Edilizia: le nuove Norme tecniche ammettono, tra i materiali, il calcestruzzo fibrorinforzato

Il tema di grande attualità nel mondo delle costruzioni è rappresentato dal recupero delle costruzioni esistenti e nelle grandi infrastrutture. In questo caso, il FRC offre ottime soluzioni di impiego per il rinforzo di pilastri o pile di ponti e viadotti, e di solai o impalcati, oltre a permettere di sostituire, almeno in parte, l’armatura esistente allungando la vita dell’opera. Ciò implica un risparmio sui tempi di realizzazione e posa dell’armatura, in aggiunta ai tempi per i controlli della direzione lavori. Un altro vantaggio è rappresentato dalla maggior libertà nella scelta della forma e dello spessore degli elementi, per il minor vincolo dato dall’armatura convenzionale.
La grossa novità è rappresentata dal fatto che il materiale sarà fornito a prestazione garantita dal produttore di calcestruzzo. Ciò rappresenta un grande vantaggio per i progettisti che potranno assumere specifici valori delle prestazioni del materiale che verranno poi trasmessi nelle prescrizioni progettuali.

Il FRC essendo un calcestruzzo ordinario con l’aggiunta di fibre corte (da 12 a 60 mm), realizzate in acciaio o materiale polimerico e deve essere marcato CE in accordo alle norme europee armonizzate, quali la UNI EN 14889-1 e la UNI EN 14889-2 per le fibre realizzate in acciaio o materiale polimerico, rispettivamente. Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici sta preparando i documenti necessari per l’utilizzo del FRC nelle costruzioni. Il primo è rivolto ai produttori di calcestruzzo e riguarda le Linee Guida per la qualificazione del materiale, necessario per l’ottenimento del Certificato di Idoneità Tecnica (CIT) per produrlo. Il secondo documento riguarda le Linee Guida per la progettazione degli elementi strutturali in FRC, documento indispensabile per i progettisti. Questi due documenti, con le Norme Tecniche delle Costruzioni e la Circolare esplicativa, forniscono agli addetti ai lavori tutti gli elementi necessari per la corretta produzione e progettazione del FRC.


Leggi anche

Il JEC World di Parigi è un appuntamento imperdibile per il settore dei materiali compositi e Altair è entusiasta di presentare, proprio in questi giorni, le sue tecnologie e il know-how per la progettazione, l’ottimizzazione e la simulazione di strutture e componenti in composito…

Leggi tutto…

Siamo all’Its Maker di Fornovo di Taro, 14 chilometri a sud di Parma, uno dei 93 Istituti tecnici superiori biennali post diploma che formano gli specialisti di Industria 4.0. Qui c’è un laboratorio che riproduce fedelmente il carbonio. Gli studenti che frequentano questo percorso formativo diventano merce rara e molto richiesta dalle imprese…

Leggi tutto…

Assocompositi, associazione di riferimento del settore dei materiali compositi in Italia, segnala la sua collaborazione con un progetto del Politecnico di Milano finalizzato al trasferimento di conoscenze sulle tecniche del composito come occasione per lo sviluppo di start-up di impresa in Senegal…

Leggi tutto…

Industry Experts, realtà di analisi di mercato, ha rilasciato una versione aggiornata del suo rapporto sul mercato globale delle fibre di vetro. Il nuovo rapporto rivela, inoltre, che l’Asia-Pacifico sarà, da qui al 2024, il più grande mercato mondiale per i rinforzi in fibra di vetro in termini di volume e valore, quest’ultimo stimato in circa 3 miliardi di Euro…

Leggi tutto…

La piattaforma e-commerce italiana di Weerg Srl è in grado di soddisfare le richieste di esemplari unici o produzioni in serie di un mercato europeo in continua espansione. Per garantire elevati livelli di automazione l’azienda si avvale di macchinari di ultima generazione e di qualità come la stampante HP Jet Fusion 4200…

Leggi tutto…