Schede elettroniche green, derivati dal legno e stampati in 3D

Gli studi sullo sviluppo di materiale cellulosico dei ricercatori svizzeri provenienti dai Federal Laboratories for Materials Science hanno incontrato e abbracciato l’invenzione di inchiostri speciali conduttori stampabili in 3D che sono merito del Dipartimento di Ingegneria Robotica del DGIST (Daegu Gyeongbuk Institute of Science and Technology’s) e della PROTEM CO Inc.

Il frutto di questo incontro è un’innovativa cellulosa a base lignea, sostenibile e biodegradabile, sviluppata dal professor Woo Soo Kim della Simon Faser University. Qui di seguito si riportano le sue parole riguardo all’invenzione:

I nostri sensori cellulosici ecosostenibili stampati in 3D possono trasmettere dati via wireless durante la loro vita produttiva e poi essere scartati senza incidere sull’inquinamento ambientale Quest’innovazione permette lo sviluppo di elettronica ‘green’. Se fossimo in grado di sostituire la plastica in PCB in materiali compositi di cellulosa, il riciclo dei componenti di metallo installati sulle schede potrebbe essere molto più semplice”.

I nuovi circuiti derivati dal legno e prodotti tramite una stampante 3D potranno costituire una valida alternativa ai classici circuiti stampati in polimeri e plastici utilizzati abitualmente all’interno dei devices elettronici.

La tecnica con cui i circuiti vengono stampati su una base di cellulosa ricavata dal legno si chiama “goffratura” che consiste nell’imprimere il disegno a rilievo tramite pressione con speciali utensili. Si imprimono così modelli di circuiti fini su substrato polimerico flessibile, un tassello fondamentale nell’assemblaggio di prodotto elettronici.

Anche se presenta un vantaggio a livello economico, oggi l’incisione tramite macchine goffratrici permette di creare circuiti solo se già stampati su uno stampo che deve essere ricostituito ogni volta da capo a seconda del circuito che si vuole realizzare. Questo passaggio che deve ripetersi ogni volta implica dei costi che rendano l’intero processo più dispendioso. La tecnologia proposta dagli studiosi guidati dal professor Kim permetterà di evitare l’obbligo di creare lo stampo ogni volta che si dovranno stampare i circuiti, abbattendo così i costi di produzione.

Ciò apre le porte ai nuovi circuiti stampati in 3D su base lignea per essere adoperati in grande scala nella costruzione di semiconduttori, dispositivi indossabili e nell’industria dello spettacolo.


Leggi anche

Un materiale all’avanguardia, ispirato all’ambiente naturale, è stato studiato e sviluppato presso l’Università di Nottingham: è in grado di regolare la propria temperatura, allo stesso tempo potrebbe essere utilizzato per trattare e curare ustioni e aiutare i veicoli spaziali a resistere alle forze atmosferiche….

Leggi tutto…

In occasione del Mobile World Congress 2019, la fiera mondiale svoltasi dal 25 al 28 febbraio a Barcellona e dedicata alla telefonia mobile e all’innovabile, Italcementi ha presentato con orgoglio la sua rivoluzione del grafene. È stato esposto infatti un mock-up che mostra il funzionamento del riscaldamento a pavimento grazie all’utilizzo di uno strato sottile di composito cementizio al grafene….

Leggi tutto…

Il mercato del composito, prima esclusivo del racing e delle supercar, è sempre più orientato alla definizione di strutture leggere che permettano minori consumi e miglior efficienza su veicoli di uso comune. Abbiamo intervistato Francesco Varrasi, CEO di Mind Composites, azienda Italiana attiva dal 2006 specializzata nell’industrializzazione di componenti in materiale composito….

Leggi tutto…

Scarti di latte dall’industria casearia e latte scaduto dalla grande G.D.O sono i nuovi ingredienti per produrre mattoni isolanti. L’innovazione dell’azienda che fonda le sue radici in Sardegna propone la soluzione alla dispersione termica degli edifici. Una novità per il mercato della bio-edilizia che dà il benvenuto a mattoni in bio composito di fibra di latte. …

Leggi tutto…

Un materiale che non manca mai su una pista, il filamento CF-PA12, e che ora supera di gran lunga il suo tradizionale impiego. Arricchito con la fibra di carbonio è stato adoperato nella stampa 3D. La gara ufficiale di Formula Student è stato lo scenario perfetto per sperimentare il neonato collettore di aspirazione stampato dalla società polacca Omni3D….

Leggi tutto…