Stampa 3D, un gel restringe gli oggetti “per implosione”


L’incredibile tecnica apre una nuova frontiera che rivoluzionerà molti settori, dalla nano robotica all’elettronica. Stando a quanto riferito dagli scienziati, il gel è in grado di rivoluzionare il settore della stampa in 3D, consentendo di ottenere dei lavori con una precisione di pochi milionesimi di millimetro.
Questo nuovo processo ribattezzato ImpFab – per indicare una rivoluzionaria tecnica di “fabbricazione per implosione” – permette, grazie al particolare idrogel, di assemblare minuscoli oggetti di qualsiasi forma, materiale e complessità per poi rimpicciolirne le dimensioni di dieci volte. Il nuovo idrogel, ovvero un materiale assorbente a base di poliacrilato, viene imbevuto in una soluzione contenente molecole fluorescenti che, una volta colpite con un raggio laser, si attaccano a punti precisi dell’impalcatura. Qui agiscono come delle ancore, a cui possono essere legati altri tipi di molecole funzionali, come pezzi di Dna o nanoparticelle d’oro. Una volta depositate tutte questi componenti, la struttura viene ‘ristretta’ e assemblata semplicemente aggiungendo un acido che disidrata il gel facendolo contrarre. In questo modo, è possibile rimpicciolire gli oggetti di 10 volte in ciascuna dimensione, per una riduzione totale di volume pari a mille volte.
In futuro, questa tecnica potrà avere applicazioni in settori quali l’ottica, la medicina e la robotica, ad esempio per produrre lenti sempre più potenti per fotocamere, microscopi ed endoscopi, ma anche nuovi dispositivi elettronici e nano-robot.


Leggi anche

Apodius GmbH, azienda del gruppo Hexagon Manufacturing Intelligence (MI), produce sistemi di misura per l’assicurazione qualità nella produzione di componenti compositi rinforzati con fibre. Con l’acquisizione di Apodius GmbH, Hexagon MI estende le proprie competenze al campo dei materiali compositi in carbonio (CFK)….

Leggi tutto…

Il primo robot progettato a basso costo, al pari di una televisione di ultima generazione. Il robot è stato realizzato da un team di 32 ricercatori e designer dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova. Al massimo entro 18 mesi auspicano la produzione in serie, presto entrerà nelle nostre case….

Leggi tutto…

Il materiale dell’elettronica moderna imita il grafene, si prospetta un futuro sorprendente per la fotonica. Il silicio può assumere una struttura atomica bidimensionale, analoga a quella del grafene, che potrà rivoluzionare il futuro della fotonica. Il Cnr-Imm presenta soluzioni ottiche mai raggiunte prima…

Leggi tutto…

Il 6 Febbraio 2019 presso il Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale dell’Università di Bologna si svolgerà un’interessante giornata organizzata da ABCS Srl e OSTEC in cui verranno affrontati temi come la spettroscopia Raman e la presentazione delle nuove tecnologie. …

Leggi tutto…

Linea Guida per la identificazione, la qualificazione ed il controllo di accettazione di compositi fibrorinforzati a matrice inorganica (FRCM) da utilizzarsi per il consolidamento strutturale di costruzioni esistenti…

Leggi tutto…