Airbus A350: grazie ai materiali compositi al via il volo commerciale più lungo al mondo


ll merito è dell’ultimo prodotto Airbus: l’A350-900 Ulr (Ultra Long Range), realizzato interamente in materiali compositi e capace di una autonomia chilometrica di 18.000 km e oraria di oltre 20 ore.
Il velivolo è un bimotore turbofan Rolls-Royce a basso consumo di carburante, ad ala bassa e a fusoliera larga. A differenza dell’A350 Xwb ha a disposizione un sistema di alimentazione modificato che, senza l’aggiunta di ulteriori serbatoi, permette di imbarcare 24 000 litri di carburante in più. Inoltre, grazie ad una accurata ottimizzazione aerodinamica che ha portato anche ad un aumento di superficie delle winglets (le piccole appendici verticali che vengono installate all’estremità dell’ala), il peso massimo al decollo è stato aumentato a 280 tonnellate.
Come per tutti i modelli della famiglia A350, il nuovo Ultra Long Range dispone di una cabina più ampia che fornisce uno spazio maggiore ai passeggeri e garantisce livelli di rumorosità interni più bassi di qualsiasi altro aeromobile a due navate. Inoltre, come riportato sul sito del colosso europeo, è pressurizzata ad un’altitudine equivalente di 1.800 metri sul livello del mare (contro i 2.000 m slm degli altri velivoli) e, combinando il tutto con un sistema di condizionamento senza correnti d’aria, si ha un ambiente meno asciutto che permette di ridurre l’affaticamento del passeggero.
L’Airbus A350-900 Ulr permette di collegare le principali destinazioni di tutto il mondo senza scali tecnici, diminuendo sensibilmente la durata dei trasferimenti. Gli apparecchi ordinati fino ad ora sono 67, di cui 7 solo dalla Singapore Airlines, che intende ridistribuirli su rotte non-stop anche per Los Angeles e San Francisco. Complessivamente, per la famiglia A350, la società europea ha ricevuto quasi 900 ordini a riprova del fatto che si tratta di uno dei velivoli di maggior successo di sempre, grazie alla scelta di utilizzare unicamente materiali compositi.


Leggi anche

Inaugurato il centro da 8.9 milioni di sterline che dovrà sviluppare materiali più leggeri ed efficienti per l’industria ad alto valore aggiunto, inclusa quella dell’automotive e aerospaziale….

Leggi tutto…

L’alluminio è uno dei materiali più promettenti per le applicazioni nel settore automobilistico e aerea. L’università russa National University of Science and Technology “MISIS” ha trovato un modo semplice ed efficace per rafforzare i materiali compositi a base di alluminio. …

Leggi tutto…

Stratolunch è l’aeroplano più grande del mondo realizzato con materiali compositi: sei motori e centodiciassette metri di ala. È stato pensato per il lancio di razzi e satelliti nello spazio a un costo più economico….

Leggi tutto…

Il salone JEC WORLD 2019 si è concluso dopo tre intense giornate all’insegna dell’innovazione, del networking e della condivisione delle conoscenze. 1.300 espositori, 43.000 visitatori professionisti da 112 paesi partecipanti e 27 padiglioni nazionali: sono questi i numeri, come riportati dal meeting delle associazioni europee e globali di settore, di JEC World, il luogo in cui il mondo dei materiali compositi si incontra riunendo i protagonisti del settore e i loro rappresentanti. …

Leggi tutto…

Il mercato del composito, prima esclusivo del racing e delle supercar, è sempre più orientato alla definizione di strutture leggere che permettano minori consumi e miglior efficienza su veicoli di uso comune. Abbiamo intervistato Francesco Varrasi, CEO di Mind Composites, azienda Italiana attiva dal 2006 specializzata nell’industrializzazione di componenti in materiale composito….

Leggi tutto…