Tegole composite opache resistenti alla corrosione

Stando alle stime degli scienziati canadesi, la corrosione ha causato nel 2021 perdite mondiali per 2,5 trilioni di dollari. Oltre alla corrosione marina, molte attività industriali emettono gas che, alla lunga, danneggiano le strutture metalliche.

Da qui la scelta di Planefibra, azienda brasiliana specializzata in soluzioni per l’illuminazione e la ventilazione, di utilizzare alcuni compositi, dotati di una maggiore resistenza rispetto al metallo, per garantire lunga vita ai tetti degli edifici più esposti.

 

Affrontare il problema partendo dalla scelta dei materiali

Parlando di tegole, Planefibra ha scoperto che i materiali GRP (Fiberglass Reinforced Polymer), come la vetroresina, rappresentano una soluzione innovativa. Essa non solo riduce il rischio di corrosione, ma garantisce anche un migliore controllo della temperatura ambientale.

I materiali compositi vengono usati in molti paesi per applicazioni molto sofisticate, come parti di navette spaziali, treni e veicoli di lusso. – Afferma il direttore generale, Cyrus MuchalskiMa in Brasile il loro utilizzo è molto limitato. Tuttavia, se realizzati secondo gli standard tecnici di riferimento, questi materiali offrono molti vantaggi rispetto al metallo o al legno. Una delle caratteristiche principali dei compositi di polimeri e fibre, infatti, è la resistenza alla corrosione. Per questo motivo sono spesso utilizzati nella realizzazione di scafi da barca e serbatoi chimici. Questa stessa proprietà, che noi abbiamo avuto modo di testare nell’ambito dell’illuminazione, pensiamo possa essere un valore aggiunto anche per garantire la durata dei tetti”.

 
I test e il debutto sul mercato

Dopo una serie di prove tecniche svolte nel laboratorio Planefibra e sul campo, alcune in collaborazione con il Laboratorio di Efficienza Energetica negli Edifici (LabLEE), dell’Università Federale di Santa Catarina (Brasile), l’azienda ha avviato la produzione di tegole opache per strutture industriali dove c’è un altro rischio di corrosione dato dall’umidità o dalle emanazioni di gas come: fabbriche di fertilizzanti, magazzini di stoccaggio di prodotti chimici, strutture agroalimentari, navali e portuali.

Utilizzare materiali compositi ci dà modo di avere diversi vantaggi competitivi rispetto ai nostri concorrenti – afferma Muchalskiche sono i produttori di tegole in acciaio e cemento in fibra. Oltre ad essere in grado di sviluppare prodotti molto più leggeri e maggiormente personalizzabili nelle misure e nei colori, noi siamo in grado di garantire una vita utile delle tegole fino a cinque volte più lunga, il che è una sicurezza non solo per le imprese di costruzione, ma anche per gli operatori singoli”.

 

I primi clienti

L’industria di fertilizzanti Yara Brasil di Porto Alegre è stata la pima ad acquistare le tegole opache di Planefibra. Ha installato 9.877 metri quadrati del prodotto nei suoi capannoni, sostituendo le precedenti tegole in cemento fibroso.

Successivamente anche il Port Terminal di Salaverry, in Perù, ha scelto l’azienda brasiliana come proprio fornitore di fiducia.

Infine, le tegole opache di Planefibra sono state collocate anche in diverse fattorie e porcili distribuiti in tutto il Brasile. I gas prodotti dalle feci animali, infatti, danneggiano le tegole metalliche, determinando la necessità di sostituirle frequentemente.

 


Leggi anche

A seguito del successo delle precedenti Call for Papers, questa volta abbiamo deciso di focalizzarci su un’altra area specifica di applicazione. È il turno, infatti, dell’industria edilizia che troverà spazio sul numero di giugno che – come da piano editoriale – avrà infatti lo stesso focus….

Leggi tutto…

Fibrolux, pioniere nello sviluppo e nella produzione di compositi pultrusi con sede a Hofheim, in Germania, ha completato il suo più grande progetto di ingegneria civile fino ad oggi: la fornitura di oltre 16 km di una pultrusione personalizzata in fibra di vetro su larga scala che ha consentito la ristrutturazione del ponte Marshal Jozef Pilsudski di 1 km a Torun, in Polonia, con percorsi pedonali e ciclabili a doppia larghezza…

Leggi tutto…

Sicomin ha supportato Fiberglass Industries, con i suoi gelcoat e resine a base biologica per la produzione di oltre 200 pannelli a doppia curvatura per l’interno della hall d’ingresso del Museum of the Future di Dubai….

Leggi tutto…

Negli ultimi anni, oltre alle tradizionali fibre di vetro e di carbonio utilizzate per il consolidamento strutturale di edifici in c.a. e muratura, è cresciuto sempre più l’utilizzo dei compositi in fibra di aramide AFRP grazie alle elevate caratteristiche fisico meccaniche di tale fibra. La fibra aramidica è l’unica fibra caratterizzata da una resistenza propria al taglio e tranciamento che la rende indispensabile in numerose applicazioni di rinforzo, oltre ad essere caratterizzata da un’elevata resistenza alle alte temperature….

Leggi tutto…

Dalla cognizione dell’insieme alla radice dell’idea: un consolidamento “organico” per il “Cubicolo di Leone”, nelle catacombe di Commodilla a Roma. Leggi il progetto che ha partecipato alla nostra prima call for papers!…

Leggi tutto…