Chem-Trend immette sul mercato Zyvax® 1070W, distaccante rivoluzionario

Chem-Trend, leader globale per lo sviluppo, la produzione e il marketing dei sistemi di distacco ad elevata performance, granulati detergenti ed altri prodotti ausiliari per stampaggio e pressofusione sta sviluppando la gamma di distaccanti Zyvax®, pensati per affrontare le esigenze di stampaggio dei materiali compositi di prima qualità nel settore aerospaziale. A seguito del successo nello sviluppo del distaccante Zyvax® Take-Off, certificato con l’IPS 12-02-002-03, Chem-Trend immette ora sul mercato Zyvax® 1070W, un prodotto nuovo, rivoluzionario e senza silicone formulato per applicazioni semplici e rapide come spray o con un panno, senza la necessità di asciugare la superficie.


Zyvax® TakeOff™

Zyvax® TakeOff™ consente l’utilizzo di compositi termoindurenti e termoplastici leggeri direttamente nella fusoliera dei velivoli fin dal suo lancio nel 2015. Zyvax® TakeOff™ è ideale per le applicazioni aeronautiche, in quanto formulato specificamente per lavorare su pezzi epossidici stampati estremamente grandi. Zyvax® TakeOff™ è un distaccante a base di acqua, semi permanente, adatto a tutte le tipologie di resine negli stampaggi di compositi avanzati e richiede un numero minimo di applicazioni, ognuna delle quali si asciuga rapidamente.

Zyvax® TakeOff™, in quanto distaccante a base di acqua, va oltre ai requisiti di sicurezza ambientale più severi e consente ai dipendenti di operare in un ambiente lavorativo più gradevole. Un altro vantaggio che distingue Zyvax® TakeOff™ è dato dalla possibilità di poterlo applicare a stampi con differenti temperature, il che – in confronto ai prodotti a base di solvente – riduce il tempo di inattività richiesto per il raffreddamento degli stampi. È stato certificato con l’IPS 12-02-002-03 da un noto fabbricante per applicazioni epossidiche fino a 200 °C, estendendo in questo modo i propri vantaggi alle linee di produzione.

Solitamente questo agente distaccante, se usato su superfici degli stampi in acciaio invar di elevata qualità per applicazioni aerospaziali o prepreg epossidiche, non richiede un sigillante, sebbene i sigillanti o il primer siano raccomandati per gli attrezzi in composito e per ampliare la produttività degli stampi. Inoltre, il trasferimento del distaccante sul pezzo stampato è ridotto al minimo. Ciò riduce significativamente il processo di pulizia successivo allo stampaggio e precedente alla verniciatura e all’incollaggio.


Zyvax® 1070W rivoluziona l’applicazione e la pulizia degli attrezzi nei processi avanzati di stampaggio dei materiali compositi
 

Zyvax® 1070W, ultimo arrivato nella gamma Chem-Trend di distaccanti per stampi, riduce da ore a minuti i tempi di preparazione degli attrezzi nello stampaggio di materiali compositi nell’industria aerospaziale e risulta particolarmente efficace per componenti in prepreg epossidico di fibra di carbonio realizzati sottovuoto e con stampaggio in autoclave. A parere di Sam Dethloff, business development manager – Composites di Chem-Trend: “La qualità del distaccante Zyvax® 1070W consente di godere di vantaggi significativi che gli stampatori del settore aerospaziale possono utilizzare per migliorare numerosi processi relativi alla preparazione e alla pulizia degli stampi ovvero alla preparazione delle parti dopo lo stampaggio.”

Zyvax® 1070W ha una composizione non pericolosa, non infiammabile, priva di solventi e va incontro alle esigenze dei dipendenti e a quelle della gestione dei costi. Aggiunge Dethloff: “La riduzione dei tempi dei processi, dei processi di applicazione dei prodotti, degli scarti per la pulizia degli attrezzi, delle emissioni e il miglioramento dell’ambiente di lavoro consentono di realizzare risparmi energetici.” La tecnologia contenuta nel Zyvax® 1070W è altamente efficace, consente di migliorare l’efficienza dello stampaggio di materiali compositi e fornisce risultati ottimizzati per rispondere alla sempre maggiore domanda di soluzioni a basso impatto.

I produttori del settore nautico, ferroviario e automobilistico stanno utilizzando i materiali compositi in modo crescente per ottenere gli stessi vantaggi raggiunti dall’industria aerospaziale. 

Per ulteriori informazioni sui prodotti e sulle tecnologie innovative di Chem-Trend per lo stampaggio di materiali compositi visitate il sito chemtrend.com/it.


Leggi anche

Un gruppo di ricercatori del MIT ha sviluppato una tecnica per produrre materiali compositi destinati al settore aerospaziale senza necessità di ricorrere a forni o autoclavi di grandi dimensioni. La ricerca, pubblicata sulla rivista «Advanced Materials Interfaces», potrebbe aiutare a rendere più veloce la produzione di aeroplani e altre strutture in composito di grandi dimensioni e prestazioni elevate…

Leggi tutto…

Un gruppo di ricercatori dell’Università del Surrey ha sviluppato una robusta nano-barriera multi-strato per polimeri rinforzati in fibra di carbonio ultraleggeri e stabili (CFRP) che potrebbero essere impiegati per costruire strutture di strumenti ad alta precisione per future missioni spaziali…

Leggi tutto…

Strutture composite in fibra di carbonio garantiranno la stabilità operativa delle apparecchiature del telescopio a raggi X a specchio ART-XC sull’osservatorio spaziale astrofisico russo Spektr-RG contro le temperature estreme…

Leggi tutto…

Graphene Flagship ha riunito i migliori ricercatori europei e le maggiori aziende per discutere nuove strategie di impiego del grafene per migliorare i materiali compositi utilizzati nel settore aerospaziale, automobilistico ed energetico…

Leggi tutto…

I bordi d’attacco delle ali degli aeromobili devono soddisfare una serie di parametri specifici. Una nuova ricerca mostra che una combinazione di schiuma metallica composita d’acciaio (CMF) e resina epossidica presenta caratteristiche avanzate più performanti rispetto all’alluminio attualmente in uso …

Leggi tutto…