Pannelli solari made in Italy in fibra di carbonio riciclata


La startup milanese Levante e l’azienda Advanced Composites Solutions (ACS), specializzata in progettazione e produzione di componenti in materiale composito, collaborano al riciclaggio dei rifiuti in fibra di carbonio per realizzare un pannello solare portatile e componibile, ispirato agli origami. Il progetto ha vinto questo giugno il Best Practices Award 2022 per l’innovazione, nella categoria Greentech.

Il pannello solare compatto, portatile e dispiegabile, può essere trasportato e utilizzato ovunque, lontano dalle reti di distribuzione energetica. Il prodotto, riciclato e rinnovabile, è in attesa di brevetto. A detta di Levante rivoluziona il concetto di pannelli solari statici, semplificando anche la progettazione di impianti di energia green.

 

Scarti di fibra di carbonio dalle auto

ACS, azienda internazionale con sedi a Bologna e Tortoreto, in Abruzzo, ha fornito alla startup gli scarti di fibra di carbonio per il pannello, recuperati dall’industria automobilistica. La collaborazione tra Levante e ACS mira a migliorare l’impatto ambientale della produzione di entrambe le aziende, riducendo la quantità di rifiuti e materie prime utilizzate.

 

Roberto Catenaro, fondatore di Advanced Composites Solutions

“Siamo sempre stati impegnati in progetti di ricerca che vanno nella direzione di migliorare i processi produttivi e le tecnologie, evitando anche gli sprechi. Siamo felici che la partnership con Levante susciti l’interesse di osservatori privilegiati. Questo ci spinge ad andare avanti con entusiasmo e una maggiore determinazione”.

Secondo ACS, quasi il 40% della fibra di carbonio impiegata nella produzione di una singola auto da corsa viene scartato, un corrispettivo di circa 250 chilogrammi. Attraverso l’upcycling, la fibra di scarto viene successivamente utilizzata da ACS nella produzione di:

  • telaio
  • bracci meccanici
  • cerniere

del pannello solare, in modo da renderlo più leggero e portatile.

 

L’award 2022 di Confindustria

Levante, tra le prime 50 startup in Europa per la mobilità sostenibile e vincitrice di numerosi premi, è nata nel 2021 col concept di semplificare l’accesso all’energia rinnovabile negli spostamenti. I fondatori Sara Plaga, di Varese, e il norvegese Kim-Joar Myklebust, marinai e camperisti appassionati di viaggi nella natura, avevano la necessità di approvvigionarsi di energia in modo continuativo e sostenibile.

Il premio Best Practices Award 2022, promosso e organizzato da Confindustria Salerno, è un prestigioso riconoscimento che da 18 anni viene assegnato a grandi imprese, spin-off e startup italiane. Per promuovere l’innovazione tecnologica e culturale in un’ottica ecosostenibile. In questa edizione partecipavano al premio 60 progetti, selezionati da Confindustria nelle categorie Internet of Things, Digitalizzazione e Greentech.

 

Sara Plaga, cofondatrice di Levante

“Levante vuol generare energia pulita in uno formato portatile. Siamo responsabili dell’impatto del prodotto che stiamo creando. La collaborazione con il partner ACS ci consente di unire e ottimizzare le tecnologie disponibili sul mercato, rendendole più efficaci per un beneficio comune. Ringraziamo Confindustria di Salerno per questo riconoscimento. Rappresenta per noi la conferma che siamo sulla strada giusta verso un mondo in cui l’approvvigionamento delle risorse sarà ottimale”.

 


Leggi anche

La crescente richiesta di componenti compositi necessita sempre più di soluzioni di produzione efficienti e convenienti. Massivit ha lanciato di recente l’unità 10000 e i suoi mandrini realizzati con produzione additiva, utili per formare componenti compositi cavi con superfici interne lisce e regolari. Nell’articolo vengono illustrati i vantaggi della stampa con materiale frangibile in acqua e i possibili risparmi economici….

Leggi tutto…

The European CIRCE project (Circular Economy Model for Carbon Fiber Prepregs), born from the collaboration of five Italian companies and financed under the LIFE program (LIFE ENV/IT/00155), has studied how to reuse the scraps of carbon fiber prepreg to produce structural components such as car parts, brake discs, toe caps for safety shoes and more….

Leggi tutto…

Il progetto europeo CIRCE (Circular Economy Model for Carbon Fibre Prepregs), nato dalla collaborazione di cinque aziende italiane e finanziato nell’ambito del programma LIFE (LIFE ENV/IT/00155), ha studiato come riutilizzare gli sfridi dei prepreg in fibra di carbonio per produrre componenti strutturali come parti auto, dischi freno, puntali per scarpe antinfortunistiche e non solo….

Leggi tutto…

The use of CFRP can significantly reduce CO2 emissions in transportation, including airplanes and automobiles. However, a lot of CO2s is released during the production of CFRP, and most used and waste materials end up in landfills. With the growing market of CFRP, there is a strong demand for the development of recycling technologies. Toyota Industries have developed technology that aligns recycled carbon fibers from used CFRP into a uniform, consistent yarn, adapting its well-established cotton spinning methods to carbon fiber….

Leggi tutto…

Spherecube, una startup e spinoff dell’Università Politecnica delle Marche, propone di risolvere i problemi legati alla produzione tradizionale dei materiali compositi alto performanti, grazie ad un sistema brevettato di stampa 3D per compositi a base termoindurente e rinforzo continuo, che permette di ridurre gli scarti di produzione, di eliminare i materiali consumabili, di accorciare il tempo di curing e di azzerare gli sfridi di materiale….

Leggi tutto…