Una nuova barra antirollio in materiale composito per l’automotive

La barra antirollio in materiale composito che riduce peso e inquinamento di treni e autocarri

Gli ingegneri di Performance Engineered Solutions (PES) Ltd stanno lavorando al progetto di sviluppo di una barra antirollio in materiale composito di metallo e fibra di carbonio da utilizzare per treni e autocarri. Con questa ricerca vorrebbero tra l’altro dimostrare come lo sviluppo tecnologico in un campo, nel caso specifico nell’automotive, serva da spinta anche in altri settori, come quello aerospaziale.

Il progetto di ricerca è cofinanziato da Innovate UK, l’agenzia per l’innovazione del Regno Unito, assieme a Tinsley Bridge Ltd, uno dei principali fornitori al mondo di barre antirollio, e Advanced Manufacturing Research Centre (AMRC), il Centro di ricerca sulla produzione, dell’Università di Sheffield.

 Scopo del progetto, sviluppare e produrre materiali compositi più leggeri delle tradizionali barre antirollio prodotte in metallo. La maggiore leggerezza delle nuove barre in composito dovrebbe garantire un consumo minore di carburante e ridurre le emissioni di mezzi pesanti e vetture su rotaia, aumentando nel contempo la loro affidabilità.

Le ricerche precedenti: barra stabilizzante con una riduzione del 65% del peso

In precedenza, Innovate UK aveva già finanziato un progetto che aveva consentito di ridurre del 65% il peso della barra stabilizzatrice, sostituendo il componente in uso in acciaio solido con un elemento costituito da materiale composito a base di fibra di carbonio. La riduzione del peso della nuova barra non ne ha intaccato le prestazioni, al contrario ha permesso di migliorarne la durata, poiché i materiali compositi in fibra di carbonio sopportano meglio la fatica.

Il nuovo progetto per ripensare i veicoli pesanti

Il progetto in corso svilupperà e migliorerà ulteriormente il design e le prestazioni della barra antirollio, sottoponendola a molteplici test di laboratorio per simulare le condizioni e gli stress alle quali sarà sottoposta durante il loro impiego.

Gli ingegneri della PES si stanno occupando dello sviluppo sotto il profilo ingegneristico e strutturale, mentre il Centro materiali compositi di AMRC sta lavorando alla produzione dei prototipi delle barre, utilizzando una tecnica di produzione che consente di avvolgere intorno a un mandrino rotante filamenti di carbonio o di vetro impregnati di resina e dare loro la forma desiderata. Se il progetto darà i risultati sperati, la prospettiva è quella di un impiego sempre più ampio di queste strutture leggere per creare nuovi tipi di veicoli, con una riduzione sostanziale del peso e una riprogettazione della struttura e dei componenti per migliorarne le performance.


Leggi anche

Il primo robot progettato a basso costo, al pari di una televisione di ultima generazione. Il robot è stato realizzato da un team di 32 ricercatori e designer dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova. Al massimo entro 18 mesi auspicano la produzione in serie, presto entrerà nelle nostre case….

Leggi tutto…

Chem -Trend è in grado di fornire sistemi distaccanti a base di acqua o di solvente per processi di stampaggio RTM e per via umida, compresi primer per stampi, sigillanti, distaccanti interni ed esterni e prodotti ausiliari come i detergenti per stampi. Essi consentono ai produttori che fabbricano volumi elevati di materiali compositi per l’industria automobilistica di mantenere l’operatività degli stampi….

Leggi tutto…

Gli UAV (unmanned aerial vehicle), i veicoli aerei senza pilota, ora sono droni e la tecnologia dei droni guarda oggi ai materiali compositi. Una delle grandi promesse di utilizzo dei compositi nei droni è quella di abilitare i sistemi persistenti di lunga durata che forniscono un accesso a Internet WiFi su ampia area. Due i prototipi in volo, L’ Aquila di Facebook e il Jungle Hawk Owl prodotto dall’Istituto di tecnologia del Massachusetts

Leggi tutto…

Introduzione alle metodologie di calcolo e di caratterizzazione
Clicca e scopri di cosa si parlerà durante la prima giornata di corso

Leggi tutto…

Annunciato un nuovo kit wide-body per la Porsche 991, si tratta di il un insieme di nuove barre paraurti anteriori e posteriori, passaruota anteriori estesi con piccole prese d’aria incorporate in un diffusore sul retro. Per completare il look, TopCar Porsche ha sviluppato anche in carbonio il cofano e lo spoiler posteriore….

Leggi tutto…