Squadra olandese vince la World Solar Challenge


Il team Nuon Solar, proveniente dall’Università di Delft, nei Paesi Bassi, alla guida della sua auto solare modello Nuna 9, ha conquistato il suo settimo titolo consecutivo nella World Solar Challenge australiana, stabilendo un vero e proprio primato. La competizione ospita squadre che gareggiano con autovetture a energia solare, partendo da Darwin e finendo, dopo circa 3000 km di corsa, ad Adelaide. La maggior parte delle auto utilizza in maniera significativa materiali compositi.
Al secondo posto, si è classificata l’Università del Michigan, Stati Uniti, con il suo team alla guida di Novum, una vettura che, per le sue forme, ricordava un missile. Medaglia di bronzo, infine, per il team PowerTrain Solar, proveniente dal Belgio, alla guida di Punch 2, che, vincendo il terzo podio, ha conquistato il suo miglior risultato dal 2007. La velocità media di Nuna 9 è stata di 81 km orari, mentre quella di Novum è stata di 77 km orari e, quella di Punch 2, di 76 km orari. Gli organizzatori della competizione osservano che il team risultato vincente si è posto in testa alla gara quasi subito, senza mai retrocedere per tutta la durata della stessa. Questo perché, sempre secondo gli organizzatori, la squadra ha saputo ottimizzare i tempi, riducendo il consumo di energia. Il team manager della squadra olandese, Sander Koot, ha dichiarato di aver adeguato la loro strategia e la guida alle condizioni meteorologiche, riuscendo, così, a contrastare raffiche di vento fino a 60 km orari. Tutto ciò è stato appunto reso possibile dall’utilizzo di materiali compositi in tutte e tre le autovetture risultate vincitrici sul podio della competizione. L’esperto di aerodinamica del team vincente, Jasper Hemmes, ha infatti affermato che i piloti erano stati precedentemente istruiti per posizionare l’auto solare in modo da trarre profitto dai venti contrari, in maniera del tutto simile a quello che accade con una barca a vela.


Leggi anche

L’alluminio è uno dei materiali più promettenti per le applicazioni nel settore automobilistico e aerea. L’università russa National University of Science and Technology “MISIS” ha trovato un modo semplice ed efficace per rafforzare i materiali compositi a base di alluminio. …

Leggi tutto…

La passione per il design, per la tecnica e la velocità sono sempre state qualità ricercate da SPIDI, ma soprattutto la responsabilità di progettazione per soluzioni che uniscano protezione, comfort, stile e funzionalità. Carbo Track EVO è stato sviluppato utilizzando una combinazione di pelle bovina, rinforzi in in Keramide ad alta tenacità, dettagli in Superfabric sulle dita e scudi nocche in fibra di carbonio garantendo la massima sicurezza alla guida di una moto e un design impeccabile….

Leggi tutto…

Il salone JEC WORLD 2019 si è concluso dopo tre intense giornate all’insegna dell’innovazione, del networking e della condivisione delle conoscenze. 1.300 espositori, 43.000 visitatori professionisti da 112 paesi partecipanti e 27 padiglioni nazionali: sono questi i numeri, come riportati dal meeting delle associazioni europee e globali di settore, di JEC World, il luogo in cui il mondo dei materiali compositi si incontra riunendo i protagonisti del settore e i loro rappresentanti. …

Leggi tutto…

I container Dry Van e i rimorchi refrigerati si evolveranno nei prossimi dieci anni per diventare più compatti, leggeri, duraturi nel tempo e aereodinamici rispetto agli odierni equipaggiamenti, sostengono così gli esperti del settore….

Leggi tutto…

Il mercato del composito, prima esclusivo del racing e delle supercar, è sempre più orientato alla definizione di strutture leggere che permettano minori consumi e miglior efficienza su veicoli di uso comune. Abbiamo intervistato Francesco Varrasi, CEO di Mind Composites, azienda Italiana attiva dal 2006 specializzata nell’industrializzazione di componenti in materiale composito….

Leggi tutto…