Una nuova barra antirollio in materiale composito per l’automotive

La barra antirollio in materiale composito che riduce peso e inquinamento di treni e autocarri

Gli ingegneri di Performance Engineered Solutions (PES) Ltd stanno lavorando al progetto di sviluppo di una barra antirollio in materiale composito di metallo e fibra di carbonio da utilizzare per treni e autocarri. Con questa ricerca vorrebbero tra l’altro dimostrare come lo sviluppo tecnologico in un campo, nel caso specifico nell’automotive, serva da spinta anche in altri settori, come quello aerospaziale.

Il progetto di ricerca è cofinanziato da Innovate UK, l’agenzia per l’innovazione del Regno Unito, assieme a Tinsley Bridge Ltd, uno dei principali fornitori al mondo di barre antirollio, e Advanced Manufacturing Research Centre (AMRC), il Centro di ricerca sulla produzione, dell’Università di Sheffield.

 Scopo del progetto, sviluppare e produrre materiali compositi più leggeri delle tradizionali barre antirollio prodotte in metallo. La maggiore leggerezza delle nuove barre in composito dovrebbe garantire un consumo minore di carburante e ridurre le emissioni di mezzi pesanti e vetture su rotaia, aumentando nel contempo la loro affidabilità.

Le ricerche precedenti: barra stabilizzante con una riduzione del 65% del peso

In precedenza, Innovate UK aveva già finanziato un progetto che aveva consentito di ridurre del 65% il peso della barra stabilizzatrice, sostituendo il componente in uso in acciaio solido con un elemento costituito da materiale composito a base di fibra di carbonio. La riduzione del peso della nuova barra non ne ha intaccato le prestazioni, al contrario ha permesso di migliorarne la durata, poiché i materiali compositi in fibra di carbonio sopportano meglio la fatica.

Il nuovo progetto per ripensare i veicoli pesanti

Il progetto in corso svilupperà e migliorerà ulteriormente il design e le prestazioni della barra antirollio, sottoponendola a molteplici test di laboratorio per simulare le condizioni e gli stress alle quali sarà sottoposta durante il loro impiego.

Gli ingegneri della PES si stanno occupando dello sviluppo sotto il profilo ingegneristico e strutturale, mentre il Centro materiali compositi di AMRC sta lavorando alla produzione dei prototipi delle barre, utilizzando una tecnica di produzione che consente di avvolgere intorno a un mandrino rotante filamenti di carbonio o di vetro impregnati di resina e dare loro la forma desiderata. Se il progetto darà i risultati sperati, la prospettiva è quella di un impiego sempre più ampio di queste strutture leggere per creare nuovi tipi di veicoli, con una riduzione sostanziale del peso e una riprogettazione della struttura e dei componenti per migliorarne le performance.


Leggi anche

Ottobre è stato un mese di stagnazione per il mercato dei compositi. La domanda nella maggior parte dei settori è stata inferiore alla media stagionale. L’automotive è riuscito a stento a guadagnare terreno, nonostante una tendenza positiva nel segmento dei veicoli commerciali…

Leggi tutto…

Un team di studenti universitari con il supporto di esperti di ingegneria di Formula 1 e della più grande azienda di pneumatici del mondo ha progettato e costruito un’auto elettrica a quattro posti a energia solare, che può viaggiare da Londra alle Highlands scozzesi a una velocità di 50 miglia all’ora con la stessa potenza che serve per portare a ebollizione un bollitore d’acqua…

Leggi tutto…

La casa automobilistica di Sant’Agata bolognese ha collaborato per due anni con lo Houston Methodist Research Institute. Oggi è finalmente pronta a inviare a bordo della Stazione Spaziale Internazionale campioni di materiale composito per verificarne il possibile impiego nella produzione auto e in campo medico…

Leggi tutto…

Covestro parteciperà a K 2019, la più grande fiera delle materie plastiche, e presenterà allo stand A75 nel padiglione 6 soluzioni innovative per l’industria automobilistica, edilizia ed elettronica, della salute, dell’arredamento, dello sport e del tempo libero. La conferenza stampa si terrà si terrà il 15 ottobre, giorno precedente l’apertura, alle ore 15 presso lo stand Covestro. …

Leggi tutto…

I veicoli elettrici a celle a combustibile (Fuel Cell Electric Vehicle), alimentati a idrogeno, superano le automobili a batteria sotto diversi aspetti. Ma la tecnologia è ancora giovane e necessita di essere messa a punto. In particolare, bisogna lavorare sul serbatoio di stoccaggio dell’idrogeno: una soluzione arriva dal mondo dei materiali compositi…

Leggi tutto…