Stampa 3D, un gel restringe gli oggetti “per implosione”


L’incredibile tecnica apre una nuova frontiera che rivoluzionerà molti settori, dalla nano robotica all’elettronica. Stando a quanto riferito dagli scienziati, il gel è in grado di rivoluzionare il settore della stampa in 3D, consentendo di ottenere dei lavori con una precisione di pochi milionesimi di millimetro.
Questo nuovo processo ribattezzato ImpFab – per indicare una rivoluzionaria tecnica di “fabbricazione per implosione” – permette, grazie al particolare idrogel, di assemblare minuscoli oggetti di qualsiasi forma, materiale e complessità per poi rimpicciolirne le dimensioni di dieci volte. Il nuovo idrogel, ovvero un materiale assorbente a base di poliacrilato, viene imbevuto in una soluzione contenente molecole fluorescenti che, una volta colpite con un raggio laser, si attaccano a punti precisi dell’impalcatura. Qui agiscono come delle ancore, a cui possono essere legati altri tipi di molecole funzionali, come pezzi di Dna o nanoparticelle d’oro. Una volta depositate tutte questi componenti, la struttura viene ‘ristretta’ e assemblata semplicemente aggiungendo un acido che disidrata il gel facendolo contrarre. In questo modo, è possibile rimpicciolire gli oggetti di 10 volte in ciascuna dimensione, per una riduzione totale di volume pari a mille volte.
In futuro, questa tecnica potrà avere applicazioni in settori quali l’ottica, la medicina e la robotica, ad esempio per produrre lenti sempre più potenti per fotocamere, microscopi ed endoscopi, ma anche nuovi dispositivi elettronici e nano-robot.


Leggi anche

La passione per il design, per la tecnica e la velocità sono sempre state qualità ricercate da SPIDI, ma soprattutto la responsabilità di progettazione per soluzioni che uniscano protezione, comfort, stile e funzionalità. Carbo Track EVO è stato sviluppato utilizzando una combinazione di pelle bovina, rinforzi in in Keramide ad alta tenacità, dettagli in Superfabric sulle dita e scudi nocche in fibra di carbonio garantendo la massima sicurezza alla guida di una moto e un design impeccabile….

Leggi tutto…

Heroal FireXtech D 93 FP è stato testato sulla resistenza al fuoco secondo le classificazioni EN 13501-2. Il nuovo dispositivo è stato in grado di resistere al fuoco per oltre 30 minuti, rispondendo alla classificazione di resistenza al fuoco EI 30. Il sistema ha raggiunto questa classificazione grazie a profili clamp-on (a scatto) e vetro laminato. Così l’inserimento delle piastre di raffreddamento nei profili principali, nel vetro e nei profili inferiori non è più necessario. In più il sistema ha anche caratteristiche di tenuta ai fumi in classe S200….

Leggi tutto…

Il dipartimento di Computational Design and Construction (ICD) dell’Università di Stoccarda ha collaborato nuovamente con l’Institute for Building Structures and Structural Design (ITKE) per progettare e fabbricare un padiglione, con l’aiuto di robot, fatto di avanzate fibre composite. Incorporata al paesaggio del parco della città tedesca di Heilbronn, la struttura congiunge tecnologie computazionali all’avanguardia e leggi strutturali che vigono in natura….

Leggi tutto…

Stratolunch è l’aeroplano più grande del mondo realizzato con materiali compositi: sei motori e centodiciassette metri di ala. È stato pensato per il lancio di razzi e satelliti nello spazio a un costo più economico….

Leggi tutto…

Il salone JEC WORLD 2019 si è concluso dopo tre intense giornate all’insegna dell’innovazione, del networking e della condivisione delle conoscenze. 1.300 espositori, 43.000 visitatori professionisti da 112 paesi partecipanti e 27 padiglioni nazionali: sono questi i numeri, come riportati dal meeting delle associazioni europee e globali di settore, di JEC World, il luogo in cui il mondo dei materiali compositi si incontra riunendo i protagonisti del settore e i loro rappresentanti. …

Leggi tutto…