i-Tril: la visione Toyota sulla mobilità urbana del 2030


Il nuovo prototipo i-Tril ha fatto il suo esordio mondiale in occasione del Salone di Ginevra 2017: dotato di tecnologia Active Lean, la Concept Car rappresenta un’alternativa alle vetture dei segmenti A e B, al trasporto pubblico e alle due ruote. Studiata per offrire una nuova visione del mondo dell’automobile, i-TRIL va ben oltre il concetto di mezzo di trasporto: nata dall’impegno del Presidente Akio Toyoda di infondere maggiore passione e piacere di guida ai prodotti Toyota, la nuova Concept Car abbraccia la filosofia Waku Doki (termine giapponese che significa ‘battito del cuore’) per dimostrare come i veicoli elettrici del futuro
riusciranno a stimolare le stesse sensazioni e la vitalità dell’automobilismo vero e proprio. Il prototipo fa ampio uso di fibra di carbonio (90% fra parti esterne e interne) per alleggerire il peso totale, aumentare le prestazioni e ridurre i consumi. Tessuto e Alcantara rifiniscono gli interni mentre i vetri dell’auto e delle lampade sono stati realizzati in plexiglass.

Un target di clienti ben definito
Le indagini Toyota hanno individuato il seguente target: una madre dalla vita attiva, fra i 30 e i 50 anni, che vive in una ‘città media’, o SMESTO (Small to Medium Sized TOwn).
Gli studi effettuati dall’Unione Europea sul futuro delle città suggeriscono infatti come la tendenza ad ampliare le vaste aree metropolitane (come Londra e Parigi) verrà a breve sostituita dalla nascita di nuove aree suburbane di media densità abitativa adiacenti alle città esistenti, una caratteristica che richiede disponibilità di mezzi di trasporto agili e urban friendly.

Tecnologia Active Lean
Dotata di un motore elettrico e di un peso di soli 600 kg, le dimensioni di i-TRIL si attestano a soli 2.830 mm di lunghezza e 1.460 mm di altezza, con una carreggiata di 1.200 mm sull’anteriore e 600 mm sul posteriore, e con un giunto che collega l’asse posteriore all’abitacolo per consentire l’inclinazione della scocca e degli pneumatici anteriori. Forti dell’esperienza nella tecnologia Active Lean, gli ingegneri Toyota hanno scoperto che un’inclinazione di dieci gradi è perfetta per coniugare aderenza e stabilità e per massimizzare la sicurezza dei passeggeri.
La robustezza dell’architettura e l’ampiezza della parte posteriore dell’abitacolo, dotata di una doppia seduta, vengono impreziosite dal disegno dei gruppi ottici posti sopra l’assale posteriore, che alloggia anche il motore elettrico.

Layout ‘uno più due’
Con il suo layout dei sedili, i-TRIL ridefinisce il concetto di spazio: le moderne filosofie di interior design strizzano l’occhio a una struttura costruita attorno al conducente.
Gli interni sono stati progettati in maniera specifica per offrire un’esperienza di guida capace addirittura di superare quella di un’automobile convenzionale: i rivestimenti in Alcantara, il tessuto dei sedili posteriori e il pianale in legno (tutti realizzati da materiali riciclati) regalano agli occupanti un ambiente confortevole ispirato alle comodità di un salotto domestico.
La trama a coste della seduta posteriore si estende a raggiera per enfatizzare l’ampiezza dell’abitacolo. Il battistrada degli pneumatici Goodyear (da 19” sull’anteriore e 20” sul posteriore) è stato inoltre scolpito per accordarsi al design degli interni.


Leggi anche

Il salone JEC WORLD 2019 si è concluso dopo tre intense giornate all’insegna dell’innovazione, del networking e della condivisione delle conoscenze. 1.300 espositori, 43.000 visitatori professionisti da 112 paesi partecipanti e 27 padiglioni nazionali: sono questi i numeri, come riportati dal meeting delle associazioni europee e globali di settore, di JEC World, il luogo in cui il mondo dei materiali compositi si incontra riunendo i protagonisti del settore e i loro rappresentanti. …

Leggi tutto…

I container Dry Van e i rimorchi refrigerati si evolveranno nei prossimi dieci anni per diventare più compatti, leggeri, duraturi nel tempo e aereodinamici rispetto agli odierni equipaggiamenti, sostengono così gli esperti del settore….

Leggi tutto…

Il mercato del composito, prima esclusivo del racing e delle supercar, è sempre più orientato alla definizione di strutture leggere che permettano minori consumi e miglior efficienza su veicoli di uso comune. Abbiamo intervistato Francesco Varrasi, CEO di Mind Composites, azienda Italiana attiva dal 2006 specializzata nell’industrializzazione di componenti in materiale composito….

Leggi tutto…

Un materiale che non manca mai su una pista, il filamento CF-PA12, e che ora supera di gran lunga il suo tradizionale impiego. Arricchito con la fibra di carbonio è stato adoperato nella stampa 3D. La gara ufficiale di Formula Student è stato lo scenario perfetto per sperimentare il neonato collettore di aspirazione stampato dalla società polacca Omni3D….

Leggi tutto…

Per aumentare la sicurezza dei caschi indossati dai piloti del motorsport a 4 ruote la Federazione Internazionale dell’Automobile ha introdotto a partire da quest’anno un nuovo regolamento, più rigido e restrittivo. Le specifiche tecniche da rispettare per ottenere l’approvazione riguardano la conformazione e la struttura dei caschi così da limitare danni e incidenti alla testa, la zona più delicata e al tempo stesso più esposta del conducente….

Leggi tutto…