I compositi dell’Harbin Research Institute supportano le missioni aerospaziali cinesi

L’Harbin Research Institute ha prodotto la struttura portante del sottosistema di propulsione della stazione spaziale. Ha utilizzato materiali compositi per:

  • il dispositivo di orientamento solare del sottosistema di alimentazione
  • la scatola di stoccaggio
  • la piastra di isolamento.

 

Dimensioni e caratteristiche

La cabina sperimentale Mengtian è composta da quattro sezioni:

  1. area di lavoro
  2. vano da stiva
  3. zona di carico
  4. zona di risorse.

È lunga 17,88 metri, ha 4,2 metri di diametro e una massa di lancio di circa 23 tonnellate. È dotata di celle solari flessibili per generare energia fino a 13,5 kilowatt. La struttura portante del sottosistema di propulsione è realizzata in materiale composito su larga scala e ha le caratteristiche di una parete sottile, interessata da un’ampia curvatura e una grande apertura. È dotata di un’elevata capacità portante.

 

Il dispositivo di orientamento solare

È un prodotto del meccanismo di movimento rotante con un’ampia scala di progettazione. Possiede un ciclo di vita molto lungo e assicura una significativa trasmissione di potenza. La sua struttura portante è sviluppata in materiali compositi in fibra di carbonio ad alte prestazioni. È di grandi dimensioni, con pareti sottili e multi-aperture, vanta requisiti di elevata rigidità e di notevole capacità portante.

 

La scatola di stoccaggio e la piastra di isolamento

La cabina sperimentale Mengtian e la cabina sperimentale Wentian hanno la stessa configurazione e potenza. Dispongono entrambe di “ali giganti” con una lunghezza di 27 metri su un lato e un’area espandibile di quasi 138 metri quadrati. Dopo l’assemblaggio della stazione spaziale, le quattro ali solari sono state configurate nei due moduli sperimentali, per creare un’efficacie fonte di energia e garantire un “consumo di elettricità senza preoccupazioni.

 


Leggi anche

Il software Industry 4.0 è una soluzione di ottimizzazione, basata su AI e Industrial Internet of Things (IIoT), che automatizza e semplifica il tracciamento, la gestione e la pianificazione delle materie prime. Permette di massimizzare l’utilizzo del materiale fino al 3%, con una conseguente e significativa diminuzione degli sprechi e dei ritardi di produzione….

Leggi tutto…

Meccanismi innovativi per azionare e posizionare i pannelli solari, un adattatore universale in materiali compositi e il miglioramento dell’elettronica di rete centrale sono le novità che caratterizzano i razzi delle tre missioni Artemis: il rivoluzionario programma della NASA, che, dopo cinquant’anni, segna il ritorno dell’uomo sulla Luna. …

Leggi tutto…

Dettagli concettuali, come l’incorporazione di materiali compositi; un design biomimetico e un focus sulla sicurezza caratterizzano il nuovo concept dell’abitacolo a cinque posti del veicolo elettrico a decollo e atterraggio verticale (eVTOL) di Supernal. Il team di ingegneri e progettisti ha utilizzato l’approccio riduttivo dell’industria automobilistica per creare una cabina leggera, in fibra di carbonio sagomata. …

Leggi tutto…

Un recente progetto ha visto la realizzazione e l’approvazione di una sovrapposizione del pannello strumenti in un elicottero Airbus H125. L’intero procedimento doveva far sì che l’abitacolo venisse modernizzato, come richiesto dal cliente, ma senza dover aspettare i tempi e sostenere i costi necessari per rifare completamente il pannello….

Leggi tutto…

Il progetto, finanziato da un contratto Australian Government Defence Innovation Hub, ha visto la progettazione di una ruota in fibra di carbonio con una capacità di carico di 9.000 kg e un peso del 35% inferiore rispetto a quelle attualmente utilizzate sul velivolo. La ruota concettuale garantisce, inoltre, una maggiore durata e rappresenta un punto di partenza per altre applicazioni aerospaziali e militari con sollevamento verticale….

Leggi tutto…