Aerogel, una nuova versione aerospaziale dell’isolante termico

La storia dell’Aerogel risale al 1931 quando Stevan Kistler del College of the Pacific (Stockton) in California cercò di scambiare il liquido di una gelatina con del gas senza provocarne il collasso. Da questo esperimento nacque l’Aerogel utilizzato sin dagli anni Novanta come isolante termico, ad oggi è la sostanza solida più leggera esistente al mondo. Oltre alla sua leggerezza, l’Aerogel si presenta anche come un eccezionale isolante termico e resistente a temperature elevatissime.

La ricerca internazionale guidata dall’UCLA ha elaborato e definito un procedimento finora inedito che permette di creare un aerogel composto di aria intrappolata in un reticolo di materiale solido come la ceramica, sostanza nettamente più adatta rispetto al metallo o al carbonio per contrastare temperature noteceravoli.

Per superare i limiti di un materiale tanto fragile e degradabile come la ceramica, gli scienziati coinvolti negli studi hanno impilato fogli di materiale sottili quanto lo spessore di un atomo, realizzando una struttura esagonale di atomi leggera e isolante, ma soprattutto molto più resistente.

Diverse sono state le sperimentazioni per testare le capacità del nuovo materiale: è stato riscaldato fino a 900º e poi raffreddato immediatamente dopo a -198º, ripetendo il procedimento svariate volte. Mettendolo persino in una camera da vuoto con una temperatura che raggiungeva quasi i 1.500º, l’Aerogel ha dimostrato di resistere a stress prolungati nel tempo mantenendo tutte le sue eccezionali caratteristiche e senza riportare alcun danno. Di fronte ad uno sbalzo termico di questa portata il prodotto realizzato dall’UCLA reagisce contraendosi piuttosto che espandersi come i suoi simili, riducendo di gran lunga il rischio comune di fratturarsi. L’innovativa architettura permette all’Aerogel di essere decisamente molto più flessibile e durevole.

La nuova versione dell’Aerogel è evidentemente una rivoluzione di grande importanza in ambito aerospaziale, per non parlare della rilevanza e del valore che acquisisce anche a livello storico. I mezzi finora costruiti per viaggiare nello spazio sono inclini a fratturarsi per via degli sbalzi termici ripetuti. Questo problema ha spinto a ricercare una soluzione che permettesse di affrontare nel futuro viaggi in tutta sicurezza, con veicoli totalmente idonei a resistere a qualsiasi sollecitazione proveniente dall’esterno e avendo le proprie componenti tecnologiche completamente isolate.


Leggi anche

AMSilk, azienda leader nel settore aerospaziale e produttore di biopolimeri avanzati, in partnership con Airbus, sviluppa l’utilizzo della fibra Biosteel® nella realizzazione di aerei leggeri e ad alte prestazioni. La nuova fibra, identica nella composizione molecolare alla ragnatela, ovvero la seta prodotta dal ragno, offre una flessibilità superiore rispetto alla fibra di carbonio, consentendo nuove tecniche di progettazione e costruzione, senza comprometterne la forza e rendendo il prodotto altamente sostenibile e privo di alcun input di petrolio…

Leggi tutto…

In occasione della IV edizione del Convergent Aeronautics Solutions (CAS), la NASA selezionerà tre nuove idee meritevoli di ulteriore ricerca all’interno della stessa NASA o presso aziende di settore. La selezione dei progetti inizierà il 1° ottobre e riguarderà le seguenti tematiche: nuove tecniche di assemblaggio con materiali compositi, nuove soluzioni per ridurre e dissipare il calore generato da un motore elettrico e l’utilizzo di una soluzione a base d’acqua per generare elettricità e sostituire le batterie in litio…

Leggi tutto…

Chem-Trend, leader del mercato nello sviluppo e nella produzione di prodotti distaccanti superperformanti, granulati detergenti e altri strumenti per la formatura, è stata certificata dalla Società Tedesca di Certificazioni di Sistemi di Management (Deutsche Gesellschaft zur Zertifizierung von Managementsystemen – DQS -) ai sensi della EN 9100: 2016. L’azienda, in questo modo, adempie alle severe prescrizioni di qualità poste ai rifornitori nel campo dell’aeronautica.

Leggi tutto…

Gli UAV (unmanned aerial vehicle), i veicoli aerei senza pilota, ora sono droni e la tecnologia dei droni guarda oggi ai materiali compositi. Una delle grandi promesse di utilizzo dei compositi nei droni è quella di abilitare i sistemi persistenti di lunga durata che forniscono un accesso a Internet WiFi su ampia area. Due i prototipi in volo, L’ Aquila di Facebook e il Jungle Hawk Owl prodotto dall’Istituto di tecnologia del Massachusetts

Leggi tutto…

Il nuovo materiale ceramico rinforzato, interamente sviluppato in Italia, ha superato i test per i futuri programmi di Nasa ed Esa nel settore sistemi di protezione termica. Una filiera made in Italy che mette a fattor comune le attività di ricerca del CIRA nel campo delle tecnologie per il rientro spaziale e le capacità industriali nel settore dell’alta tecnologia per l’automotive di Petroceramics

Leggi tutto…