Un nuovo materiale composito estende la durata di vita delle torri solari


La ricerca energetica regala cinque anni più alla vita media del solare termodinamico. Nonostante la tecnologia del solare a concentrazione sia ancora oggi più capital-intensive, e quindi più costosa, di quella fotovoltaica, eolica o fossile, gli impianti CPS stanno finalmente ingranando su scala industriale. In questo contesto, le torri solari sono tra le tipologie di solare termodinamico più promettenti.
Uno dei materiali più diffusi per realizzare l’assorbitore solare è il carburo di silicio (SiC), un semiconduttore ceramico, duro come il diamante, ma estremamente leggero. Il SiC presenta una serie di proprietà che lo rendono un componente ideale per gli impianti solari a concentrazione, tra cui un’eccellente stabilità strutturale a temperature superiori ai 1.400°C e resistenza all’ossidazione. Di contro però è sensibile all’ambiente aggressivo creato dai sali fusi. Per “irrobustirlo”, il team di scienziati ha aggiunto al carburo di silicio, molecole di nitruro di alluminio (AlN), anche esso composto con un’elevata conduttività, un basso coefficiente di dilatazione termica e resistenza alle alte temperature.
Non si tratta della prima volta che questi due elementi si trovano a lavorare assieme (il connubio è già stato utilizzato in elettronica), ma per il settore del solare termodinamico si tratta quasi di un debutto. Gli scienziati hanno sviluppato compositi porosi basati su SiC/AIN, contenenti fino al 40% di nitruro di alluminio, selezionando composizioni ottimali di additivi e regimi di sinterizzazione. Le prestazioni del nuovo materiale superano significativamente quelle tradizionali. “L’energia solare richiede materiali durevoli senza difetti, quindi prevediamo di testare il materiale sviluppato in installazioni solari”, ha spiegato il dott. Emad Ewais, capo del gruppo di ricerca egiziano. Grazie alle loro proprietà termochimiche e termomeccaniche, aggiunge il team, i compositi SiC/AIN risultano essere promettenti anche in altri campi industriali legati alle alte temperature, come la metallurgia e l’ingegneria aerospaziale.


Leggi anche

Un materiale che non manca mai su una pista, il filamento CF-PA12, e che ora supera di gran lunga il suo tradizionale impiego. Arricchito con la fibra di carbonio è stato adoperato nella stampa 3D. La gara ufficiale di Formula Student è stato lo scenario perfetto per sperimentare il neonato collettore di aspirazione stampato dalla società polacca Omni3D….

Leggi tutto…

Il fenomeno di carbonatazione del calcestruzzo e della successiva ossidazione delle barre di armatura è la causa principale del degrado e dell’abbandono delle opere in calcestruzzo armato. ANAS sta provvedendo a salvaguardare il patrimonio già esistente e a prolungare il periodo di efficienza dei ponti e dei viadotti….

Leggi tutto…

POLIECO GROUP è leader in Europa nella produzione e commercializzazione di tubi corrugati a doppia parete in polietilene ad alta densità. Alla produzione di cavidotti corrugati in polietilene per reti elettriche e telefoniche, prima azienda in Italia nel 1992, si è affiancata la produzione di tubi corrugati per reti fognarie non in pressione a partire dal 1996….

Leggi tutto…

Apodius GmbH, azienda del gruppo Hexagon Manufacturing Intelligence (MI), produce sistemi di misura per l’assicurazione qualità nella produzione di componenti compositi rinforzati con fibre. Con l’acquisizione di Apodius GmbH, Hexagon MI estende le proprie competenze al campo dei materiali compositi in carbonio (CFK)….

Leggi tutto…

Il primo robot progettato a basso costo, al pari di una televisione di ultima generazione. Il robot è stato realizzato da un team di 32 ricercatori e designer dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova. Al massimo entro 18 mesi auspicano la produzione in serie, presto entrerà nelle nostre case….

Leggi tutto…