Cisterne “Ultralight”, rivoluzione nel mondo dei carburanti marittimi

ABS, OceanFinance e Scorpius Launch Company (SSLC) hanno lanciato un progetto, partendo dalla base già esistente e riuscita dello “Space Tech4Sea”, che prevede l’utilizzo di materiali compositi per favorire una maggiore diffusione del gas naturale liquefatto.

Gli innovativi serbatoi “ultralight”, decisamente molto più leggeri e compatti grazie all’utilizzo della tecnologia in fibra di carbonio composita, sono stati ideati principalmente per lo shipping a breve e medio raggio.

Il progetto triennale adatterà alle applicazioni marine, infatti, i serbatoi compositi ad alta pressione, PRESSURMAXX di SSLC società specializzata nella produzione di componenti meccaniche per i motori a propulsione. Le cisterne, già sperimentate e collaudate da oltre duecento clienti tra cui la Nasa, verranno sviluppate, rese meno voluminose e più leggere e permetteranno di ridurre in maniera significativa i costi relativi al consumo dell’Lng in qualità di carburante marittimo.

La tecnologia già esistente essendo molto più pesante diminuisce la capacità di carico del carico, pertanto la nuova tecnologia composita più leggera e gli annessi costi ridotti renderanno sicuramente molto più accattivante e praticabile per gli armatori l’utilizzo di Lng come carburante marittimo.

A tal proposito si riportano le parole di Panayotis Zacharioudakis, direttore generale della OceanFinance, «Questa tecnologia offre un prodotto destinato a capovolgere gli equilibri del mercato dei “marine fuels” e che finalmente sbloccherà la potenziale domanda di gas naturale liquefatto come carburante marittimo. Grazie all’utilizzo della tecnologia composta l’Lng diventerà una scelta convincente per gli armatori. La taglia e il peso delle cisterne attualmente in uso, infatti, riduce notevolmente la capacità di trasporto e aumenta il fabbisogno di forza motrice aggiuntiva, facendo dell’Lng un carburante poco attrattivo».

Il presidente e Ceo della Scorpius Markus Rufer ha precisato che verrà escluso di conseguenza il pericolo di corrosione – “corrosion-free” – e che raggiungendo l’80% di leggerezza in più rispetto alle cisterne precedenti verrà migliorata l’operatività e la spesa sostenuta dalle navi.

Si tratta evidentemente di un passo avanti a livello tecnologico che ribalterà e riequilibrerà il settore.

Markus Rufer ha dichiarato che l’introduzione di tale innovazione consentirà la vendita di oltre 2.000 unità nell’arco dei prossimi dieci anni.

Il gruppo composto da American Bureau of Shipping, dalla OceanFinance e dalla californiana Scorpius prevede un business molto florido per quanto concerne la costruzione e la manutenzione delle nuove attrezzature grazie alla possibilità di trasportare più facilmente le unità.

Attualmente i serbatoi vengono realizzati ancora a mano, motivo per il quale il progetto prevede di adottare una linea di produzione automatizzata così da poter garantire prezzi competitivi.

Gli ingegneri del Global Ship Systems Center di ABS in Grecia forniranno le regole, i regolamenti e le norme in base ai quali la tecnologia del serbatoio composito può essere approvata per applicazioni marine, rivedendo i progetti presentati da SSLC.


Leggi anche

Inaugurato il centro da 8.9 milioni di sterline che dovrà sviluppare materiali più leggeri ed efficienti per l’industria ad alto valore aggiunto, inclusa quella dell’automotive e aerospaziale….

Leggi tutto…

L’alluminio è uno dei materiali più promettenti per le applicazioni nel settore automobilistico e aerea. L’università russa National University of Science and Technology “MISIS” ha trovato un modo semplice ed efficace per rafforzare i materiali compositi a base di alluminio. …

Leggi tutto…

Stratolunch è l’aeroplano più grande del mondo realizzato con materiali compositi: sei motori e centodiciassette metri di ala. È stato pensato per il lancio di razzi e satelliti nello spazio a un costo più economico….

Leggi tutto…

Il salone JEC WORLD 2019 si è concluso dopo tre intense giornate all’insegna dell’innovazione, del networking e della condivisione delle conoscenze. 1.300 espositori, 43.000 visitatori professionisti da 112 paesi partecipanti e 27 padiglioni nazionali: sono questi i numeri, come riportati dal meeting delle associazioni europee e globali di settore, di JEC World, il luogo in cui il mondo dei materiali compositi si incontra riunendo i protagonisti del settore e i loro rappresentanti. …

Leggi tutto…

Il mercato del composito, prima esclusivo del racing e delle supercar, è sempre più orientato alla definizione di strutture leggere che permettano minori consumi e miglior efficienza su veicoli di uso comune. Abbiamo intervistato Francesco Varrasi, CEO di Mind Composites, azienda Italiana attiva dal 2006 specializzata nell’industrializzazione di componenti in materiale composito….

Leggi tutto…