BRYSON project

New hydrogen pressure storage systems manufactured with composites

At the beginning of 2020 Hydrogen Council (Oslo, Norway) proclaimed the start of the “Decade of Hydrogen”. Through its participation in the BRYSON project, the Institute of Lightweight Engineering and Polymer Technology (ILK) at the TU Dresden is making significant progress towards emission-free road traffic.

The BRYSON project (BauRaumeffiziente HYdrogenSpeicher Optimierter Nutzbarkeit, “space-efficient hydrogen storage with optimized usability”) is funded by the German Federal Ministry of Economics and Energy. This project involves a consortium of German Research institutes and companies, included BMW AG (Munich), ILK, composite engineering and development firm Leichtbauzentrum Sachsen (LZS, Dresden), composites distributor WELA Handelsgesellschaft (Geesthacht) and Munich University of Applied Sciences.

The project aims to develop new types of hydrogen pressure storage systems. These should be designed in such a way that they can be easily integrated into universal vehicle architectures. The project therefore focuses on the development of tank container systems in flat design.

BRYSON project
Integration concept to accommodate the pressurized hydrogen storage tanks in the floor of the InEco which was developed at ILK. Source | © TU Dresden, ILK

For this purpose, the ILK is developing chained tubular storage tanks in close cooperation with Leichtbauzentrum Sachsen GmbH and herone GmbH, which are manufactured from semi-finished thermoplastic fibre composite products using braiding processes. The use of highly productive braiding technology offers the possibility of reducing the manufacturing costs of hydrogen tanks for fuel cell vehicles and improving competitiveness compared to battery electric vehicles.

The use of semi-finished thermoplastics also allows easy recycling of the tank structures after their use, further improving the overall ecological balance of the Dresden approach.

 

Featured image: The multi-cell storage system enables efficient use of the limited space in modern vehicle designs.© TUD/ILK


Leggi anche

The Brainstorm project: rail vehicle frame

Sotto la spinta delle sfide del settore ferroviario per l’industria e il mondo accademico, e cioè ridurre i costi e le emissioni di carbonio e migliorare la capacità e la soddisfazione del cliente, il progetto BRAINSTORM ha sviluppato tubi in composito ultraleggeri per la produzione di vagoni ferroviari innovativi, leggeri e modulari, che riducono i costi di produzione e le emissioni di carbonio…

Leggi tutto…

Recotrans project first demo samples

Nel contesto del progetto RECOTRANS, che ha l’obiettivo di produrre veicoli più leggeri e meno inquinanti senza determinare un aumento dei costi, sono stati realizzati i primi tre prototipi dimostrativi rispettivamente di componenti auto, autocarro e treno, grazie a un nuovo processo di produzione che utilizza microonde e materiali plastici leggeri…

Leggi tutto…

ECOXY Project develops bio-based epoxy resin and fibre-reinforcements

Partito a giugno 2017 con termine previsto per novembre 2020, il progetto europeo ECOXY punta a sviluppare resine epossidiche innovative a base biologica e rinforzi in fibra per produrre nuovi compositi termoindurenti (FRTC) sostenibili e competitivi sia a livello di prestazioni che di costi, con l’obiettivo di raggiungere funzionalità avanzate. Questi nuovi compositi potranno trovare applicazione nel settore automobilistico e nell’edilizia…

Leggi tutto…

Composite camshaft module

Nonostante la ricerca continua di materiali più leggeri per l’automotive, le vetture in commercio hanno ancora gli alberi a camme, componente chiave dei propulsori, in alluminio. Un gruppo di ricerca dell’Istituto Fraunhofer per le tecnologie chimiche ICT, insieme ad alcuni partner, ha prodotto un albero a camme da polimeri termoindurenti fibrorinforzati. Questo componente leggero, al momento disponibile solo come dimostratore, aiuterà a ridurre il peso del motore e i costi di assemblaggio…

Leggi tutto…

Graphene-reinforced carbon fibre

Un gruppo di ricercatori alla Penn State University in Pennsylvania ha scoperto che l’aggiunta di una piccola percentuale di grafene nel processo produttivo della fibra di carbonio non solo rende la fibra più resistente, ma può anche aiutare ad abbattere i costi di produzione. La scoperta potrebbe avvantaggiare il settore automobilistico, garantendo materiali più sicuri e meno costosi…

Leggi tutto…