Starbucks e McDonald’s collaborano per una missione eco-friendly

Dopo varie iniziative a livello globale per la riduzione della plastica nel settore della ristorazione, le più note catene mondiali di food and beverage si stanno organizzando per l’adozione di materiali alternativi che sostituiscano gli attuali tappi e cannucce dei bicchieri usa e getta. Si pensi che, ogni anno, sono ben 600 miliardi i recipienti oggetto della questione distribuiti a livello globale, di cui il 4% arriva da Starbucks e McDonald’s. E solo il 15% della plastica attualmente in uso viene riciclata. Il nuovo programma di accelerazione, che sarà avviato in settembre, propone la realizzazione di nuovi involucri, con l’obiettivo di lanciare il nuovo prodotto sul mercato entro i prossimi 3 anni. I vincitori del challenge riceveranno finanziamenti fino a un milione di dollari.

La sfida NextGenCup è quella di riuscire a realizzare un bicchiere completamente green è partita da Starbucks, che, a inizio del 2018, insieme al “Center for the Circular Economy di Closed Loop Partners” di New York, ha costituito un Consorzio, al quale ha poi aderito anche McDonald’s.
L’obiettivo è quello di attrarre imprenditori e startup specializzati nel settore che possano offrire una soluzione globale alla creazione di bicchieri eco-friendly.

Riciclo, compostaggio, riuso e riduzione dell’utilizzo di materie prime sono i cardini sui quali si fonda NextGen Consortium and Challenge. I bicchieri attualmente in uso dai due giganti del food sono già, tecnicamente, riciclabili, essendo rivestiti di polietilene. Ma si è costretti a fare i conti con la gestione della raccolta differenziata e con gli impianti a disposizione, differenti da città a città. Pertanto, non esiste uno standard universale di riciclaggio. L’obiettivo di McDonald’s e Starbucks è proprio quello di creare un oggetto che sia riciclabile in qualunque città del mondo. Sarà OpenIDEO, la piattaforma di impatto sociale che “connette sfide globali e soluzioni”, ad occuparsi della gestione del challenge, mentre gli acceleratori faranno in modo che i team lavorino a stretto contatto con McDonald’s e Starbucks.


Leggi anche

Obiettivo della presentazione effettuata da Giulio Cesareo, CEO di Directa Plus, è stato esporre le applicazioni del grafene per valutarne possibili utilizzi da parte degli enti interessati….

Leggi tutto…

Una pellicola sottilissima fatta di polimeri in grado di rivestire volumi di acqua o di materiali gelatinosi a base acquosa, che rimangono così racchiusi e sigillati….

Leggi tutto…

L’alluminio è uno dei materiali più promettenti per le applicazioni nel settore automobilistico e aerea. L’università russa National University of Science and Technology “MISIS” ha trovato un modo semplice ed efficace per rafforzare i materiali compositi a base di alluminio. …

Leggi tutto…

Schöck, azienda tedesca leader nello sviluppo di soluzioni per l’isolamento termico e acustico, ha realizzato Combar, un’armatura in barre composte da fibra di vetro dalle straordinarie proprietà statiche, fisiche ed ecosostenibili capace di rivoluzionare l’edilizia….

Leggi tutto…

Dei piccolissimi fiocchi realizzati con il grafene, possono controllare l’attività del cervello. Da questa scoperta si apre la strada per la ricerca sulle malattie neurologiche…

Leggi tutto…