Il cemento di grafene ospite d’onore al Mobile World Congress

Italcementi, azienda italiana parte del Consorzio Graphene Flagship dal 2014, è stata protagonista della rivoluzione del grafene durante la vetrina internazionale del Mobile World Congress tenutosi a Barcellona il mese scorso.
Nel 2014 è iniziata la ricerca decennale sulle applicazioni al calcestruzzo del grafene avviata dall’Unione Europea supportata da un finanziamento complessivo di un miliardo di euro destinato allo sviluppo delle nuove tecnologie legate ai materiali.
Lo scopo degli studi avviati è quello di sfruttare al massimo e potenziare le capacità dei materiali appena scoperti, in particolare del grafene, per creare tecnologie del tutto innovative che siano in grado di mettere sottosopra i settori industriali. Si creeranno sviluppi interessanti dal punto di vista economico e parallelamente anche nuovi posti di lavoro nei paesi europei.

L’attenzione rivolta ad un materiale come il grafene è giustificata dalle sue eccellenti proprietà di condurre elettricità e calore, per non parlare delle sue caratteristiche meccaniche che lo rendono flessibile e resistente.

Il Mobile World Congress di Barcellona è stata la vetrina perfetta per presentare e mostrare il funzionamento del riscaldamento di pareti e pavimenti mediante calcestruzzi intelligenti detti “smart concrete”. Unendo il grafene al calcestruzzo da una parte si modifica l’atteggiamento isolante dei compositi cementizi, dall’altra si facilita il passaggio della corrente elettrica senza minarne le sue prestazioni.
Lo strato sottile di materiale composito cementizio al grafene, posizionato sotto la pavimentazione o l’intonaco, permetterà inoltre di condurre energia elettrica tramite il cemento in maniera efficace e senza essere invasivo.

Italcementi sta portando avanti la ricerca, approfondendo applicazioni degli “smart concrete”. Il composito cementizio, secondo le previsioni dell’azienda italiana, verrà impiegato anche come soluzione anti-neve e anti-ghiaccio, eco-friendly, destinata così a riscaldare superfici esterne. A capo del progetto, Italcementi si sta concentrando sulle proprietà disinquinanti dei cementi fotocatalitici grazie al grafene, in grado di aumentare l’efficacia del principio catalitico ed estenderne la sensibilità in condizioni di scarsa illuminazione.

Si prospetta un futuro ricco di novità nel settore edile, delle infrastrutture e della mobilità. Strade, piste ciclabili, rampe del garage di casa, moli e piste aeroportuali potranno essere ripulite da ghiaccio e neve senza bisogno di sale corrosivo e prodotti chimici antigelo, salvaguardando la sicurezza delle persone, la durabilità dei materiali e l’impatto sull’ambiente.
Numerose sono le future applicazioni di notevole importanza. Per quanto riguarda il monitoraggio delle strutture, la conduttività rende possibili soluzioni self-sensing che controllino sforzi, deformazioni e stati fessurativi del calcestruzzo in tempo reale, rendendo superflui sensori aggiuntivi. Pavimentazioni antistatiche, schermature degli edifici dalle interferenze elettromagnetiche e dissipazioni delle cariche elettrostatiche sono altre realizzazioni possibili.


Leggi anche

researchers

L’etanolo ha una densità di energia volumetrica cinque volte superiore (6,7 kWh/L) rispetto all’idrogeno (1,3 kWh/L) e può essere utilizzato in sicurezza nelle celle a combustibile per la generazione di energia. In teoria, l’efficienza di una cella a combustibile a etanolo è del 96%, ma in pratica alla massima densità di potenza è solo del 30%. Per raggiungere una maggiore efficienza un gruppo di ricercatori dell’IPEN (Brasile) sta studiando nuove membrane in materiale composito per celle a combustibile a etanolo diretto…

Leggi tutto…

Una nuova tecnologia rivoluzionaria sviluppata dal National Composites Center (NCC) e dalla Oxford Brookes University consente ora di separare (o smantellare) le strutture in materiale composito in modo rapido ed economico utilizzando una semplice fonte di calore. Questa ricerca potrebbe trasformare la progettazione, l’uso e il riciclaggio a fine vita di un’ampia gamma di prodotti, tra cui automobili, aeromobili e turbine eoliche…

Leggi tutto…

Il progetto NEMMO ha l’obiettivo di ridurre i costi di manutenzione e aumentare la resa delle turbine mareomotrici e più in generale, di migliorare l’efficacia in termini di costi dell’energia delle maree. Una delle fasi centrali del progetto è la creazione di nuovi rivestimenti e materiali per le pale delle turbine per ridurne l’usura. Proprio in quest’ottica, di recente, sono stati installati una serie di pannelli provenienti da pale per turbine mareomotrici realizzati in fibra di vetro e con un rivestimento in gel-coat che resteranno immersi per sei mesi per determinare il livello di biofouling sulla superficie…

Leggi tutto…

Uno studio dell’Istituto di tecnologia chimica Fraunhofer prevede che soltanto in Germania entro il 2024 dovranno essere sostituite 15.000 pale di generatori eolici, alle quali se ne aggiungeranno altre 72.000 nei tre anni successivi. Esistono già metodi ecologici per lo smaltimento dell’acciaio e del calcestruzzo nei generatori eolici, ma il riciclaggio delle pale del rotore rimane problematico. Per questo i ricercatori del Fraunhofer Institute for Wood Research, Wilhelm-Klauditz-Institut, WKI hanno sviluppato una soluzione: hanno usato una nuova tecnica di riciclaggio per recuperare il legno di balsa contenuto nelle pale del rotore, reimpiegandolo per esempio in tappetini isolanti per edifici…

Leggi tutto…

The Composites Institute e UK Research and Innovation’s (UKRI) Innovate UK hanno annunciato sette nuovi progetti di ricerca e innovazione che serviranno a sviluppare nuovi materiali compositi in grado di far avanzare la produzione di componenti in una serie di diversi settori industriali, come la produzione aerospaziale, automobilistica e di energia rinnovabile…

Leggi tutto…