Green Carbon Project: la Germania punta sulla sostenibilità

Materiali innovativi con fibre di carbonio prodotti a partire da alghe

Il Ministero dell’istruzione e della ricerca tedesco ha finanziato con 6,5 milioni di euro il Green Carbon Project della Technical University of Munich (TUM). Il progetto aveva come primo obiettivo quello di realizzare fibre di carbonio di origine organica (ossia prodotte a partire da alghe) da utilizzare nei processi industriali per sviluppare prodotti a basso impatto ambientale.

Sulla base di calcoli teorici, i ricercatori dell’Università hanno mostrato che se si utilizzano fibre di carbonio provenienti da olio di alga per produrre materiali compositi innovativi, questo processo di produzione assorbe più anidride carbonica di quella che rilascia nell’atmosfera.

Questo fattore ha una particolare rilevanza, perché la CO2 è il principale gas serra e secondo il IPCC Special Report on Global Warming of 1.5 °C, l’ultimo rapporto sulla situazione climatica mondiale, i processi di produzione industriale con un bilancio negativo di emissione di CO2 potranno rivestire un ruolo centrale nel tenere sotto controllo i cambiamenti climatici.

Sulla base dei risultati ottenuti, i ricercatori del Green Carbon Project intendono sviluppare processi di produzione per polimeri e materiali leggeri da costruzione a base di fibra di carbonio prodotta da alghe che abbiano un’applicazione concreta nell’industria, per esempio nel settore aeronautico e automobilistico.

Le qualità delle microalghe

I ricercatori della TUM si sono resi conto delle potenzialità delle microalghe coltivate nel centro tecnico alghe al Ludwig Bölkow Campus dell’Università. La crescita rapida di questi organismi consente loro di immagazzinare CO2 sottoforma di biomassa. L’anidride carbonica è catturata all’interno delle catene di zuccheri e nell’olio di alga, i quali possono essere utilizzati in processi chimici e biochimici per produrre precursori di una molteplicità di prodotti utilizzati nell’industria. Per esempio, la materia prima per le plastiche biodegradabili o additivi per lubrificanti.

Applicazioni industriali per una produzione sostenibile

Alla fase di sperimentazione dovrà seguire una fase operativa: i ricercatori intendono sviluppare tecniche per combinare le materie plastiche con le fibre di carbonio prodotte dalle alghe per creare materiali compositi sostenibili.

Secondo quanto affermato dal direttore del progetto Thomas Brück, professore di Biotecnologia di sintesi alla TUM: «Le fibre di carbonio prodotte con le alghe sono del tutto identiche alle fibre oggi in uso nell’industria. Perciò possono essere usate per tutti i processi standard nella produzione aeronautica e automobilistica».

Inoltre, fibre di carbonio e rocce dure possono essere impiegate per produrre nuovi materiali da costruzione, con un bilancio negativo di emissione di CO2 e proprietà chimico-fisiche e tecniche migliori in confronto agli attuali materiali in uso: maggiore leggerezza rispetto all’alluminio e più resistenza rispetto all’acciaio.

Per maggiori informazioni: www.tum.de


Leggi anche

Nasce un consorzio tra Williams Advanced Engineering, JPA Design, British Airways e SWS Certification, con il supporto di Airbus e il finanziamento dell’Aerospace Technology Institute (ATI). Lo scopo è sviluppare nuove strutture leggere per i sedili degli aerei, puntando a migliorare l’esperienza di viaggio dei passeggeri e a ridurre il peso dei velivoli, in modo da abbattere le spese di carburante delle compagnie aeree e le emissioni di CO2…

Leggi tutto…

La corazza della canocchia pavone (detto anche gambero mantide), uno dei predatori più forti al mondo, si è evoluta per sviluppare una struttura interna per proteggere l’appendice a forma di clava che questo animale usa per frantumare le prede con incredibile velocità e forza. I ricercatori della University of California Riverside (UCR) hanno studiato questa struttura per applicarla nell’ambito della produzione di materiali compositi ultraresistenti….

Leggi tutto…

Toyohashi University of Technology ha sviluppato un nuovo processo per la fabbricazione di un film multiferroico nanocomposito a prezzi accessibili in collaborazione con il Japan Fine Ceramics Center, il National Institute of Technology Ibaraki College, l‘International Iberian nanotechnology Laboratory, la Chang’an University e la University of Erlangen-Nuremberg. Il materiale multiferroico ottenuto dal nuovo processo possiede una forte correlazione tra le proprietà elettriche e magnetiche, quindi si prevede che possano essere applicabili in futuro in diversi settori, come per esempio nella produzione die modulatori di luce spaziale….

Leggi tutto…

Il Lightweight Technologies Forum che si terrà durante il COMPOSITES EUROPE (Stoccarda, 10-12 Settembre) sarà l’occasione per presentare uno studio sullo stato attuale e sulle nuove frontiere del mercato aerospaziale, per capirne le necessità ed esaminare le possibili tecnologie e materiali da impiegare in questo settore….

Leggi tutto…

All’interno del progetto di ricerca europeo “ComMUnion”, il Fraunhofer Institute for Production Technology (IPT) e il Fraunhofer Institute for Laser Technology (ILT) con sede ad Aachen, in Germania, stanno lavorando in collaborazione con 14 partners provenienti dal mondo dell’industria, della ricerca e dell’accademia, per sviluppare processi industriali e soluzioni per la fabbricazione di materiali leggeri ibridi, combinando metalli e compositi a matrici polimerica, con l’obiettivo di impiegarli nel settore automotive e aerospaziale….

Leggi tutto…