Un nuovo casco in carbonio che unisce sicurezza e performance

SF3 è il nuovo casco in carbonio sviluppato dall’azienda veneta Teca25 in collaborazione con Schubert, gruppo tedesco di cui fa parte dal 2014. Specializzata nella lavorazione di carbonio, soprattutto per caschi e interni caschi per il motorsport, teca25 ha raccolto la sfida delle stringenti norme FIA, progettando un casco omologato capace di rispondere agli standard di sicurezza e capace di prestazioni massime anche in pista, tanto da essere il casco adottato da alcuni dei più noti piloti automobilistici del momento, da Max Verstappen, Nico Hulkenberg, Daniil Kvyat e Carlos Sainz jr. in Formula 1 fino a Mick Schumacher in Formula 2.

Il casco è frutto di un lungo lavoro di studio e ricerca, durato oltre un anno, che a partire dalla analisi dei nuovi standard FIA ha portato allo studio dei materiali e del design più adatti per soddisfare le norme di sicurezza e per ottenere le migliori performance in gara. Alla fase di ricerca e sviluppo è seguita una serie innumerevole di test di impatto e di prove distruttive, per testare la reale efficienza del prodotto.

Ne è scaturito un casco composto da quattro diversi strati di carbonio dalla calotta del peso di soli 1,4 kg, perché composto principalmente di T1000, tessuto impiegato nell’industria aerospaziale e nella costruzione delle scocche delle monoposto di Formula 1, che si distingue per leggerezza e resistenza.

SF3 è configurabile in diversi layout con la possibilità di installare radio, microfoni e sistemi per l’idratazione e la respirazione: le 16 bocchette di aerazione assicurano una portata di ben 14 litri d’aria al secondo a soli 100 km/h, ma può essere personalizzato con varie appendici aerodinamiche a seconda delle esigenze di gara.

Anche le visiere in policarbonato di 3 millimetri di spessore rispondono agli standard FIA e sono antiproiettile. Gli interni sono personalizzabili e sono stati modificati per garantire il massimo comfort; infine, il cinturino sottogola, con tipica chiusura a doppia D, è realizzato in Kevlar ignifugo.


Leggi anche

Un team di studenti universitari con il supporto di esperti di ingegneria di Formula 1 e della più grande azienda di pneumatici del mondo ha progettato e costruito un’auto elettrica a quattro posti a energia solare, che può viaggiare da Londra alle Highlands scozzesi a una velocità di 50 miglia all’ora con la stessa potenza che serve per portare a ebollizione un bollitore d’acqua…

Leggi tutto…

La casa automobilistica di Sant’Agata bolognese ha collaborato per due anni con lo Houston Methodist Research Institute. Oggi è finalmente pronta a inviare a bordo della Stazione Spaziale Internazionale campioni di materiale composito per verificarne il possibile impiego nella produzione auto e in campo medico…

Leggi tutto…

Covestro parteciperà a K 2019, la più grande fiera delle materie plastiche, e presenterà allo stand A75 nel padiglione 6 soluzioni innovative per l’industria automobilistica, edilizia ed elettronica, della salute, dell’arredamento, dello sport e del tempo libero. La conferenza stampa si terrà si terrà il 15 ottobre, giorno precedente l’apertura, alle ore 15 presso lo stand Covestro. …

Leggi tutto…

I veicoli elettrici a celle a combustibile (Fuel Cell Electric Vehicle), alimentati a idrogeno, superano le automobili a batteria sotto diversi aspetti. Ma la tecnologia è ancora giovane e necessita di essere messa a punto. In particolare, bisogna lavorare sul serbatoio di stoccaggio dell’idrogeno: una soluzione arriva dal mondo dei materiali compositi…

Leggi tutto…

Il 22 e il 23 ottobre 2019 si svolgerà l’evento “Composites in Motorsport” al Centro conferenze della Williams, scuderia britannica di F1. In particolare, l’intento della conferenza è quello di mostrare i numerosi vantaggi dell’impiego dei materiali compositi nell’ambito dell’automobilismo sportivo…

Leggi tutto…