October 2019: a quiet month for composites

October was a quiet month for composites. Demand from most customers markets was below the seasonal average. Automotive could scarcely make any ground good, though the utility vehicle segment continued to order well.

With demand expected to remain soft and styrene pointing more sharply downward, resins prices will surely slip back in November, potentially by about half of the feedstock downswing – this especially as the slight decline in the October SM contract did not make much of an impact initially. Also, worth noting is that phthalic anhydride just barely remained stable. The Q4 contract for maleic anhydride had not yet been fixed at press time.

Glass fibre products likewise showed little momentum last month and look likely to move sideways up to the end of 2019. The markets are well supplied, and demand from the automotive industry undoubtedly will not budge before the Christmas and New Year holidays.

Source: EuCIA, Plastic Information Europe


Leggi anche

ECOXY Project develops bio-based epoxy resin and fibre-reinforcements

Partito a giugno 2017 con termine previsto per novembre 2020, il progetto europeo ECOXY punta a sviluppare resine epossidiche innovative a base biologica e rinforzi in fibra per produrre nuovi compositi termoindurenti (FRTC) sostenibili e competitivi sia a livello di prestazioni che di costi, con l’obiettivo di raggiungere funzionalità avanzate. Questi nuovi compositi potranno trovare applicazione nel settore automobilistico e nell’edilizia…

Leggi tutto…

Composite camshaft module

Nonostante la ricerca continua di materiali più leggeri per l’automotive, le vetture in commercio hanno ancora gli alberi a camme, componente chiave dei propulsori, in alluminio. Un gruppo di ricerca dell’Istituto Fraunhofer per le tecnologie chimiche ICT, insieme ad alcuni partner, ha prodotto un albero a camme da polimeri termoindurenti fibrorinforzati. Questo componente leggero, al momento disponibile solo come dimostratore, aiuterà a ridurre il peso del motore e i costi di assemblaggio…

Leggi tutto…

BRYSON project

Il Progetto BRYSON che vede coinvolto un consorzio di aziende e istituti di ricerca tedesche, tra cui l’Università tecnica di Dresda, risponde alla sfida della transizione verso l’idrogeno. Si pone infatti l’obiettivo di sviluppare innovativi sistemi di stoccaggio dell’idrogeno per una integrazione ottimizzata nella struttura dei vari tipi di veicoli…

Leggi tutto…

Graphene-reinforced carbon fibre

Un gruppo di ricercatori alla Penn State University in Pennsylvania ha scoperto che l’aggiunta di una piccola percentuale di grafene nel processo produttivo della fibra di carbonio non solo rende la fibra più resistente, ma può anche aiutare ad abbattere i costi di produzione. La scoperta potrebbe avvantaggiare il settore automobilistico, garantendo materiali più sicuri e meno costosi…

Leggi tutto…

La tecnologia CFIP (Continuous Fibre Injection Process) è stata sviluppata e brevettata da Eurecat Centro Tecnológico de Catalunya e consente di rinforzare parti in plastica, metalli o ceramica prodotte con stampa 3D con fibre continue in carbonio, aumentandone la resistenza e riducendo il peso…

Leggi tutto…