per quella pieghevole (2,2 e 2,8 m). Sono inoltre galleggianti, dotate di superficie antiscivolo, trattate con protezione ai raggi UV e le porzioni laterali hanno un sistema antigraffio.
Esistono varianti in materiale composito Polybridge, pieghevole con ruote, lunghe 2,2 metri e larghe 35 cm. Il carico di sicurezza è di 150 kg. La struttura è realizzata con tecnologia FPT (technical polyurethane), mentre cerniere e accessori sono in alluminio anodizzato.
Leggerezza e resistenza si ottengono anche grazie alla lavorazione in sandwich da stampo femmina con successiva laminazione con tessuti in carbonio a matrice epossidica, trattati sottovuoto e post-curati a 50°. Addio dunque a materiali pesanti e ingombranti e spazio a nuove soluzione hi-tech

Fonte: http://www.giornaledellavela.com/news/2018/02/10/passerelle-pieghevoli-e-leggere/


Leggi anche

Gli scienziati della Università nazionale di scienze e tecnologie MISiS, in Russia, insieme ai colleghi dell’Istituto centrale di ricerca e sviluppo metallurgico de Il Cairo, in Egitto, hanno sviluppato un materiale composito in grado di migliorare la chimica degli assorbitori nel solare termodinamico a torre…

Leggi tutto…

Con grandi progressi tecnologici lungo la catena, l’industria dei compositi riesce ad automatizzare e ridurre i tempi dei processi di produzione. Questi sviluppi sono stati di grande rilevanza per COMPOSITES EUROPE 2018 che si è svolto per la tredicesima volta dal 6 all’8 Novembre. Le prospettive per l’intera industria dei Compositi sono decisamente buone e con enormi potenziali….

Leggi tutto…

Gli scienziati dell’Università di Manchester ritengono che i compositi in fibra di juta naturale rinforzati con grafene potrebbero rivelarsi una combinazione vincente. I dati dimostrano come il grafene potrebbe essere fondamentale nella creazione di un’alternativa più economica e più ecocompatibile ai compositi sintetici per usi finali nelle principali aree produttive come l’industria automobilistica, la costruzione navale, le pale eoliche durevoli e le basse costo delle abitazioni…

Leggi tutto…

La startup Moi, nata all’interno di + Lab del Politecnico di Milano, ha sviluppato e brevettato una tecnologia di stampa 3D in grado di realizzare prodotti ad elevate prestazioni in materiale composito guadagnandosi la vittoria del Pin, Premio Nazionale Innovazione 2018, il concorso legato a idee e business plan del mondo universitario…

Leggi tutto…

Lo sviluppo congiunto cliente – bigHead favorisce alcune applicazioni migliorandone il disegno finale, aumentando le prestazioni e riducendo i costi. Un esempio è stato l’utilizzo di materiali compositi da parte di Siemens per le navicelle usate sulle nuove turbine eoliche offshore 6MW. È stato sostituito un pannello in acciaio – per la manutenzione e relativo fissaggio con bulloni – con uno in composito e bigHead….

Leggi tutto…