Horizon 2020: finanziamenti per progetti di ricerca nel manifatturiero

Horizon 2020 è il più grande programma di ricerca e di innovazione dell’Unione Europa con circa 80 miliardi di euro di finanziamenti nell’arco di sette anni, oltre agli investimenti privati che si prevedono. Horizon 2020 vuole essere un mezzo per guidare la crescita economica e creare posti di lavoro, grazie anche al sostegno politico di leader europei e di deputati al Parlamento Europeo. Posta al centro dei programmi dell’UE, la ricerca è stata definita come l’investimento migliore per il nostro futuro.

L’obiettivo è garantire che l’Europa produca una scienza di livello mondiale, rimuova gli ostacoli all’innovazione e renda più facile per i settori pubblico e privato collaborare nel fornire innovazione.

Il progetto ha scopo di far crescere il settore manifatturiero in modo sostenibile e intelligente, stimolando la collaborazione fra Micro, Piccole e Medie imprese (MPMI), Grandi Imprese e Organismi di Ricerca, al di fuori dei confini strettamente nazionali/regionali. Manunet III farà in modo di consolidare la coesione territoriale promuovendo tali ricerche transanazionali, l’innovazione e l’imprenditorialità nel settore industriale

Horizon 2020 è un programma alla portata di tutti, tutti vi possono partecipare in quanto tutte le procedure burocratiche e temporali sono state semplificate in modo tale da poter far decollare nuovi progetti più velocemente e ottenere così risultati in un lasso di tempo più breve.

BANDO 2019
I paesi che vi partecipano sono:

  • Italia
  • Belgio
  • Lussemburgo
  • Germania
  • Norvegia
  • Romania
  • Turchia
  • Israele
  • Spagna
  • Paesi Bassi
  • Irlanda
  • Russia

Il bando affronterà i seguenti argomenti:

  • Ingegneria della conoscenza, informazione e ICT;
  • Applicazioni ambientali ed energetiche, includendo l’efficienza delle risorse, il riciclaggio e l’economia circolare;
  • Tecnologie adattive;
  • Nuovi materiali e compositi;
  • Nuovi metodi, componenti e sistemi;
  • Tecnologie, prodotti e servizi relativi al manifatturiero;
  • Produzione additiva

I progetti dovranno prevedere un forte coinvolgimento delle PMI ed essere orientati al mercato.

Le proposte progettuali possono essere presentate da diversi paesi e regioni:
Germania, Irlanda, Lussemburgo, Romania Russia, Turchia, Asturie (Spagna), Paesi Baschi (Spagna), Castilla y León (Spagna), Catalogna (Spagna), Navarra (Spagna), Gelderland (Paesi Bassi), Overijssel (Paesi Bassi), Piemonte (Italia) e Vallonia (Belgio).

Il consorzio che presenta il progetto deve comprendere almeno due soggetti (imprese, gruppi di ricerca, università o altre organizzazioni pubbliche) di due paesi diversi e almeno due PMI.

La procedura per la presentazione delle domande è articolata in due fasi:

  • dal 14 gennaio al 21 marzo 2019 i partecipanti presentano la proposta provvisoria;
  • successivamente, i candidati selezionati potranno presentare le proposte complete entro l’11 luglio 2019.

La Regione Piemonte pubblicherà a breve anche un bando regionale, cofinanziato dal POR FESR, per partecipare alla call MANUNET.

Per ulteriori informazioni: http://first.aster.it/_aster_/viewFocus?focus=24&pagina=partecipare


Leggi anche

NetComposites is pleased to announce that EuCIA will be contributing to the Ecocomp 2019 programme with a demonstration of their Eco Impact Calculator for Composites….

Leggi tutto…

Packaging sostenibile, quando l’innovazione sposa la sostenibilità. L’industria cartaria italiana investe 420 milioni di euro all’anno in innovazione, a fronte dei 3,5 miliardi complessivi a livello europeo. …

Leggi tutto…

Il salone JEC WORLD 2019 si è concluso dopo tre intense giornate all’insegna dell’innovazione, del networking e della condivisione delle conoscenze. 1.300 espositori, 43.000 visitatori professionisti da 112 paesi partecipanti e 27 padiglioni nazionali: sono questi i numeri, come riportati dal meeting delle associazioni europee e globali di settore, di JEC World, il luogo in cui il mondo dei materiali compositi si incontra riunendo i protagonisti del settore e i loro rappresentanti. …

Leggi tutto…

Un nuovo design, il robot milliDelta, ideato e realizzato da un team di Harvard negli Stati Uniti. Si supera la sfida di miniaturizzazione, integrando la tecnica di microfabbricazione ispirata agli origami con materiali compositi ad alte prestazioni. È così che il milliDelta può operare con precisione ad alta velocità, forza e micrometro, rendendo possibile una serie di operazioni di micromanipolazione nella produzione e nella medicina….

Leggi tutto…

È stata annunciata la rivoluzione tecnologica che coinvolgerà il settore dei carburanti marittimi. Il progetto di nuovi serbatoi notevolmente più leggeri comporterà una maggiore diffusione del gas liquefatto e un nuovo futuro di quest’ultimo in qualità di “marine fuel”….

Leggi tutto…