Compositi termonucleari, la nuova sfida di ITER

The €18 billion ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor) under construction in Saint-Paul-lez-Durance, France, has been designed to demonstrate that fusion power can be produced on a commercial scale, providing a safe, environmentally sustainable energy source. The ITER will use hydrogen fusion, controlled by superconducting magnets, to produce massive heat energy.
Pultrusion company Exel Composites is collaborating with French industrial contractor CNIM to make glass fiber components for the magnet support structure of the International Thermonuclear Experimental Reactor (ITER), the world’s largest experimental fusion facility.
The composite pre-compression rings ensure the operation of the toroidal field coils that are employed to create a magnetic ‘cage’ to confine the 150 million°C plasma. To reduce fatigue and deformation of the coils resulting from the powerful magnetic fields, three pre-compression rings will be placed on top of them and three below, while an extra set of three will be manufactured in case replacement becomes necessary in future. The pre-compression rings are required to withstand maximum hoop stresses of up to 500 MPa at room temperature. Glass fiber epoxy composite with a high fiber content was selected as the most suitable material to withstand such extreme loads, avoid circulation of electromagnetic currents and deliver a long service life. The composite rings will have a diameter of approximately 5 m, a cross-section of nearly 30 cm x 30 cm and will weigh slightly more than 3 tons.
The process uses on pultruded composite profiles whereby each ring will be produced by winding a 2 mm thick, 2.8 km long, flat pultruded profile around a metal tool. A 0.12 mm thick epoxy adhesive tape is wound over each layer. The completed ring lay-up is cured and then machined to the required final dimensions.


Leggi anche

È stata annunciata la rivoluzione tecnologica che coinvolgerà il settore dei carburanti marittimi. Il progetto di nuovi serbatoi notevolmente più leggeri comporterà una maggiore diffusione del gas liquefatto e un nuovo futuro di quest’ultimo in qualità di “marine fuel”….

Leggi tutto…

Con grandi progressi tecnologici lungo la catena, l’industria dei compositi riesce ad automatizzare e ridurre i tempi dei processi di produzione. Questi sviluppi sono stati di grande rilevanza per COMPOSITES EUROPE 2018 che si è svolto per la tredicesima volta dal 6 all’8 Novembre. Le prospettive per l’intera industria dei Compositi sono decisamente buone e con enormi potenziali….

Leggi tutto…

L’accordo per recuperare le fibre di carbonio dagli sfridi di lavorazione dei materiali compositi in ambito aerospaziale è stato recentemente siglato da Boeing e ELG Carbon Fibre. Entrerà in vigore in undici siti produttivi del colosso dell’industria aerospaziale, dove i compositi in fibra di carbonio sono ampiamente utilizzati nella costruzione di aeromobili, in particolare i modelli più recenti 787 Dreamliner e 777X…

Leggi tutto…

Riduce da ore a minuti i tempi di preparazione degli attrezzi nello stampaggio di materiali compositi nell’industria aerospaziale e risulta particolarmente efficace per componenti in prepreg epossidico di fibra di carbonio realizzati sottovuoto e con stampaggio in autoclave….

Leggi tutto…

In occasione del Convegno “Graphene: Revolution is coming to earth and space”, recentemente organizzato al Museo della Scienza di Milano da Leonardo, il direttore Giovanni Soccodato ha affrontato il tema dell’utilizzo del Grafene in ambito aerospaziale e illustrato le caratteristiche rivoluzionarie…

Leggi tutto…