Spingere i confini per un mondo digitale e sostenibile

Sostenibile e digitale: alla fiera delle materie plastiche K 2019 di Düsseldorf, Covestro presenterà soluzioni innovative che forniscono risposte alle grandi sfide del mondo. In questo modo, l’azienda spinge continuamente i confini, per migliorare la vita delle persone e generare valore aggiunto per i clienti, ma anche e soprattutto per ridurre le conseguenze ambientali.

I visitatori della prima fiera mondiale per l’industria delle materie plastiche e della gomma troveranno molti esempi di ciò che Covestro presenterà allo stand A75 nel padiglione 6.

Dal 16 al 23 ottobre 2019 saranno esposti prodotti e tecnologie per l’industria automobilistica, edilizia ed elettronica, ma anche applicazioni innovative e funzionali nei settori della salute, dell’arredamento, dello sport e del tempo libero. Uno dei punti di forza della fiera sarà la presentazione dei nostri interni auto del futuro, che mira a trasformare gli interni auto in spazi abitativi e di lavoro mobili. Per saperne di più sulle soluzioni per il settore automobilistico, leggi qui. Covestro ha sviluppato il concetto insieme ai principali partner industriali e accademici“, ha spiegato Jochen Hardt, responsabile del marketing industriale della mobilità, Policarbonati. “Si tratta di funzionalità, comfort e design in egual misura, oltre che di efficienza“.

Oltre all’avanzamento della digitalizzazione, gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite saranno una forza trainante nella società e nell’economia per i prossimi anni“, ha dichiarato il CEO Dr. Markus Steilemann. “La loro realizzazione non solo è un imperativo per un mondo migliore, più pulito e più sano, ma ha anche un grande potenziale economico a lungo termine“, ha spiegato il CEO. “Covestro è determinata a realizzare gli obiettivi di sostenibilità dell’ONU a molti livelli“.

Steilemann ha definito lo sviluppo di un’economia circolare funzionante e una migliore gestione delle limitate risorse fossili, in primo luogo il petrolio greggio, come punti centrali per una maggiore sostenibilità. “Questi sono obiettivi che avranno un impatto sulla società nel suo complesso e Covestro vuole contribuire a questo. All’interno della nostra azienda vogliamo stabilire i cicli dei materiali lungo l’intera catena del valore, dai fornitori, alla produzione e logistica, all’utilizzo dei nostri prodotti e al loro riutilizzo“, ha spiegato Steilemann.

Quando si riciclano le plastiche usate, sarà importante essere in grado di esaurire tutte le possibilità tecniche. “Anche il metodo relativamente nuovo del riciclaggio chimico è un’opzione che richiede un ulteriore supporto“, ha dichiarato il CEO.

Un aspetto chiave per lo sviluppo di un’economia circolare nell’industria delle materie plastiche e chimica è la chiusura del ciclo del carbonio con risorse riciclate. In questo caso, i rifiuti vegetali e sempre più COsono da considerare come alternative alle risorse fossili. Covestro ha già ottenuto numerosi successi in questi settori. “Vogliamo diventare pionieri sulla strada verso un futuro senza risorse fossili e sottolineare la nostra pretesa di leadership nel settore“, ha sottolineato Steilemann.

Oltre a promuovere un’efficiente economia circolare, Covestro è anche impegnata a sviluppare ulteriormente le energie rinnovabili, come l’energia eolica. La collaborazione con i partner ha portato allo sviluppo di una resina poliuretanica e di una tecnologia di processo che consente di produrre pale di turbine eoliche in modo efficiente ed economico. Covestro ha elaborato il suo primo ordine commerciale in Cina.

Al K 2019 celebrerà poi le possibilità di digitalizzazione, uno dei più importanti motori di crescita dell’industria chimica e delle materie plastiche. La digitalizzazione crea valore aggiunto. Covestro vuole sfruttare le opportunità che ne derivano e ha avviato un programma completo, incentrato sul cliente. Per raggiungere questo obiettivo, l’azienda sta incorporando tecnologie e processi digitali nella produzione, nella catena di fornitura, nella ricerca e sviluppo, in tutti i punti di contatto con i clienti e nello sviluppo di nuovi modelli di business. Diversi argomenti al K 2019 sottolineano l’importanza della digitalizzazione per l’azienda, che spera di fissare degli standard in questo campo nell’industria delle materie plastiche e chimica.

Visita la landing page per saperne di più su cosa ha in serbo Covestro per il K 2019.


Leggi anche

Composite UK, l’associazione di riferimento per l’industria britannica dei materiali compositi, ha diffuso una guida per le buone pratiche in materia di resistenza al fuoco dei compositi in polimeri fibroriforzati (Fire Performance of Composites Good Practice Guide). Data la complessità del comportamento dei materiali compositi in relazione al fuoco, la guida punta a rispondere all’esigenza del mercato e del mondo della ricerca di approfondire la conoscenza di questo parametro….

Leggi tutto…

Grazie alla collaborazione tra AVK, l’Istituto per i materiali compositi (IVW) di Kaiserslautern (Germania) e CAMPUS oggi è possibile avere a disposizione dati standardizzati per i materiali termoplastici rinforzati con fibre continue (cFRTP). Notevole il vantaggio per le industrie produttrici e per i settori che impiegano componenti a base di cFRTP. Fino a oggi questi materiali erano rimasti esclusi dai database CAMPUS a causa della mancanza di caratterizzazioni industriali comuni…

Leggi tutto…

Firmata a Bruxelles da più di cento protagonisti del settore plastica la Dichiarazione della Circular Plastic Alliance, con l’impegno di raggiungere entro il 2025 in Europa 10 milioni di tonnellate di plastica riciclata e reintrodotta nella catena produttiva. Tra i firmatari anche EuCIA, che conferma il suo impegno in progetti volti al recupero e al riciclo dei materiali compositi…

Leggi tutto…

Nasce un consorzio tra Williams Advanced Engineering, JPA Design, British Airways e SWS Certification, con il supporto di Airbus e il finanziamento dell’Aerospace Technology Institute (ATI). Lo scopo è sviluppare nuove strutture leggere per i sedili degli aerei, puntando a migliorare l’esperienza di viaggio dei passeggeri e a ridurre il peso dei velivoli, in modo da abbattere le spese di carburante delle compagnie aeree e le emissioni di CO2…

Leggi tutto…

Parte la sperimentazione dell’asfalto al grafene anche a Milano: per rifare un tratto della SP35 Milano-Meda e della SP40 Lacchiarella verrà impiegato Gipave, un supermodificante a base di grafene prodotto da Iterchimica. L’azienda italiana leader mondiale nel campo degli additivi per l’asfalto procederà al rifacimento del tratto stradale insieme a Città metropolitana di Milano. L’azienda punta a confermare anche a Milano i risultati già ottenuti sia in laboratorio sia su strada che hanno dimostrato un aumento della durata della pavimentazione del 250%….

Leggi tutto…