Un nuovo materiale composito estende la durata di vita delle torri solari


La ricerca energetica regala cinque anni più alla vita media del solare termodinamico. Nonostante la tecnologia del solare a concentrazione sia ancora oggi più capital-intensive, e quindi più costosa, di quella fotovoltaica, eolica o fossile, gli impianti CPS stanno finalmente ingranando su scala industriale. In questo contesto, le torri solari sono tra le tipologie di solare termodinamico più promettenti.
Uno dei materiali più diffusi per realizzare l’assorbitore solare è il carburo di silicio (SiC), un semiconduttore ceramico, duro come il diamante, ma estremamente leggero. Il SiC presenta una serie di proprietà che lo rendono un componente ideale per gli impianti solari a concentrazione, tra cui un’eccellente stabilità strutturale a temperature superiori ai 1.400°C e resistenza all’ossidazione. Di contro però è sensibile all’ambiente aggressivo creato dai sali fusi. Per “irrobustirlo”, il team di scienziati ha aggiunto al carburo di silicio, molecole di nitruro di alluminio (AlN), anche esso composto con un’elevata conduttività, un basso coefficiente di dilatazione termica e resistenza alle alte temperature.
Non si tratta della prima volta che questi due elementi si trovano a lavorare assieme (il connubio è già stato utilizzato in elettronica), ma per il settore del solare termodinamico si tratta quasi di un debutto. Gli scienziati hanno sviluppato compositi porosi basati su SiC/AIN, contenenti fino al 40% di nitruro di alluminio, selezionando composizioni ottimali di additivi e regimi di sinterizzazione. Le prestazioni del nuovo materiale superano significativamente quelle tradizionali. “L’energia solare richiede materiali durevoli senza difetti, quindi prevediamo di testare il materiale sviluppato in installazioni solari”, ha spiegato il dott. Emad Ewais, capo del gruppo di ricerca egiziano. Grazie alle loro proprietà termochimiche e termomeccaniche, aggiunge il team, i compositi SiC/AIN risultano essere promettenti anche in altri campi industriali legati alle alte temperature, come la metallurgia e l’ingegneria aerospaziale.


Leggi anche

Stratolunch è l’aeroplano più grande del mondo realizzato con materiali compositi: sei motori e centodiciassette metri di ala. È stato pensato per il lancio di razzi e satelliti nello spazio a un costo più economico….

Leggi tutto…

Il salone JEC WORLD 2019 si è concluso dopo tre intense giornate all’insegna dell’innovazione, del networking e della condivisione delle conoscenze. 1.300 espositori, 43.000 visitatori professionisti da 112 paesi partecipanti e 27 padiglioni nazionali: sono questi i numeri, come riportati dal meeting delle associazioni europee e globali di settore, di JEC World, il luogo in cui il mondo dei materiali compositi si incontra riunendo i protagonisti del settore e i loro rappresentanti. …

Leggi tutto…

Le ricerche di alcuni studiosi universitari hanno portato alla realizzazione di uno spray costituito da materiale composito ideato per riparare le navi della marina militare danneggiate dal fuoco o attacchi missilistici…

Leggi tutto…

I container Dry Van e i rimorchi refrigerati si evolveranno nei prossimi dieci anni per diventare più compatti, leggeri, duraturi nel tempo e aereodinamici rispetto agli odierni equipaggiamenti, sostengono così gli esperti del settore….

Leggi tutto…

Un materiale all’avanguardia, ispirato all’ambiente naturale, è stato studiato e sviluppato presso l’Università di Nottingham: è in grado di regolare la propria temperatura, allo stesso tempo potrebbe essere utilizzato per trattare e curare ustioni e aiutare i veicoli spaziali a resistere alle forze atmosferiche….

Leggi tutto…