Starbucks e McDonald’s collaborano per una missione eco-friendly

Dopo varie iniziative a livello globale per la riduzione della plastica nel settore della ristorazione, le più note catene mondiali di food and beverage si stanno organizzando per l’adozione di materiali alternativi che sostituiscano gli attuali tappi e cannucce dei bicchieri usa e getta. Si pensi che, ogni anno, sono ben 600 miliardi i recipienti oggetto della questione distribuiti a livello globale, di cui il 4% arriva da Starbucks e McDonald’s. E solo il 15% della plastica attualmente in uso viene riciclata. Il nuovo programma di accelerazione, che sarà avviato in settembre, propone la realizzazione di nuovi involucri, con l’obiettivo di lanciare il nuovo prodotto sul mercato entro i prossimi 3 anni. I vincitori del challenge riceveranno finanziamenti fino a un milione di dollari.

La sfida NextGenCup è quella di riuscire a realizzare un bicchiere completamente green ed è partita da Starbucks, che, a inizio del 2018, insieme al “Center for the Circular Economy di Closed Loop Partners” di New York, ha costituito un Consorzio, al quale ha poi aderito anche McDonald’s.
L’obiettivo è quello di attrarre imprenditori e startup specializzati nel settore che possano offrire una soluzione globale alla creazione di bicchieri eco-friendly.

Riciclo, compostaggio, riuso e riduzione dell’utilizzo di materie prime sono i cardini sui quali si fonda NextGen Consortium and Challenge. I bicchieri attualmente in uso dai due giganti del food sono già, tecnicamente, riciclabili, essendo rivestiti di polietilene. Ma si è costretti a fare i conti con la gestione della raccolta differenziata e con gli impianti a disposizione, differenti da città a città. Pertanto, non esiste uno standard universale di riciclaggio. L’obiettivo di McDonald’s e Starbucks è proprio quello di creare un oggetto che sia riciclabile in qualunque città del mondo. Sarà OpenIDEO, la piattaforma di impatto sociale che “connette sfide globali e soluzioni”, ad occuparsi della gestione del challenge, mentre gli acceleratori faranno in modo che i team lavorino a stretto contatto con McDonald’s e Starbucks.


Leggi anche

Two School of Civil Engineering researchers won 2 Gold medals at the International Invention, Innovation and Technology Exhibition (ITEX) 2019. …

Leggi tutto…

Il leader mondiale dei trasporti sfrutterà la stampante 3D F900 per accelerare la produzione dei treni, riducendo al contempo le esigenze di stoccaggio di pezzi di ricambio…

Leggi tutto…

Pale e turbine da rottamare costituiscono un’operazione costosa sia economicamente che nell’impatto ambientale. Ora esiste una soluzione alternativa: invece di staccare la spina è possibile allungare la vita alle turbine, cambiando solo le pale. Il progetto di rigenerazione senza ruspe è firmato da eTa Blades una ex start up di Fano, nelle Marche….

Leggi tutto…

In a new study, researchers from the University of Oxford describe environmentally friendly, recyclable films that can replace the metallic layer in food packaging, while offering a similar level of protection for food….

Leggi tutto…

Michelin e General Motors hanno presentato a Movin’On il summit per la mobilità sostenibile, una nuova generazione di pneumatici airless per auto, il prototipo MICHELIN Uptis (“Unique Puncture-proof Tire System) a prova di foratura….

Leggi tutto…