Aerospazio: Grafene, presto applicazioni industriali


Giovanni Soccodato, direttore strategie e innovazione di Leonardo, ha illustrato una serie di esperimenti per l’applicazione del grafene nello Spazio. In particolare, il progetto di Leonardo è rendere il Grafene utilizzabile per preparazioni industriali future. Sono attualmente in corso lavorazioni su processi in grado di replicare le sperimentazioni per rendere applicabile il Grafene in maniera ripetitiva sulle linee di produzione.
LoB Spazio, presso la divisione Sistemi avionici e spaziali di Leonardo, sta sviluppando un sistema di raffreddamento per satelliti basato sul Grafene e chiamato “loop heat pipe” che presto volerà nello spazio: il sogno è di avere sistemi di raffreddamento completamente autonomi per la futura esplorazione e colonizzazione dello spazio. Grazie al Grafene anche le strutture aerospaziali possono dunque diventare intelligenti, capaci di conoscere la propria temperatura e lo stato di sollecitazione meccanica e addirittura di usura, con un chiaro vantaggio competitivo nella manutenzione preventiva.
Inoltre, introducendo fibre in Grafene nei materiali compositi, si potrebbe ottenere una maggiore flessibilità e resistenza, aumentando le prestazioni dei prodotti. Anche nel mondo dell’elettronica, grazie alle caratteristiche di superconduttività che ha il Grafene, possiamo pensare di ottenere dei circuiti più veloci, risolvendo un problema importantissimo come la “dissipazione di calore”. Si parla anche di possibili applicazioni in campo biomedicale, in quanto il Grafene ha la capacità di intercettare la luce, consentendo di creare sistemi ad infrarossi innovativi, più sensibili. Si sta ipotizzando anche a possibili applicazioni per la sostituzione della retina dell’occhio umano. Queste applicazioni sono ancora molto primordiali, ma le premesse per il futuro sono promettenti.


Leggi anche

Grazie a una collaborazione con diversi partner, l’International Lunar Exploration Working Group (ILEWG) sta affrontando una nuova sfida per lo sviluppo di tute spaziali non solo più resistenti ai danneggiamenti, ma anche dotate di un sistema di rilevamento dei danni. A questo fine è stato sviluppato un prototipo che impiega un materiale con fibre aramidiche con proprietà balistiche e di conducibilità …

Leggi tutto…

JEC World is the global trade show dedicated to composite materials. Next year’s show, from March 9-11, 2021, in Paris, will be the industry’s most significant annual event, hosting all the major players in a spirit of innovation, business, and networking. With 1,400 expected exhibitors and more than 45,000 planned professional visits from 112 countries, JEC World has become a global festival, and the undisputed reference for the composites industry. …

Leggi tutto…

The Composites Institute e UK Research and Innovation’s (UKRI) Innovate UK hanno annunciato sette nuovi progetti di ricerca e innovazione che serviranno a sviluppare nuovi materiali compositi in grado di far avanzare la produzione di componenti in una serie di diversi settori industriali, come la produzione aerospaziale, automobilistica e di energia rinnovabile…

Leggi tutto…

Il progetto finanziato dalla Marina degli Stati Uniti e realizzato in collaborazione con un’azienda di software affiliata alla Purdue University mira a sviluppare ulteriormente il software di modellazione SwiftComp per prevedere con maggiore esattezza la durata di alcuni elementi in composito presenti negli elicotteri della Marina…

Leggi tutto…

Centri di lavoro best-in-class a 5 assi ed alta velocità per la lavorazione di materiali comositi, alluminio e metallo

CMS SpA produce centri di lavoro multiassi a controllo numerico, termoformatrici e sistemi di taglio a getto d’acqua che permettono all’azienda di servire molti settori industriali: aerospaziale, automotive, nautica, ferroviario e molto altro. CMS offre, insieme a qualità e precisioni, soluzioni innovative, capaci di coprire le diverse fasi del processo produttivo o le specifiche esigenze. …

Leggi tutto…