Riduzione delle emissioni grazie ai compositi a base vegetale

Cellexcel, società spin-out dell’Università dell’East Anglia (UEA) presso il Norwich Research Park, uno dei principali centri al mondo per la ricerca scientifica a base biologica, ha sviluppato una nuova soluzione per:

  1. migliorare le prestazioni
  2. aumentare l’utilizzo di materiali compositi di origine vegetale nella produzione.

Si prevede che questa tecnologia, frutto del lavoro del Prof Richard Stephenson, CSO di Cellexcel e Emeritus Professor School of Chemistry presso l’UEA, accelererà l’adozione di biomateriali, portando a una significativa riduzione dei gas serra.

 

Lo scenario economico e ambientale

Al momento, i biocompositi rappresentano solo il 6% del mercato. Ma con un notevole incremento della domanda prevista per i compositi, la grande sfida è sostituire termoplastici e fibra di vetro con biomateriali, per arrivare ad un risparmio di circa tre tonnellate di CO2 per tonnellata di fibra di vetro. Passare un impiego di biocompositi del 6% ad uno del 12% a livello globale, rappresenta un’opportunità di crescita da 10 miliardi di dollari.

 

La tecnologia di Cellexcel

Si tratta di una soluzione incentrata sul miglioramento delle proprietà di resistenza all’acqua dei materiali di lino e canapa, consentendo loro di essere impiegati in una gamma più ampia di applicazioni, dai tosaerba, ai droni e ai pannelli automobilistici esterni. In ambienti asciutti, come l’interno di un’auto, infatti, i biocompositi funzionano bene, ma per gli esterni c’è bisogno di migliorarne le prestazioni. Cellexcel sta modificando chimicamente il materiale vegetale per raggiungere tale obiettivo.

 

Uno sguardo al futuro

Cellexcel sta cercando di espandere il proprio portafoglio di prodotti e ritiene di poter entrare sia nel settore aeronautico che in quello automobilistico, nonché in altre applicazioni ad alte prestazioni.

La domanda di biocompositi – ha affermato il presidente esecutivo di Tim Pryceè guidata da industrie che cercano soluzioni sostenibili. I progressi tecnologici nel settore stanno attirando investitori che considerano la tutela dell’ambiente un obiettivo chiave per gli azionisti. Il desiderio di ridurre le emissioni porterà al successo dei biocompositi”.

 


Leggi anche

La fibra di carbonio, utilizzata per realizzare aeromobili più leggeri e resistenti, potrebbe presto essere potenziata nelle proprie qualità tecniche grazie ad un progetto di ricerca della Montana State University che sta rapidamente attirando l’attenzione dell’industria. L’iniziativa ha ricevuto un finanziamento totale di 25,8 milioni di dollari da parte dell’esercito americano. …

Leggi tutto…

Master-Plate® : è un sistema di fissaggio molto semplice che sfrutta l’ausilio di appositi collanti per il bloccaggio su ogni tipologia di materiale ricevente. Non richiede particolari lavorazioni meccaniche per la predisposizione della sua sede, il montaggio usuale avviene applicando il collante al Master-Plate® per poi posizionare il sistema sulla superficie ricevente. Utilizzabile anche nei processi di laminazione, costampaggio o mediante viti. Le varie combinazioni tra la piastrina di base e l’elemento di fissaggio offrono ampie possibilità di progettazione ai tecnici….

Leggi tutto…

Il territorio di Faenza viene riconosciuto come centro nevralgico del manufacturing avanzato, grazie alla sottoscrizione di un memorandum di intenti tra l’amministrazione locale, il sistema delle imprese, il mondo della ricerca universitaria e della formazione tecnica. È l’inizio di un percorso sinergico che mira allo sviluppo di un ecosistema territoriale competitivo….

Leggi tutto…

La Pittsburgh Water and Sewer Authority sta ristrutturando i tubi di distribuzione chiave nel sistema idrico della città con un polimero rinforzato con fibra di carbonio (PWSA). Il progetto, chiamato Rising Main 4, fa parte del Water Reliability Plan (WRP) dell’utility…

Leggi tutto…

Si chiama Convergence il nuovo cerchio in fibra di carbonio che si presenta come se fosse stato contorto, con un profilo leggermente angolato intorno a ciascun foro del raggio. Questo tipo di struttura è in grado di ridurre la fatica sui nipples e aumentarne la durata…

Leggi tutto…