Al via un progetto congiunto per la Rivoluzione Verde

La Join venture è costituita da Bio-Sep, impresa specializzata nella conversione di biomasse lignocellulosiche non alimentari generate dall’agricoltura e dalla silvicoltura in sostanze biochimiche di alto valore, e l’Innovation Center for Applied Sustainable Technologies (iCAST), che comprende prestigiose istituzioni come l’Università di Bath e il National Composites Centre (NCC).

Il progetto prevede che Bio-Sep utilizzi il suo processo di bioraffineria a basso consumo energetico per produrre una nuova lignina non solfonata con:

  1. maggiore reattività
  2. basso peso molecolare.

Questa vanta un grande potenziale per la produzione su larga scala di sostituti biochimici sostenibili. Questi possono essere impiegati in molteplici applicazioni commerciali, come i compositi e l’industria delle costruzioni.

Successivamente i tecnici di iCAST dovranno testare le proprietà e le prestazioni dei prodotti, sia come parte di compositi a base biologica che come additivo cementizio.

I primi risultati sono incoraggianti e fanno sperare che nel prossimo futuro le industrie dei compositi e delle costruzioni possano utilizzare un materiale rinnovabile a basse emissioni di carbonio

  • sostituendo i prodotti petrolchimici
  • e migliorando la loro sostenibilità operativa.

 

Andrew West, capo chimico di Bio-Sep

Questo progetto interdisciplinare di ricerca e sviluppo ci consentirà di sviluppare e dimostrare potenziali applicazioni per il nostro processo di lignina non solfonata e bioraffineria. Non vediamo l’ora di confrontarci con i nostri preziosi partner di iCAST e di beneficiare della loro esperienza globale nella chimica dei materiali a base biologica e nella produzione di compositi“.

 

Matthew Davidson, direttore di iCAST aggiunge

Siamo lieti di lavorare con Bio-Sep per accelerare l’innovazione in questo settore. Riunendo l’esperienza di iCAST nei materiali e nella produzione con l’innovazione tecnologica sviluppata da aziende come Bio-Sep, miriamo ad accelerare l’implementazione di tecnologie sostenibili in applicazioni commerciali”.

 

Tim Young, Head of Sustainability presso il National Composites Centre ha dichiarato

Fare parte del progetto Bio-Sep ci consentirà di valutare l’idoneità di un materiale composito altamente innovativo e a basse emissioni di carbonio per l’impiego in applicazioni industriali, e di accelerarne il percorso verso il mercato. Siamo orgogliosi di far parte di un consorzio di partner che unisce competenze e conoscenze in questo specifico settore”.

 


Leggi anche

Il modulo sperimentale Mengtian della China Space Station è stato lanciato dal razzo vettore Long March 5B presso la stazione spaziale di Wenchang ed è entrato con successo nell’orbita predeterminata. Si tratta del veicolo spaziale cinese più grande e pesante costruito finora. …

Leggi tutto…

In risposta alle normative che impediscono l’utilizzo di materiali riciclati nel settore medicale, è nato un progetto che prevede di recuperare la poliarilammide proveniente da attrezzature chirurgiche, rigenerarla, miscelarla con poliarilammide vergine e utilizzarla nei settori dell’automotive, delle attrezzature sportive e degli articoli per il tempo libero. …

Leggi tutto…

Si chiama Aehra il nuovo Sport Utility Vehicle che vanta una potenza fino a 816 CV (550-600 kW) e un’autonomia superiore agli 800 km, grazie a soluzioni aerodinamiche all’avanguardia e a un peso inferiore alle 2 tonnellate. L’auto è realizzata in materiali compositi, scelti per la loro leggerezza e il basso impatto ambientale, ottenuto grazie all’impiego di materiali riciclabili fino a cinque cicli e alla possibilità di utilizzare compositi da riciclo….

Leggi tutto…

La Class40 è una delle flotte più competitive nelle regate di yacht. I progettisti di questo tipo di imbarcazioni devono realizzare scafi leggeri e resistenti, anche nelle condizioni più estreme, che, per una questione economica, non possono essere rinforzati con fibre di carbonio. Di conseguenza diventa fondamentale puntare sulla qualità delle resine utilizzate per l’infusione e la laminazione degli scafi stessi. …

Leggi tutto…

L’Agenzia spaziale europea ha dato l’ok a Phoebus, un progetto volto a dimostrare che le fibre di carbonio possono essere utilizzate al posto delle parti metalliche nei serbatoi criogenici ad uso aerospaziale. Questa innovazione garantirà un risparmio di peso, una maggiore competitività, un aumento della capacità del carico utile e un uso più sostenibile delle risorse….

Leggi tutto…