Recyclable films for food packaging

Food packaging is an important component of our modern life, ensuring a longer life for products — which comes with a lot of benefits, including environmental benefits. However, metalized coatings for food packaging feature several layers of different material, which makes it very difficult to recycle them. Creating versions that are recyclable is also quite challenging.

“The production of scalable, environmentally friendly, non-toxic, high aspect ratio two-dimensional nanosheet coating to produce oxygen barrier food packaging film is an unsolved major challenge,” the researchers write.

Food packaging films are in contact with food, which puts very specific limits on their chemical composition: it needs to be something that doesn’t interact with the food and ensures that it doesn’t spoil or come in contact with molecules from the air. It also needs to be a drop-in solution for existing coating technologies, and lastly, it must also be cost-effective compared to the current practice of aluminium vaporization, which is most commonly employed in the industry.

With this objective in mind, the team set out to design and produce a recyclable film that not only works but can also be applied at a large scale with decent costs.

Composite materials are always hard to recycle, and in this particular case, the plastic and aluminum foil first need to be separated and recycled, a process which is difficult and inefficient.

In the new material, the plastic-aluminum film was replaced by a set of nanosheets of layered double hydroxides (a fully inorganic and unreactive material).

The process to produce these sheets is cheap and requires only water and amino acids. The resulting film is transparent, equally impermeable to oxygen and water vapor, and quite sturdy. Since the production process is fully synthetic, different parameters can be controlled, for instance, to add even more safety and protection in the case of delicate foods.

Most importantly, researchers say, these coated films are also transparent and mechanically robust, making them suitable for flexible food packaging while also offering new recycling opportunities. It’s the kind of technology and approach we need to tackle our plastic problem before it goes completely out of control.


Leggi anche

In base a una ricerca recente, si prevede che le dimensioni del mercato globale dei materiali compositi scenderanno da un totale di 90,6 miliardi di dollari del 2019 a 82,9 miliardi entro il 2021, con un tasso di crescita negativo del 4,4% rispetto al 2019. Ci si aspetta infatti che l’industria dei compositi subirà un calo dovuto all’interruzione della catena di approvvigionamento a causa della pandemia da Covid-19…

Leggi tutto…

La casa automobilistica McLaren continua il suo storico impegno nella riduzione del peso dei veicoli. Come conferma la supercar 765LT, l’azienda punta infatti a ottimizzare efficienza e prestazioni dei suoi modelli ibridi che prevede di lanciare sul mercato nel 2025 grazie a un attento lavoro sui materiali, ricorrendo ai materiali compositi sia per le parti interne sia per quelle esterne della vettura…

Leggi tutto…

Una nuova tecnologia rivoluzionaria sviluppata dal National Composites Center (NCC) e dalla Oxford Brookes University consente ora di separare (o smantellare) le strutture in materiale composito in modo rapido ed economico utilizzando una semplice fonte di calore. Questa ricerca potrebbe trasformare la progettazione, l’uso e il riciclaggio a fine vita di un’ampia gamma di prodotti, tra cui automobili, aeromobili e turbine eoliche…

Leggi tutto…

Grazie a una collaborazione con diversi partner, l’International Lunar Exploration Working Group (ILEWG) sta affrontando una nuova sfida per lo sviluppo di tute spaziali non solo più resistenti ai danneggiamenti, ma anche dotate di un sistema di rilevamento dei danni. A questo fine è stato sviluppato un prototipo che impiega un materiale con fibre aramidiche con proprietà balistiche e di conducibilità …

Leggi tutto…

Il progetto NEMMO ha l’obiettivo di ridurre i costi di manutenzione e aumentare la resa delle turbine mareomotrici e più in generale, di migliorare l’efficacia in termini di costi dell’energia delle maree. Una delle fasi centrali del progetto è la creazione di nuovi rivestimenti e materiali per le pale delle turbine per ridurne l’usura. Proprio in quest’ottica, di recente, sono stati installati una serie di pannelli provenienti da pale per turbine mareomotrici realizzati in fibra di vetro e con un rivestimento in gel-coat che resteranno immersi per sei mesi per determinare il livello di biofouling sulla superficie…

Leggi tutto…