Pagani Automobili e l’utilizzo del carbonio nelle auto da competizione

“Nel gergo – spiega Pagani – parliamo di tecnologia dei compositi avanzati, quella per intenderci utilizzata in Formula 1 e nelle applicazioni aeronautiche, ovvero quelle più spinte ed efficienti nel mondo dei compositi. Sono quelle tecnologie in cui la materia prima è sostanzialmente un pre-preg, ovvero un tessuto pre-impregnato con delle resine di diversa natura”.

La storia di Pagani e del suo brand inizia qualche decennio fa: “Quando cominciai, nel 1984, i materiali primari e secondari erano veramente minimi e molto difficili da lavorare, l’utilizzo era prevalentemente strutturale. Poi siamo arrivati ad altre tecnologie, dove sostanzialmente si mette il tessuto secco in uno stampo e viene iniettata della resina e applicato il vuoto; solo successivamente si scalda l’insieme ed in tempi molto brevi viene fuori il particolare. Questa tecnologia, se frutto di un’efficace progettazione, offre, secondo noi, vantaggi rispetto ad un telaio in alluminio. Poi si è lavorato molto sul tema stampaggio e sui processi produttivi. Ad esempio nel 1994/95 abbiamo studiato un sistema per realizzare la Renault Next, creando un tessuto di carbonio ed un materiale termoplastico da stampare con stampo e controstampo caldo. Se confrontiamo queste tecnologie con i nostri attuali pre-preg e processi produttivi, le caratteristiche meccaniche ed estetiche sono di certo inferiori, ma non va dimenticato che la nostra tecnologia ha dei costi molto superiori, anche di 10 volte”.

Queste lavorazioni, sempre secondo Pagani, offrono dei vantaggi concreti tangibili, grazie a tessuti con fibre orientate ad alte caratteristiche meccaniche e sistemi di resina estremamente performanti: “Per esempio – specifica il Presidente di Pagani Automobili – con il Carbo-TriaxHP52, utilizzato sulla Huayra Roadster, abbiamo incrementato la rigidezza a flessione e torsione del 52% a parità di peso, mentre nel progetto ‘Infinito’, creato per l’Airbus 319 NEO, vi è un risparmio di una tonnellata, che si traduce in un’ora in più di autonomia di volo”.

Il contributo di Pagani Automobili al mondo dei compositi, esplicitato dallo stesso AD, è stato “Quello di creare in quantità tessuti, sistemi di resine, materiali per modelli e pre-preg per stampi. Sono felice – prosegue sempre Pagani – di aver creduto, investito e lavorato e continuare a fare tutto ciò anche oggi insieme ad un team interno e di fornitori competenti e motivati. Personalmente, è importante sapere che ci sono, in Italia e nel mondo, tante importanti aziende specializzate, bravissimi tecnici ed operatori con un sistema che genera lavoro, in molti casi, manuale. Credo nell’imprenditore, come Adriano Olivetti, che impronta la sua vita a dare un contributo sociale, oltre che tecnologico”.


Leggi anche

Stampato a pezzi, viene poi finito e assemblato a mano: questa tecnologia permette di realizzare forme impensabili prima d’ora. I processi di stampa in 3d garantiscono, alla ruota, principale componente della mobilità, inedite possibilità di sviluppo per gli anni a venire. Ne è un esempio il futuristico cerchio messo a punto da HRE, specialista californiano del settore…

Leggi tutto…

La Carbon Series è la Ford con più carbonio a vista mai prodotta: la trama del materiale composito è visibile in diverse parti dell’auto, comprese le nuove strisce che attraversano la parte superiore della carrozzeria per tutta la sua lunghezza. Il nuovo allestimento combina materiali ultraleggeri con nuove componenti per ridurre il peso della vettura di 18 kg….

Leggi tutto…

Riduce da ore a minuti i tempi di preparazione degli attrezzi nello stampaggio di materiali compositi nell’industria aerospaziale e risulta particolarmente efficace per componenti in prepreg epossidico di fibra di carbonio realizzati sottovuoto e con stampaggio in autoclave….

Leggi tutto…

Polestar ha condotto il primo di una serie di crash test interni nell’ambito dello sviluppo dell’elettrica Polestar 1. Si tratta della prima volta che il Gruppo Volvo, attraverso il suo nuovo brand dedicato alla gamma a zero emissioni, valuta la resistenza della struttura in fibra di carbonio rinforzato da polimeri in una situazione che ricrea le condizioni di un incidente reale…

Leggi tutto…

Auto elettriche senza batterie, alimentate dall’energia immagazzinata nei telai in fibra di carbonio. Questo lo scenario possibile, frutto di uno studio condotto alla Chalmers University of Technology di Goteborg, in Svezia che ha dimostrato come le fibre di carbonio siano in grado di funzionare come gli elettrodi delle batterie tradizionali…

Leggi tutto…