Chem-Trend immette sul mercato Zyvax® 1070W, distaccante rivoluzionario

Chem-Trend, leader globale per lo sviluppo, la produzione e il marketing dei sistemi di distacco ad elevata performance, granulati detergenti ed altri prodotti ausiliari per stampaggio e pressofusione sta sviluppando la gamma di distaccanti Zyvax®, pensati per affrontare le esigenze di stampaggio dei materiali compositi di prima qualità nel settore aerospaziale. A seguito del successo nello sviluppo del distaccante Zyvax® Take-Off, certificato con l’IPS 12-02-002-03, Chem-Trend immette ora sul mercato Zyvax® 1070W, un prodotto nuovo, rivoluzionario e senza silicone formulato per applicazioni semplici e rapide come spray o con un panno, senza la necessità di asciugare la superficie.


Zyvax® TakeOff™

Zyvax® TakeOff™ consente l’utilizzo di compositi termoindurenti e termoplastici leggeri direttamente nella fusoliera dei velivoli fin dal suo lancio nel 2015. Zyvax® TakeOff™ è ideale per le applicazioni aeronautiche, in quanto formulato specificamente per lavorare su pezzi epossidici stampati estremamente grandi. Zyvax® TakeOff™ è un distaccante a base di acqua, semi permanente, adatto a tutte le tipologie di resine negli stampaggi di compositi avanzati e richiede un numero minimo di applicazioni, ognuna delle quali si asciuga rapidamente.

Zyvax® TakeOff™, in quanto distaccante a base di acqua, va oltre ai requisiti di sicurezza ambientale più severi e consente ai dipendenti di operare in un ambiente lavorativo più gradevole. Un altro vantaggio che distingue Zyvax® TakeOff™ è dato dalla possibilità di poterlo applicare a stampi con differenti temperature, il che – in confronto ai prodotti a base di solvente – riduce il tempo di inattività richiesto per il raffreddamento degli stampi. È stato certificato con l’IPS 12-02-002-03 da un noto fabbricante per applicazioni epossidiche fino a 200 °C, estendendo in questo modo i propri vantaggi alle linee di produzione.

Solitamente questo agente distaccante, se usato su superfici degli stampi in acciaio invar di elevata qualità per applicazioni aerospaziali o prepreg epossidiche, non richiede un sigillante, sebbene i sigillanti o il primer siano raccomandati per gli attrezzi in composito e per ampliare la produttività degli stampi. Inoltre, il trasferimento del distaccante sul pezzo stampato è ridotto al minimo. Ciò riduce significativamente il processo di pulizia successivo allo stampaggio e precedente alla verniciatura e all’incollaggio.


Zyvax® 1070W rivoluziona l’applicazione e la pulizia degli attrezzi nei processi avanzati di stampaggio dei materiali compositi
 

Zyvax® 1070W, ultimo arrivato nella gamma Chem-Trend di distaccanti per stampi, riduce da ore a minuti i tempi di preparazione degli attrezzi nello stampaggio di materiali compositi nell’industria aerospaziale e risulta particolarmente efficace per componenti in prepreg epossidico di fibra di carbonio realizzati sottovuoto e con stampaggio in autoclave. A parere di Sam Dethloff, business development manager – Composites di Chem-Trend: “La qualità del distaccante Zyvax® 1070W consente di godere di vantaggi significativi che gli stampatori del settore aerospaziale possono utilizzare per migliorare numerosi processi relativi alla preparazione e alla pulizia degli stampi ovvero alla preparazione delle parti dopo lo stampaggio.”

Zyvax® 1070W ha una composizione non pericolosa, non infiammabile, priva di solventi e va incontro alle esigenze dei dipendenti e a quelle della gestione dei costi. Aggiunge Dethloff: “La riduzione dei tempi dei processi, dei processi di applicazione dei prodotti, degli scarti per la pulizia degli attrezzi, delle emissioni e il miglioramento dell’ambiente di lavoro consentono di realizzare risparmi energetici.” La tecnologia contenuta nel Zyvax® 1070W è altamente efficace, consente di migliorare l’efficienza dello stampaggio di materiali compositi e fornisce risultati ottimizzati per rispondere alla sempre maggiore domanda di soluzioni a basso impatto.

I produttori del settore nautico, ferroviario e automobilistico stanno utilizzando i materiali compositi in modo crescente per ottenere gli stessi vantaggi raggiunti dall’industria aerospaziale. 

Per ulteriori informazioni sui prodotti e sulle tecnologie innovative di Chem-Trend per lo stampaggio di materiali compositi visitate il sito chemtrend.com/it.


Leggi anche

The use of thermoplastic composites (TPCs) in the transport industry has increased in recent years due to the advantages offered by these materials in terms of recycling, reprocessing and repairing. TPCs can lead to a reduction in the amount of waste materials and virgin raw material required, thus lowering the environmental impact. This article – published in the March issue of Compositi Magazine – talks about SPARTA Project that aims to develop an innovative recycling method for TPCs….

Leggi tutto…

The realization of a human settlement on the Moon is the main purpose of most future space missions. Despite it represents a fundamental and necessary step for this scope, the lunar environment, and high mission cost do not make this challenge easy. This article – published in the March issue of Compositi Magazine – tries to solve the previously mentioned problem, showing the preliminary design of a lightweight and deployable habitat able to ensure long-duration missions on the lunar surface….

Leggi tutto…

An all-new Falcon jet was announced by the company Dassault Aviation. It will fly non-stop from New York to Shanghai, from Los Angeles to Sydney, from Hong Kong to New York, or from Paris to Santiago. Featuring a range of 7,500 nautical miles, the top speed will be Mach 0.925….

Leggi tutto…

Carbon ThreeSixty, Leonardo, and the National Composites Centre have joined forces for a new project co-funded by Innovate UK, the UK’s innovation agency, to develop a revolutionary all-composite helicopter wheel. The new NATEP project has the aim to design, develop and manufacture an ultra-low mass, robust, proof-of-concept carbon-fiber-reinforced plastic (CFRP) wheel for rotary-wing aircraft….

Leggi tutto…

Il corso di perfezionamento in “Ingegneria dei Materiali Compositi” organizzato dall’Università Politecnica delle Marche giunge alla terza edizione. Il corso, che avrà una durata di 120 ore e conferirà 12 CFU, si propone di fornire le nozioni necessarie per affrontare tutti gli aspetti inerenti il mondo dei compositi, partendo dalle fasi costituenti i compositi fino alla caratterizzazione del componente finito….

Leggi tutto…