Squadra olandese vince la World Solar Challenge


Il team Nuon Solar, proveniente dall’Università di Delft, nei Paesi Bassi, alla guida della sua auto solare modello Nuna 9, ha conquistato il suo settimo titolo consecutivo nella World Solar Challenge australiana, stabilendo un vero e proprio primato. La competizione ospita squadre che gareggiano con autovetture a energia solare, partendo da Darwin e finendo, dopo circa 3000 km di corsa, ad Adelaide. La maggior parte delle auto utilizza in maniera significativa materiali compositi.
Al secondo posto, si è classificata l’Università del Michigan, Stati Uniti, con il suo team alla guida di Novum, una vettura che, per le sue forme, ricordava un missile. Medaglia di bronzo, infine, per il team PowerTrain Solar, proveniente dal Belgio, alla guida di Punch 2, che, vincendo il terzo podio, ha conquistato il suo miglior risultato dal 2007. La velocità media di Nuna 9 è stata di 81 km orari, mentre quella di Novum è stata di 77 km orari e, quella di Punch 2, di 76 km orari. Gli organizzatori della competizione osservano che il team risultato vincente si è posto in testa alla gara quasi subito, senza mai retrocedere per tutta la durata della stessa. Questo perché, sempre secondo gli organizzatori, la squadra ha saputo ottimizzare i tempi, riducendo il consumo di energia. Il team manager della squadra olandese, Sander Koot, ha dichiarato di aver adeguato la loro strategia e la guida alle condizioni meteorologiche, riuscendo, così, a contrastare raffiche di vento fino a 60 km orari. Tutto ciò è stato appunto reso possibile dall’utilizzo di materiali compositi in tutte e tre le autovetture risultate vincitrici sul podio della competizione. L’esperto di aerodinamica del team vincente, Jasper Hemmes, ha infatti affermato che i piloti erano stati precedentemente istruiti per posizionare l’auto solare in modo da trarre profitto dai venti contrari, in maniera del tutto simile a quello che accade con una barca a vela.


Leggi anche

I sistemi compositi continui e il sistema di pultrusione in poliuretano riducono le dimensioni della traversa fornendo allo stesso tempo resistenza, rigidità e stabilità per resistere a carichi elevati. Il primo pick-up della serie F completamente elettrico della Ford Motor Company debutterà questa primavera con una sezione strutturale pultrusa in poliuretano. Con i sistemi di Continuous Composites Systems™(CCS) di L&L Products e il sistema di pultrusione poliuretanica Elastocoat® 74850 di BASF non è stata necessaria l’ampia riprogettazione della traversa….

Leggi tutto…

Ilium Composites, produttore globale di rinforzi compositi strutturali in fibra di vetro, ha sviluppato un prodotto innovativo per garantire una migliore finitura estetica. Si tratta di Amplify surface veil che trova applicazione soprattutto nel settore marittimo e automobilistico. Preferito rispetto alle alternative in metallo, non ha rivali in termini di rapporto qualità/prezzo e di resistenza chimica…

Leggi tutto…

Elettronica integrata nei rivestimenti interni delle automobili grazie all’impiego di tessuti hi-tech realizzati con scarti di fibra di carbonio. È uno degli obiettivi del progetto di ricerca industriale TEX-STYLE che vede la partecipazione, tra gli altri, di ENEA e del Centro Ricerche Fiat (CRF) come coordinatore. Alla base un mix tra fibra di carbonio e poliestere per la creazione di un tessuto intelligente e soprattutto a basso impatto ambientale….

Leggi tutto…

L’Absolute Scanner AS1 è costruito su un’architettura hardware modulare innovativa che gli permette di funzionare come sensore 3D sia per un laser tracker che per un braccio di misura portatile, entrambi i quali possono agire come sistema di riferimento per i dati di scansione che l’AS1 acquisisce….

Leggi tutto…

Il centro spagnolo di tecnologia delle materie plastiche Aimplas partecipa a un progetto per lo sviluppo di nuovi compositi termoplastici a fibra lunga con proprietà eco-compatibili che riducono il peso delle batterie dei veicoli elettrici del 50-70%….

Leggi tutto…