Boeing consegna a Singapore Arlines Dreamliner 787-10

Il 787-10 è uno splendido esemplare di ingegneria. Progettato con materiali compositi solidi e leggeri, con i sistemi più avanzati e dotazioni confortevoli in cabina. Il 787-10, tuttavia – spiega il costruttore – ha una fusoliera allungata che consente di trasportare circa 40 passeggeri in più o un totale di 330 posti a sedere in una configurazione standard a due classi.
Grazie alla capienza aggiuntiva, il 787-10 garantisce alle compagnie aeree costi operativi più bassi per posto a sedere di qualsiasi altro aereo widebody in servizio oggi. Dreamliner sarà un elemento importante nella strategia di crescita dell’aviazione commerciale, grazie all’esperienza di volo superiore per i passeggeri del 787 e a un risparmio di carburante senza precedenti: fattori che aiutano le compagnie aeree ad aprire nuove rotte e a ottenere risparmi di carburante significativi e riduzione di emissioni.

BOEING DA SINGAPORE ALL’ASIA
Con quest’ultima consegna, Singapore Airlines, che con la controllata Scoot vola anche con i modelli -8 e -9, sarà il primo a operare tutti e tre i modelli Dreamliner. Le prestazioni superiori del 787-10 permettono di collegare tutti i punti della regione e di offrire agli operatori asiatici la flessibilità giusta per volare verso l’Oceania, l’Africa e l’Europa. La compagnia ha in programma di mettere in servizio i suoi 787-10 a maggio, con voli da Singapore a Osaka (Giappone) e Perth (Australia). Prima dell’entrata in servizio, gli aerei saranno operati su voli selezionati verso Bangkok e Kuala Lumpur per l’addestramento degli equipaggi.

IL RUOLO DELL’INDUSTRIA ITALIANA
Al programma Dreamliner partecipa anche l’italiana Leonardo, che realizza il 14% dell’innovativo aereo in fibra di carbonio. A Grottaglie, il campione italiano realizza in fibra di carbonio e materiali compositi due sezioni di fusoliera (la numero 44 e la numero 46), mentre a Foggia viene costruito lo stabilizzatore orizzontale del 787. A Cameri c’è inoltre Avio Aero (business di GE Aviation), che si occupa di realizzare tramite stampa 3D e additive manufacturing le pale e le turbine dei motori del 777 e del 787.


Leggi anche

È stata annunciata la rivoluzione tecnologica che coinvolgerà il settore dei carburanti marittimi. Il progetto di nuovi serbatoi notevolmente più leggeri comporterà una maggiore diffusione del gas liquefatto e un nuovo futuro di quest’ultimo in qualità di “marine fuel”….

Leggi tutto…

Con grandi progressi tecnologici lungo la catena, l’industria dei compositi riesce ad automatizzare e ridurre i tempi dei processi di produzione. Questi sviluppi sono stati di grande rilevanza per COMPOSITES EUROPE 2018 che si è svolto per la tredicesima volta dal 6 all’8 Novembre. Le prospettive per l’intera industria dei Compositi sono decisamente buone e con enormi potenziali….

Leggi tutto…

L’accordo per recuperare le fibre di carbonio dagli sfridi di lavorazione dei materiali compositi in ambito aerospaziale è stato recentemente siglato da Boeing e ELG Carbon Fibre. Entrerà in vigore in undici siti produttivi del colosso dell’industria aerospaziale, dove i compositi in fibra di carbonio sono ampiamente utilizzati nella costruzione di aeromobili, in particolare i modelli più recenti 787 Dreamliner e 777X…

Leggi tutto…

Riduce da ore a minuti i tempi di preparazione degli attrezzi nello stampaggio di materiali compositi nell’industria aerospaziale e risulta particolarmente efficace per componenti in prepreg epossidico di fibra di carbonio realizzati sottovuoto e con stampaggio in autoclave….

Leggi tutto…

In occasione del Convegno “Graphene: Revolution is coming to earth and space”, recentemente organizzato al Museo della Scienza di Milano da Leonardo, il direttore Giovanni Soccodato ha affrontato il tema dell’utilizzo del Grafene in ambito aerospaziale e illustrato le caratteristiche rivoluzionarie…

Leggi tutto…