Robocar, l’auto da gara a guida autonoma


Dopo tante anticipazioni e prototipi la Robocar, l’auto elettrica a guida autonoma da 320 km/h, è stata finalmente rivelata al Mobile World Congress nel suo aspetto definitivo. Disegnata da Daniel Simon – famoso per aver creato le vetture per i film di Hollywood Tron Legacy, Oblivion, Prometheus e Captain America ma anche del rilancio del brand Bugatti – la Robocar si presenta con linee davvero avveniristiche.
Caratterizzata dalla totale assenza di un abitacolo, la Robocar è costituita da materiali compositi, in primis la fibra di carbonio, e spicca per la presenza di ruote semi-carenate, una novità che nei prossimi anni dovrebbe arrivare anche nella Formula 1. La vettura si sviluppa su 4,5 metri di lunghezza per 2 metri di larghezza e non raggiunge il metro di altezza.
Il peso è limitato ad appena 975 kg. A spingerla saranno quattro motori elettrici da 300 kW, uno per ciascuna ruota, che consentiranno all’auto di raggiungere i 320 km/h. Per permettere la guida autonoma del veicolo, la Robocar è stata dotata di diverse tecnologie all’avanguardia: vanta cinque LIDAR, due radar, due sensori ottici di velocità, diciotto sensori ultrasonici, sei telecamere e un sistema di geolocalizzazione GNSS.
L’auto correrà nel nuovo campionato Roborace che vedrà sfidarsi 10 team, ciascuno dotato di due auto, sui circuiti della nuova Formula E, dedicata alle auto elettriche con pilota. Il campionato è destinato a diventare un vero e proprio laboratorio avanzato per lo sviluppo di intelligenze artificiali dedicate alla guida, con capacità sempre più avanzate, che poi man mano passeranno nella produzione di massa, come già avviene nella Formula 1.
Lo sviluppo della Robocar da parte della casa britannica Roborace è stato difficile da portare a termine, come dimostra il recente incidente di un prototipo durante i test a Buenos Aires: guidare ad altissime velocità richiede un veicolo performante, il cui studio porterà frutti interessanti nei prossimi anni.
Per vedere le Robocar duellare in pista in una corsa ufficiale bisognerà attendere qualche mese: le prime gare delle vetture a guida autonoma dovrebbero essere disputate a fine 2017.


Leggi anche

I container Dry Van e i rimorchi refrigerati si evolveranno nei prossimi dieci anni per diventare più compatti, leggeri, duraturi nel tempo e aereodinamici rispetto agli odierni equipaggiamenti, sostengono così gli esperti del settore….

Leggi tutto…

Il mercato del composito, prima esclusivo del racing e delle supercar, è sempre più orientato alla definizione di strutture leggere che permettano minori consumi e miglior efficienza su veicoli di uso comune. Abbiamo intervistato Francesco Varrasi, CEO di Mind Composites, azienda Italiana attiva dal 2006 specializzata nell’industrializzazione di componenti in materiale composito….

Leggi tutto…

Un materiale che non manca mai su una pista, il filamento CF-PA12, e che ora supera di gran lunga il suo tradizionale impiego. Arricchito con la fibra di carbonio è stato adoperato nella stampa 3D. La gara ufficiale di Formula Student è stato lo scenario perfetto per sperimentare il neonato collettore di aspirazione stampato dalla società polacca Omni3D….

Leggi tutto…

Per aumentare la sicurezza dei caschi indossati dai piloti del motorsport a 4 ruote la Federazione Internazionale dell’Automobile ha introdotto a partire da quest’anno un nuovo regolamento, più rigido e restrittivo. Le specifiche tecniche da rispettare per ottenere l’approvazione riguardano la conformazione e la struttura dei caschi così da limitare danni e incidenti alla testa, la zona più delicata e al tempo stesso più esposta del conducente….

Leggi tutto…

Con grandi progressi tecnologici lungo la catena, l’industria dei compositi riesce ad automatizzare e ridurre i tempi dei processi di produzione. Questi sviluppi sono stati di grande rilevanza per COMPOSITES EUROPE 2018 che si è svolto per la tredicesima volta dal 6 all’8 Novembre. Le prospettive per l’intera industria dei Compositi sono decisamente buone e con enormi potenziali….

Leggi tutto…