Nuovi progetti per il McLaren Composites Technology Centre


Inaugurato nello Yorkshire, alla presenza di ospiti reali – il Duca e la Duchessa di Cambridge e il Principe Ereditario del Regno del Bahrain, il Principe Salman bin Hamad Al Khalif – il nuovo McLaren Composites Technology Centre (MCTC), occuperà a regime 200 addetti impegnati nella produzione di telai in fibra di carbonio.
Nello stabilimento, che si estende su 7mila metri quadri di superficie coperta e costruito su un sito che in passato ospitava una miniera di carbone, è iniziato lo sviluppo dei prototipi delle “vasche” (telai) in fibra di carbonio di nuova generazione che equipaggeranno le supercar del futuro, parte integrante del piano strategico Track25, che prevede il lancio nei prossimi anni di 18 nuovi modelli o derivati.
Il 2019 verrà dedicato al perfezionamento dei processi, per poter arrivare ad una produzione a pieno regime nel 2020, quando l’MTC darà lavoro ad oltre 200 addetti, impegnati nella produzione dei telai in fibra di carbonio destinati al McLaren Production Centre (MPC) di Woking, Surrey, dove avviene l’assemblaggio delle supercar.
La fibra di carbonio è parte del DNA McLaren, avendo la società introdotto il primissimo telaio in fibra di carbonio nel 1981 in Formula 1. Con la scelta di portare in casa la produzione del telaio in fibra di carbonio, aumenta di circa l’8 percento la percentuale (in valore) della produzione made in Britain delle autovetture McLaren, oggi pari a quasi il 50 per cento, in funzione del modello.


Leggi anche

Per aumentare la sicurezza dei caschi indossati dai piloti del motorsport a 4 ruote la Federazione Internazionale dell’Automobile ha introdotto a partire da quest’anno un nuovo regolamento, più rigido e restrittivo. Le specifiche tecniche da rispettare per ottenere l’approvazione riguardano la conformazione e la struttura dei caschi così da limitare danni e incidenti alla testa, la zona più delicata e al tempo stesso più esposta del conducente….

Leggi tutto…

Con grandi progressi tecnologici lungo la catena, l’industria dei compositi riesce ad automatizzare e ridurre i tempi dei processi di produzione. Questi sviluppi sono stati di grande rilevanza per COMPOSITES EUROPE 2018 che si è svolto per la tredicesima volta dal 6 all’8 Novembre. Le prospettive per l’intera industria dei Compositi sono decisamente buone e con enormi potenziali….

Leggi tutto…

Koenigsegg ha prodotto la prima auto al mondo in puro carbonio, non trattato. Quello che il costruttore chiama Koenigsegg Carbon Naked (KCN). Ad indossarlo è una Regera, la cui carrozzeria in fibra di carbonio non è stata trattata con nessun altro elemento. Nessuno smalto, nessuna vernice o rivestimento lasciando scoperta la superficie di carbonio grezzo…

Leggi tutto…

Williams Advanced Engineering (WAE) e il suo Team, a stagione conclusa, impiegano le proprie competenze per sviluppare nuove tecnologie sfruttando l’esperienza consolidata nella lavorazione dei materiali compositi. In particolare, WAE ha progettato e realizzato “Bodypod”, una struttura in fibra di carbonio adatta per i trasporti d’emergenza infantile…

Leggi tutto…

Stampato a pezzi, viene poi finito e assemblato a mano: questa tecnologia permette di realizzare forme impensabili prima d’ora. I processi di stampa in 3d garantiscono, alla ruota, principale componente della mobilità, inedite possibilità di sviluppo per gli anni a venire. Ne è un esempio il futuristico cerchio messo a punto da HRE, specialista californiano del settore…

Leggi tutto…