Emilia 4 LT: l’auto solare in fibra di carbonio sfida il deserto australiano

Emilia 4 LT: l’auto solare, frutto della collaborazione tra UniBo e CMS Advanced Materials

Emilia 4 LT, il primo cruiser solare a quattro posti circolante in Italia, è stata presentata mercoledì 31 luglio 2019 ai Musei Ferrai di Maranello dal team Onda Solare dell’Università di Bologna. L’auto solare si prepara ad affrontare dal 13 al 20 ottobre 2019 la World Solar Challenge con il suo percorso di 3000 km che va da Darwin ad Adelaide, attraversando il deserto australiano. La versione precedente ha vinto nel 2018 l’American Solar Challenge percorrendo 2800 km dal Nebraska all’Oregon.

Il modello di questo anno presenta un nuovo design, risultato di nuove attività di ricerca e progettazione, in collaborazione con il Centro di ricerca industriale di CMS Advanced Materials (Scm Group). CMS è una società che produce tecnologie per la lavorazione di materiali avanzati per settori altamente innovativi come l’automotive e l’aerospaziale. Già l’anno scorso aveva contribuito al progetto, mettendo a disposizione del team universitario i suoi centri di lavoro per creare gli stampi da impiegare nella produzione della carrozzeria in fibra di carbonio della vettura. Quest’anno ha rinnovato la collaborazione, contribuendo soprattutto proprio nell’ambito della lavorazione dei materiali compositi a base di fibra di carbonio, punto di forza dell’azienda.

Un’occasione di ricerca e sviluppo nel settore materiali compositi

Sottolinea Lucio Giavazzi, Division Manager di CMS Advanced Materials: «Il sostegno all’Università di Bologna e al Team Onda Solare attraverso il nostro Centro di ricerca, ci consente di perfezionare sempre di più le nostre competenze e tecnologie, in particolare quelle legate allo sviluppo di un ambito in continua evoluzione come quello dei materiali compositi per i settori racing, automotive ed aeronautica. Le nostre tecnologie sviluppate nella sede produttiva di Zogno (Bergamo), sono oggi utilizzate da alcune delle più grandi case automobilistiche mondiali (fra le altre FCA, Toyota, BMW, Jaguar, Land Rover, la supercar messicana Vuhl ecc.) per la realizzazione di modelli di stile di alta precisione e per la realizzazione di componenti, nonché dai maggiori team di Formula1 per i modelli e le parti in fibra di carbonio per le monoposto. A queste soluzioni si affiancano quelle prodotte dall’americana DMS, con sede a Colorado Springs, acquisita dal Gruppo a fine 2018». 

Un’auto che consuma meno di un phon

Il risultato della collaborazione è un’auto che è stata rinnovata nei materiali, con un ampio impiego della fibra di carbonio, con conseguente risparmio energetico e ottimizzazione delle prestazioni; nella meccanica, migliorata in ogni dettaglio; i miglioramenti hanno inoltre coinvolto i due motori elettrici e il pannello solare di 5 m2.

La nuova vettura può così trasportare 4 persone raggiungendo la velocità massima di 120km/h, con un consumo pari a 1,2 Kw: meno di un phon.


Leggi anche

I container Dry Van e i rimorchi refrigerati si evolveranno nei prossimi dieci anni per diventare più compatti, leggeri, duraturi nel tempo e aereodinamici rispetto agli odierni equipaggiamenti, sostengono così gli esperti del settore….

Leggi tutto…

Il mercato del composito, prima esclusivo del racing e delle supercar, è sempre più orientato alla definizione di strutture leggere che permettano minori consumi e miglior efficienza su veicoli di uso comune. Abbiamo intervistato Francesco Varrasi, CEO di Mind Composites, azienda Italiana attiva dal 2006 specializzata nell’industrializzazione di componenti in materiale composito….

Leggi tutto…

Un materiale che non manca mai su una pista, il filamento CF-PA12, e che ora supera di gran lunga il suo tradizionale impiego. Arricchito con la fibra di carbonio è stato adoperato nella stampa 3D. La gara ufficiale di Formula Student è stato lo scenario perfetto per sperimentare il neonato collettore di aspirazione stampato dalla società polacca Omni3D….

Leggi tutto…

Per aumentare la sicurezza dei caschi indossati dai piloti del motorsport a 4 ruote la Federazione Internazionale dell’Automobile ha introdotto a partire da quest’anno un nuovo regolamento, più rigido e restrittivo. Le specifiche tecniche da rispettare per ottenere l’approvazione riguardano la conformazione e la struttura dei caschi così da limitare danni e incidenti alla testa, la zona più delicata e al tempo stesso più esposta del conducente….

Leggi tutto…

Con grandi progressi tecnologici lungo la catena, l’industria dei compositi riesce ad automatizzare e ridurre i tempi dei processi di produzione. Questi sviluppi sono stati di grande rilevanza per COMPOSITES EUROPE 2018 che si è svolto per la tredicesima volta dal 6 all’8 Novembre. Le prospettive per l’intera industria dei Compositi sono decisamente buone e con enormi potenziali….

Leggi tutto…