Emilia 4 LT: l’auto solare in fibra di carbonio sfida il deserto australiano

Emilia 4 LT: l’auto solare, frutto della collaborazione tra UniBo e CMS Advanced Materials

Emilia 4 LT, il primo cruiser solare a quattro posti circolante in Italia, è stata presentata mercoledì 31 luglio 2019 ai Musei Ferrai di Maranello dal team Onda Solare dell’Università di Bologna. L’auto solare si prepara ad affrontare dal 13 al 20 ottobre 2019 la World Solar Challenge con il suo percorso di 3000 km che va da Darwin ad Adelaide, attraversando il deserto australiano. La versione precedente ha vinto nel 2018 l’American Solar Challenge percorrendo 2800 km dal Nebraska all’Oregon.

Il modello di questo anno presenta un nuovo design, risultato di nuove attività di ricerca e progettazione, in collaborazione con il Centro di ricerca industriale di CMS Advanced Materials (Scm Group). CMS è una società che produce tecnologie per la lavorazione di materiali avanzati per settori altamente innovativi come l’automotive e l’aerospaziale. Già l’anno scorso aveva contribuito al progetto, mettendo a disposizione del team universitario i suoi centri di lavoro per creare gli stampi da impiegare nella produzione della carrozzeria in fibra di carbonio della vettura. Quest’anno ha rinnovato la collaborazione, contribuendo soprattutto proprio nell’ambito della lavorazione dei materiali compositi a base di fibra di carbonio, punto di forza dell’azienda.

Un’occasione di ricerca e sviluppo nel settore materiali compositi

Sottolinea Lucio Giavazzi, Division Manager di CMS Advanced Materials: «Il sostegno all’Università di Bologna e al Team Onda Solare attraverso il nostro Centro di ricerca, ci consente di perfezionare sempre di più le nostre competenze e tecnologie, in particolare quelle legate allo sviluppo di un ambito in continua evoluzione come quello dei materiali compositi per i settori racing, automotive ed aeronautica. Le nostre tecnologie sviluppate nella sede produttiva di Zogno (Bergamo), sono oggi utilizzate da alcune delle più grandi case automobilistiche mondiali (fra le altre FCA, Toyota, BMW, Jaguar, Land Rover, la supercar messicana Vuhl ecc.) per la realizzazione di modelli di stile di alta precisione e per la realizzazione di componenti, nonché dai maggiori team di Formula1 per i modelli e le parti in fibra di carbonio per le monoposto. A queste soluzioni si affiancano quelle prodotte dall’americana DMS, con sede a Colorado Springs, acquisita dal Gruppo a fine 2018». 

Un’auto che consuma meno di un phon

Il risultato della collaborazione è un’auto che è stata rinnovata nei materiali, con un ampio impiego della fibra di carbonio, con conseguente risparmio energetico e ottimizzazione delle prestazioni; nella meccanica, migliorata in ogni dettaglio; i miglioramenti hanno inoltre coinvolto i due motori elettrici e il pannello solare di 5 m2.

La nuova vettura può così trasportare 4 persone raggiungendo la velocità massima di 120km/h, con un consumo pari a 1,2 Kw: meno di un phon.


Leggi anche

Recotrans project first demo samples

Nel contesto del progetto RECOTRANS, che ha l’obiettivo di produrre veicoli più leggeri e meno inquinanti senza determinare un aumento dei costi, sono stati realizzati i primi tre prototipi dimostrativi rispettivamente di componenti auto, autocarro e treno, grazie a un nuovo processo di produzione che utilizza microonde e materiali plastici leggeri…

Leggi tutto…

ECOXY Project develops bio-based epoxy resin and fibre-reinforcements

Partito a giugno 2017 con termine previsto per novembre 2020, il progetto europeo ECOXY punta a sviluppare resine epossidiche innovative a base biologica e rinforzi in fibra per produrre nuovi compositi termoindurenti (FRTC) sostenibili e competitivi sia a livello di prestazioni che di costi, con l’obiettivo di raggiungere funzionalità avanzate. Questi nuovi compositi potranno trovare applicazione nel settore automobilistico e nell’edilizia…

Leggi tutto…

Composite camshaft module

Nonostante la ricerca continua di materiali più leggeri per l’automotive, le vetture in commercio hanno ancora gli alberi a camme, componente chiave dei propulsori, in alluminio. Un gruppo di ricerca dell’Istituto Fraunhofer per le tecnologie chimiche ICT, insieme ad alcuni partner, ha prodotto un albero a camme da polimeri termoindurenti fibrorinforzati. Questo componente leggero, al momento disponibile solo come dimostratore, aiuterà a ridurre il peso del motore e i costi di assemblaggio…

Leggi tutto…

BRYSON project

Il Progetto BRYSON che vede coinvolto un consorzio di aziende e istituti di ricerca tedesche, tra cui l’Università tecnica di Dresda, risponde alla sfida della transizione verso l’idrogeno. Si pone infatti l’obiettivo di sviluppare innovativi sistemi di stoccaggio dell’idrogeno per una integrazione ottimizzata nella struttura dei vari tipi di veicoli…

Leggi tutto…

Graphene-reinforced carbon fibre

Un gruppo di ricercatori alla Penn State University in Pennsylvania ha scoperto che l’aggiunta di una piccola percentuale di grafene nel processo produttivo della fibra di carbonio non solo rende la fibra più resistente, ma può anche aiutare ad abbattere i costi di produzione. La scoperta potrebbe avvantaggiare il settore automobilistico, garantendo materiali più sicuri e meno costosi…

Leggi tutto…