i-Tril: la visione Toyota sulla mobilità urbana del 2030


Il nuovo prototipo i-Tril ha fatto il suo esordio mondiale in occasione del Salone di Ginevra 2017: dotato di tecnologia Active Lean, la Concept Car rappresenta un’alternativa alle vetture dei segmenti A e B, al trasporto pubblico e alle due ruote. Studiata per offrire una nuova visione del mondo dell’automobile, i-TRIL va ben oltre il concetto di mezzo di trasporto: nata dall’impegno del Presidente Akio Toyoda di infondere maggiore passione e piacere di guida ai prodotti Toyota, la nuova Concept Car abbraccia la filosofia Waku Doki (termine giapponese che significa ‘battito del cuore’) per dimostrare come i veicoli elettrici del futuro
riusciranno a stimolare le stesse sensazioni e la vitalità dell’automobilismo vero e proprio. Il prototipo fa ampio uso di fibra di carbonio (90% fra parti esterne e interne) per alleggerire il peso totale, aumentare le prestazioni e ridurre i consumi. Tessuto e Alcantara rifiniscono gli interni mentre i vetri dell’auto e delle lampade sono stati realizzati in plexiglass.

Un target di clienti ben definito
Le indagini Toyota hanno individuato il seguente target: una madre dalla vita attiva, fra i 30 e i 50 anni, che vive in una ‘città media’, o SMESTO (Small to Medium Sized TOwn).
Gli studi effettuati dall’Unione Europea sul futuro delle città suggeriscono infatti come la tendenza ad ampliare le vaste aree metropolitane (come Londra e Parigi) verrà a breve sostituita dalla nascita di nuove aree suburbane di media densità abitativa adiacenti alle città esistenti, una caratteristica che richiede disponibilità di mezzi di trasporto agili e urban friendly.

Tecnologia Active Lean
Dotata di un motore elettrico e di un peso di soli 600 kg, le dimensioni di i-TRIL si attestano a soli 2.830 mm di lunghezza e 1.460 mm di altezza, con una carreggiata di 1.200 mm sull’anteriore e 600 mm sul posteriore, e con un giunto che collega l’asse posteriore all’abitacolo per consentire l’inclinazione della scocca e degli pneumatici anteriori. Forti dell’esperienza nella tecnologia Active Lean, gli ingegneri Toyota hanno scoperto che un’inclinazione di dieci gradi è perfetta per coniugare aderenza e stabilità e per massimizzare la sicurezza dei passeggeri.
La robustezza dell’architettura e l’ampiezza della parte posteriore dell’abitacolo, dotata di una doppia seduta, vengono impreziosite dal disegno dei gruppi ottici posti sopra l’assale posteriore, che alloggia anche il motore elettrico.

Layout ‘uno più due’
Con il suo layout dei sedili, i-TRIL ridefinisce il concetto di spazio: le moderne filosofie di interior design strizzano l’occhio a una struttura costruita attorno al conducente.
Gli interni sono stati progettati in maniera specifica per offrire un’esperienza di guida capace addirittura di superare quella di un’automobile convenzionale: i rivestimenti in Alcantara, il tessuto dei sedili posteriori e il pianale in legno (tutti realizzati da materiali riciclati) regalano agli occupanti un ambiente confortevole ispirato alle comodità di un salotto domestico.
La trama a coste della seduta posteriore si estende a raggiera per enfatizzare l’ampiezza dell’abitacolo. Il battistrada degli pneumatici Goodyear (da 19” sull’anteriore e 20” sul posteriore) è stato inoltre scolpito per accordarsi al design degli interni.


Leggi anche

Così come altre maggiori industrie globali, i sistemi di trasporto di massa “lottano” per migliorare l’efficienza e ridurre i costi di gestione. Per i progettisti di carrozze ferroviarie merci e passeggeri questo ha significato approcciare nuovi materiali e tecniche di produzione. Ne è un esempio l’uso massiccio di materiali FRP per produrre strutture di basso peso e alta resistenza. bigHead con la sua vasta esperienza nei fissaggi lavora a fianco dei progettisti dei clienti per trovare soluzioni ad hoc….

Leggi tutto…

Ford Motor Company, in collaborazione con WMG, the University of Warwick ha sviluppato uno snodo posteriore in materiale composito ottenendo una riduzione del peso potenziale del 50% rispetto all’attuale componente in acciaio. Le prove di fabbricazione della versione in fibra di carbonio sono attualmente in corso per sviluppare il processo di produzione di massa su larga scala

Leggi tutto…

L’innovativa tecnica “Low Cure Clear Coats” permette di essiccare la vernice già a 100° in un unico passaggio fra corpo vettura e parti in carbonio e materiali compositi. A rendere uniche le vetture del Cavallino Rampante non sono solamente il marchio, il design e le prestazioni, ma anche le tinte della carrozzeria, che si servono di una tecnica di verniciatura inedita nel panorama automobilistico

Leggi tutto…

La coupé BMW M2 M Performance Parts Concept trasmette sportività da ogni angolazione, grazie ad un attento utilizzo dei materiali compositi. Stile atletico, cattiveria innata e una netta cura dimagrante (oltre 60 kg), questo il risultato di un’autovettura dove la fibra di carbonio è protagonista

Leggi tutto…

Alpine A110, la più iconica delle vetture prodotte da Renault, torna in vita in quella che può essere considerata qualcosa che va oltre la classica operazione nostalgia. Se siete possessori di una Smart Roadster potete oggi convertirla in una copia piuttosto fedele della “berlinette bleue” grazie ai materiali compositi che per le loro peculiarità possono essere lavorati e plasmati per creare una perfetta replica della coupé Smarlinette!

Leggi tutto…