FLOTANT Project: nuovi materiali per parchi eolici offshore

Offshore wind farms: current problems 

Wind farms are a clean, sustainable and independent way to produce electricity on land, and offshore wind farms are becoming increasingly more common.

This second type actually produces energy more efficiently, but the current technology for implementing them involves higher installation and maintenance costs. Also, when there are no offshore locations far enough from the coast at the right water depth (less than 60 meters) where the wind turbine can be anchored directly to the seabed, more expensive systems must be used such as mooring, anchoring, and floating structures.

New plastic materials and coatings will make it possible to install floating wind farms in deeper water with fewer costs

The FLOTANT project is developing a plastic-concrete hybrid system to improve the buoyancy of wind turbines, as well as materials that are more lightweight and resistant to the marine environment. These developments are expected to reduce installation and maintenance costs by over 50%.

In particular, to provide a solution to offshore wind farms problems, AIMPLAS, the Plastics Technology Centre, which participate in the FLOTANT project, is developing and optimizing the anchoring, wiring and floatation system through the design of thermoplastic and thermoset materials with antifouling and antibite properties. The aim is to make possible to install marine wind farms in water depths of 100 to 600 meters, with placement and maintenance costs that are 55% to 60% lower than at present.

The project: a description

FLOTANT, which began in April 2019, is framed within the European Horizon 2020 program and will last 36 months. The solutions developed in this project will make it possible to install wind turbines of more than 10 MW thanks to an anchoring system made of high-performance polymers that will reduce platform movements. This solution will consist of a plastic-concrete hybrid floating system, dynamic lightweight wiring, and a high-performance power export system.

The project has chosen three different environments to install three prototypes: dynamic testing equipment for marine components used in the anchoring and power export systems, a tank that simulates marine conditions for the prototype of the comprehensive system, and the Port of Taliarte (Gran Canaria) for characterization of the new polymeric materials under real marine conditions.

The result is expected to reduce the cost of producing this type of energy from €107 per MWh in 2018 to €85-€95 per MWh by 2030.

This project has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation program under grant agreement number 815289.


Leggi anche

The Composites Institute e UK Research and Innovation’s (UKRI) Innovate UK hanno annunciato sette nuovi progetti di ricerca e innovazione che serviranno a sviluppare nuovi materiali compositi in grado di far avanzare la produzione di componenti in una serie di diversi settori industriali, come la produzione aerospaziale, automobilistica e di energia rinnovabile…

Leggi tutto…

Centri di lavoro best-in-class a 5 assi ed alta velocità per la lavorazione di materiali comositi, alluminio e metallo

CMS SpA produce centri di lavoro multiassi a controllo numerico, termoformatrici e sistemi di taglio a getto d’acqua che permettono all’azienda di servire molti settori industriali: aerospaziale, automotive, nautica, ferroviario e molto altro. CMS offre, insieme a qualità e precisioni, soluzioni innovative, capaci di coprire le diverse fasi del processo produttivo o le specifiche esigenze. …

Leggi tutto…

È difficile prevedere le proprietà di un materiale come il vetro partendo dalla sua composizione perché tutti i tipi di vetro sono strutture disordinate. Un nuovo modello matematico sviluppato da un gruppo di ricercatori dell’Università del Michigan permette di prevedere la densità e la rigidità del vetro. Queste informazioni possono essere utilizzate per migliorare la progettazione di fibre di rinforzo da impiegare per materiali compositi resistenti e leggeri destinati ad automobili e turbine eoliche…

Leggi tutto…

I moduli fotovoltaici sono posizionati in genere sui tetti, in quanto sono le zone degli edifici che ricevono maggiore irradiazione solare. Tuttavia, un gruppo di ricercatori del Fraunhofer Center for Silicon Photovoltaics CSP ha analizzato la possibilità di inserire moduli fotovoltaici anche nelle facciate per integrare l’alimentazione. Se progettati in modo adeguato, possono fornire oltre il 50% in più di energia rispetto ai tipi di moduli esistenti. Anche i muri di cemento sono adatti…

Leggi tutto…

The resin - hardened under water

TU Wien ha brevettato una speciale formula di resina epossidica che consente di trasformare il materiale dallo stato liquido a quello solido se una parte di esso è irradiata da una luce appropriata. Il processo è stato eseguito anche sott’acqua, questo permetterà di impiegare la resina anche in interventi difficili da realizzare fino a oggi: per esempio, il riempimento di fessure subacquee in pilastri o dighe o la riparazione di tubi durante le operazioni in corso …

Leggi tutto…