Riduzione delle emissioni grazie ai compositi a base vegetale

Cellexcel, società spin-out dell’Università dell’East Anglia (UEA) presso il Norwich Research Park, uno dei principali centri al mondo per la ricerca scientifica a base biologica, ha sviluppato una nuova soluzione per:

  1. migliorare le prestazioni
  2. aumentare l’utilizzo di materiali compositi di origine vegetale nella produzione.

Si prevede che questa tecnologia, frutto del lavoro del Prof Richard Stephenson, CSO di Cellexcel e Emeritus Professor School of Chemistry presso l’UEA, accelererà l’adozione di biomateriali, portando a una significativa riduzione dei gas serra.

 

Lo scenario economico e ambientale

Al momento, i biocompositi rappresentano solo il 6% del mercato. Ma con un notevole incremento della domanda prevista per i compositi, la grande sfida è sostituire termoplastici e fibra di vetro con biomateriali, per arrivare ad un risparmio di circa tre tonnellate di CO2 per tonnellata di fibra di vetro. Passare un impiego di biocompositi del 6% ad uno del 12% a livello globale, rappresenta un’opportunità di crescita da 10 miliardi di dollari.

 

La tecnologia di Cellexcel

Si tratta di una soluzione incentrata sul miglioramento delle proprietà di resistenza all’acqua dei materiali di lino e canapa, consentendo loro di essere impiegati in una gamma più ampia di applicazioni, dai tosaerba, ai droni e ai pannelli automobilistici esterni. In ambienti asciutti, come l’interno di un’auto, infatti, i biocompositi funzionano bene, ma per gli esterni c’è bisogno di migliorarne le prestazioni. Cellexcel sta modificando chimicamente il materiale vegetale per raggiungere tale obiettivo.

 

Uno sguardo al futuro

Cellexcel sta cercando di espandere il proprio portafoglio di prodotti e ritiene di poter entrare sia nel settore aeronautico che in quello automobilistico, nonché in altre applicazioni ad alte prestazioni.

La domanda di biocompositi – ha affermato il presidente esecutivo di Tim Pryceè guidata da industrie che cercano soluzioni sostenibili. I progressi tecnologici nel settore stanno attirando investitori che considerano la tutela dell’ambiente un obiettivo chiave per gli azionisti. Il desiderio di ridurre le emissioni porterà al successo dei biocompositi”.

 


Leggi anche

BMW iX, la nuova vettura completamente elettrica della casa bavarese, è dotata un parabrezza realizzato in composti high-tech in fibra di carbonio, che garantisce un peso ridotto dei componenti e un vantaggio significativo in termini di sostenibilità….

Leggi tutto…

La prima serie di monoposto da gara in Giappone utilizzerà pannelli ibridi di lino al 70% e fibra di carbonio al 30%. Il progetto, finalista del World Motorsport Symposium Green Tech Award 2022, fa parte del piano Next 50 della Super Formula, che prevede, tra le altre cose, l’uso di materiali eco-compatibili nella realizzazione delle vetture. Oltre a garantire una riduzione del 90% delle emissioni di materiale, i compositi di lino vantano anche una maggiore resistenza agli urti rispetto alla fibra di carbonio….

Leggi tutto…

Si chiama Convergence il nuovo cerchio in fibra di carbonio che si presenta come se fosse stato contorto, con un profilo leggermente angolato intorno a ciascun foro del raggio. Questo tipo di struttura è in grado di ridurre la fatica sui nipples e aumentarne la durata…

Leggi tutto…

I profili in fibra di vetro possono essere integrati, al posto di quelli tradizionali in alluminio, nella maggior parte delle sezioni di un pullman, come il corrimano, i supporti per i bagagli, le condutture dell’aria, le fiancate e le pannellature. Una scelta di questo tipo offre diversi vantaggi chiave, che si traducono in una riduzione del costo totale di proprietà per le aziende. …

Leggi tutto…

Si chiama Aehra il nuovo Sport Utility Vehicle che vanta una potenza fino a 816 CV (550-600 kW) e un’autonomia superiore agli 800 km, grazie a soluzioni aerodinamiche all’avanguardia e a un peso inferiore alle 2 tonnellate. L’auto è realizzata in materiali compositi, scelti per la loro leggerezza e il basso impatto ambientale, ottenuto grazie all’impiego di materiali riciclabili fino a cinque cicli e alla possibilità di utilizzare compositi da riciclo….

Leggi tutto…