Polestar 1| superati crash test interni sulla struttura in fibra di carbonio


La Polestar 1 ha dimostrato un elevato grado di sicurezza e affidabilità dopo essere stata sottoposta a specifici crash test interni del marchio svedese che hanno messo alla prova la resistenza della fibra di carbonio in simulazioni di incidenti reali.
Rispetto al corpo auto in acciaio dove la flessione aiuta a ridurre le energie dell’impatto che raggiunge gli occupanti del veicolo, la fibra di carbonio dissipa le energie rompendosi e frantumandosi. Nello sviluppo della vettura, Polestar ha riservato particolare attenzione al modo in cui la fibra di carbonio ha reagito alle forze estreme nelle prove d’impatto.
Il prototipo della Polestar 1 è stato spinto contro una barriera a 56 km/h simulando una collisione frontale. La maggior parte dell’energia che è stata assorbita dalla struttura della vettura, mentre il resto è stato attenuato dai pannelli in fibra di carbonio. La struttura dell’auto è rimasta rigida e dopo l’impatto non ha registrato né segni di flessione né di disallineamento.
Zef van der Putten, responsabile per la fibra di carbonio di Polestar, commenta: “Il risultato di questo primo crash test convalida la decisione di costruire il corpo della Polestar 1 in fibra di carbonio. Conferma anche che la fibra di carbonio supporta i più alti standard di sicurezza. Questo è un esempio di come Polestar lancia lo sviluppo della nuova tecnologia nel Gruppo Volvo“.


Leggi anche

Il polo McLaren di Sheffield, centro di eccellenza della casa automobilistica inglese per la ricerca e produzione di componenti in materiali compositi rinforzati con fibra di carbonio, ha in serbo grandi progetti per il 2019. Costato oltre 50 milioni di sterline, è il secondo impianto produttivo di McLaren Automotive…

Leggi tutto…

Koenigsegg ha prodotto la prima auto al mondo in puro carbonio, non trattato. Quello che il costruttore chiama Koenigsegg Carbon Naked (KCN). Ad indossarlo è una Regera, la cui carrozzeria in fibra di carbonio non è stata trattata con nessun altro elemento. Nessuno smalto, nessuna vernice o rivestimento lasciando scoperta la superficie di carbonio grezzo…

Leggi tutto…

Williams Advanced Engineering (WAE) e il suo Team, a stagione conclusa, impiegano le proprie competenze per sviluppare nuove tecnologie sfruttando l’esperienza consolidata nella lavorazione dei materiali compositi. In particolare, WAE ha progettato e realizzato “Bodypod”, una struttura in fibra di carbonio adatta per i trasporti d’emergenza infantile…

Leggi tutto…

Stampato a pezzi, viene poi finito e assemblato a mano: questa tecnologia permette di realizzare forme impensabili prima d’ora. I processi di stampa in 3d garantiscono, alla ruota, principale componente della mobilità, inedite possibilità di sviluppo per gli anni a venire. Ne è un esempio il futuristico cerchio messo a punto da HRE, specialista californiano del settore…

Leggi tutto…

La Carbon Series è la Ford con più carbonio a vista mai prodotta: la trama del materiale composito è visibile in diverse parti dell’auto, comprese le nuove strisce che attraversano la parte superiore della carrozzeria per tutta la sua lunghezza. Il nuovo allestimento combina materiali ultraleggeri con nuove componenti per ridurre il peso della vettura di 18 kg….

Leggi tutto…